Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

23/06/2009

Variati ai gestori dei locali: “Chiedo la vostra collaborazione per una Vicenza più viva, non più fracassona”

Faccia a faccia questa mattina a Palazzo Trissino tra il sindaco Achille Variati e una ventina di gestori di locali, invitati dal primo cittadino a fare il punto sul problema dei clienti molesti e maleducati. Tutti i convocati, infatti, sono gestori di locali che a vario titolo sono stati oggetto di esposti da parte di residenti (una trentina le proteste giunte in Comune) e di verifiche della polizia locale (una cinquantina i controlli, a cui sono seguiti 10 verbali). “Ho chiesto ai gestori - spiega Variati - di collaborare con l’amministrazione comunale per risolvere questo problema. Tutti vogliamo una città più viva, non più fracassona. Anche chi gestisce i locali deve assumersi le sue responsabilità. In caso contrario toccherà al sindaco, che ne ha la facoltà, intervenire con provvedimenti puntuali”.

Sono quattro i problemi esposti dal sindaco ai gestori dei locali oggetto di esposti, che si trovano sia in centro storico che in alcuni quartieri. “C’è il tema delle emissioni sonore troppo elevate – elenca il sindaco –  e del mancato rispetto dell’orario delle 23,30, quando ogni musica deve cessare. C’è l’uso improprio e maleducato degli spazi esterni ai locali, anche al di fuori dei plateatici, con problemi di igiene pubblica per via di chi urina, vomita, getta bicchieri, bottiglie e cartacce. C’è il tema dell’assembramento rumoroso e molesto fino a tarda ora, ben oltre la chiusura del locale stesso. C’è infine la questione della somministrazione di alcool ai minori di 16 anni, che è perseguibile penalmente”.

“Come un arbitro – prosegue Variati – ho spiegato che questa di oggi è per tutti i convocati un’ammonizione verbale. In questo senso ho chiesto a tutti loro di pensare a qualche soluzione, come ad esempio dedicare del personale ad hoc per controllare i comportamenti dei clienti fuori dai locali. Ho ricordato che non possono cavarsela ignorando cosa accade fuori dalla porta, perché è anche una loro responsabilità contenere questo malcostume crescente. E ho anche chiarito che se le cose non cambieranno velocemente scatteranno presto i cartellini giallo (multe, regolamentazione dei plateatici…) e rosso (riduzione dell’orario di apertura, chiusura fino a 10 giorni del locale…), con l’applicazione di poteri che sono già in capo al sindaco. Se sarà necessario, a provvedimenti generalisti adottati da altre città preferirò azioni sul piano soggettivo, che colpiscono solo chi si ostina a sbagliare”.

In attesa di vedere i frutti di questo incontro, l’amministrazione annuncia maggiori controlli: “Grazie al progetto notti tranquille e ai nuovi fondi per la sicurezza in arrivo dalla Provincia – conclude l’assessore alla sicurezza Antonio dalla Pozza – aumenteremo anche in questo ambito l’attività degli agenti della polizia locale, in particolare controllando gli orari di chiusura dei locali e scoraggiando gli assembramenti molesti dei clienti in particolare in piena notte”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza