Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

29/11/2010

Basilica 2012, “Interscambi: dialoghi per disegnare con la città il futuro della Basilica Palladiana”

Se negli ultimi anni i cittadini hanno potuto accedere fisicamente al cantiere di restauro della Basilica Palladiana, approfittare delle visite guidate e toccare con mano l’avanzare dei lavori, ora i vicentini avranno la possibilità  di partecipare attivamente al dietro le quinte di un’operazione strategica per la città: la ridefinizione dell’identità e delle funzioni che assumerà il complesso della Basilica Palladiana.
“Interscambi: dialoghi per disegnare con la città il futuro della Basilica Palladiana” è infatti un momento di confronto pubblico sul tema della riapertura della Basilica Palladiana, in programma lunedì 13 dicembre, alle 18, al Teatro Comunale Città di Vicenza.
Scopo dell’incontro, voluto dall’amministrazione è quello di proseguire il dialogo aperto per individuare le strategie più efficaci per il futuro sviluppo culturale del monumento e valorizzare le istanze dei portatori d’interesse cittadini.
Il coinvolgimento di cittadini, enti, associazioni di categoria, amministratori comunali, associazioni culturali, imprenditori, musei, studi di architettura e design, docenti universitari e artisti, darà maggiore solidità a tematiche e metodologie operative già affrontate nel Piano Strategico, preventivo al PAT, e in altri incontri e tavole rotonde fatte a diversi livelli in città.
A introdurre i lavori saranno il sindaco di Vicenza Achille Variati e l’assessore alla cultura Francesca Lazzari. Seguirà quindi l’intervento di Pier Luigi Sacco, aggiudicatario del bando per la “realizzazione di uno studio di fattibilità per la gestione e la sostenibilità del futuro centro culturale della Basilica Palladiana di Vicenza e assistenza nell’implementazione della strategia”, indetto dal Comune lo scorso luglio. Sacco ha peraltro competenze che spaziano dal marketing, al management, al fundraising, alla progettazione strategica in campo culturale e vanta una lunga esperienza nell’ambito dei distretti culturali evoluti.
Focus della discussione sarà valutare quali potrebbero essere i ruoli e le funzioni protagoniste del monumento simbolo della Vicenza palladiana dopo il lungo restauro: la prospettiva è quella di farne un vero e proprio catalizzatore delle eccellenze vicentine e propulsore di nuovi stimoli culturali nel segno della Vicenza del terzo millennio, con attenzione alle vocazioni della città con uno sguardo all’Europa e alla dimensione contemporanea internazionale. A tale proposito sarà anche essenziale ridefinire l’identità e la funzione del monumento rispetto a Vicenza e alle politiche di sviluppo della città in campo culturale, turistico, economico e sociale, ma nel contempo tracciare la nuova mappa dei rapporti strategici necessari a livello locale, nazionale e internazionale per la realizzazione degli obiettivi.
Per informazioni: Comune di Vicenza, assessorato alla cultura, levà degli Angeli 11, Vicenza, 0444 222101, asscultura@comune.vicenza.it

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza