Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

09/01/2014

Piano casa, a Venezia l’incontro fra i sindaci dei capoluoghi del Veneto

Variati: “Una legge scritta male che esautora i Comuni e ha problemi di costituzionalità”

Una legge scritta male: ha problemi di costituzionalità e di legittimità ed esautora i Comuni della competenza in materia di regolamentazione urbanistica”.
È il commento del sindaco Achille Variati al termine dell’incontro di oggi a Venezia per analizzare i contenuti del piano casa regionale insieme ai colleghi dei Comuni capoluogo del Veneto e al ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato.
Molti degli obiettivi del piano casa sono condivisibili – spiega Variati – per quanto riguarda l’efficienza energetica, la sicurezza sismica, l’eliminazione dell’amianto dalle coperture, la riqualificazione degli edifici, le zone a rischio idraulico”.
Ma ci sono cose che assolutamente non vanno bene – sottolinea il sindaco -. La legge è scritta male ed ha un difetto di fondo: esautora completamente i Comuni della competenza fondamentale per quanto riguarda la regolamentazione urbanistica del territorio; la legge sembra vedere nei Comuni e nei sindaci ostacoli allo sviluppo e questa è una posizione assolutamente indigeribile. Inoltre, la legge ha problemi di costituzionalità perché tradisce i principi di sussidiarietà stabiliti dagli articoli 114 e 118 della Costituzione, problemi di legittimità per violazione della direttiva europea 42 del 2001 che impone di assoggettare piani e programmi alla valutazione ambientale strategica, in deroga a tutti i regolamenti e agli strumenti urbanistici comunali, provinciali e regionali. Inoltre, la legge non rispetta i contenuti di un accordo quadro del 2009 fra Stato e Regioni sul piano casa. Vi sono infine altri svarioni: le deroghe ammesse riguarderebbero anche i parchi regionali che sono per legge assoggettati a vincolo paesaggistico e la possibilità di intervenire anche nei centri storici. Con questa legge, infine, vengono sottratte risorse ai Comuni”.
Nell’incontro di oggi fra i sindaci dei Comuni capoluogo – spiega Variati – abbiamo raggiunto un’intesa e ci siamo impegnati a presentare una proposta di legge di iniziativa dei Comuni per superare queste criticità e garantire quindi uno sviluppo sostenibile e compatibile con il rispetto dell’ambiente, delle direttive e della Costituzione, anche in collaborazione con le categorie economiche. La proposta di legge sarà votata dai rispettivi consigli comunali. Il ministro Zanonato si è riservato di verificare, parlandone direttamente con il presidente del Consiglio Letta,  eventuali profili di incostituzionalità della legge regionale. L’intenzione è di non sciogliere questo tavolo di lavoro e di confronto fra i sindaci in un’ottica collaborativa con la Regione. Il prossimo appuntamento è fissato a Padova mercoledì 19 febbraio per parlare del piano casa, di sviluppo economico, di start up e di interventi per le sviluppo infrastrutturale del Veneto”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza