Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

09/10/2009

Il movimento dei sindaci per il 20 % dell’Irpef il 21 ottobre ritorna a Roma

I sindaci del movimento per il 20 % dell’Irpef tornano a Roma, molto più arrabbiati e preoccupati di un anno fa. L’adesione dei Comuni vicentini alla manifestazione nazionale organizzata dall’Anci per il 21 ottobre è stata presentata oggi a Palazzo Trissino dal sindaco di Vicenza Achille Variati, dai colleghi Diego Marchioro di Torri di Quartesolo, Piero Menegozzo di Santorso, Giorgio Meneghello di Sarcedo e dall’assessore al bilancio del Comune di Longare, Marcello Verlato.

“Una rappresentanza trasversale – ha chiarito Variati – perché i problemi che denunciamo vanno oltre gli schieramenti politici”.

 “La situazione è grave – ha precisato il sindaco di Vicenza – anzi drammatica, e tutti noi sindaci la stiamo vivendo sulla nostra pelle ora che stiamo cercando di elaborare i bilanci di previsione 2010, con risorse così esigue e tagli così alti che inesorabilmente toccheranno anche i servizi essenziali per i cittadini che finora siamo riusciti a preservare”.

“Non si tratta più solo di patto di stabilità – gli ha fatto eco Diego Marchioro – ma della difficoltà sempre maggiore di far quadrare la parte corrente del bilancio, cioè quella che riguarda i servizi. L’abolizione dell’Ici sulla prima casa ha fatto felici i nostri cittadini, ma la sensazione è che tutti pagheranno questa concessione con gli interessi, vedendosi progressivamente ridotti i servizi che dovrebbero ricevere”.

Non si tratta infatti solo di soldi che rientrano in ritardo e a fatica nelle casse dei Comuni, ma anche di un gettito cristallizzato alla situazione prime case del 2007.

Le richieste dei sindaci sono quelle di un anno fa: il 20 per cento dell’Irpef nella casse dei Comuni dove viene prodotta e un riequilibrio dei trasferimenti nel segno del federalismo fiscale a fronte di una incontrovertibile buona gestione che da anni dimostrano i Comuni del nord.

Con le amministrazioni del Veneto in viaggio per Roma ci saranno anche i primi cittadini di numerosi Comuni del Friuli, del Piemonte, della Lombardia, e della Liguria, fatta eccezione per alcuni enti guidati dalla Lega: “Saremo tutti con la fascia – ha chiosato Variati - che rappresenta la nostra volontà di rispettare le leggi della Repubblica: che lo Stato non ci metta nelle condizioni di dover disubbidire!”.

Il movimento dei sindaci, che l’anno scorso venne ricevuto a fatica dal governo senza che poi ci fosse un seguito concreto alle richieste, conta in un’accoglienza più dignitosa ed efficace e magari anche in un incontro con il presidente della Repubblica, di cui i Comuni sono parte costitutiva.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza