Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

16/06/2008

L’amministrazione comunale ha nominato i dirigenti a tempo determinato: sono 11 di cui 7 già funzionari del Comune

Questa mattina la giunta Variati ha approvato la deliberazione con la quale dispone l’assunzione di 11 dirigenti a tempo determinato, fino al 30 giugno 2009.

Si tratta di 7 dipendenti comunali che vengono temporaneamente promossi all’incarico di dirigenti, di 3 esterni e di un dirigente della Provincia di Venezia, chiesto “in comando”.

I nuovi assunti vanno ad aggiungersi allo staff dei 15 dirigenti a tempo indeterminato che in questi due mesi hanno ricoperto “ad interim” anche le funzioni ora ridistribuite.

“E’ evidente – ha detto il sindaco Variati nel presentare i neo incaricati – la scelta dell’amministrazione di dare fiducia e investire sul personale interno, per la professionalità dimostrata nell’esercizio delle sue funzioni. Non vogliamo perpetuare l’idea che nel Comune di Vicenza ci sia un tappo che non consente l’avanzamento professionale. Chi ha voglia di fare e chi ha i titoli, qui trova la possibilità di emergere, lasciando a sua volta spazi per l’avanzamento professionale di altri dipendenti. Siamo ricorsi ad incarichi esterni solo laddove ce n’è stato assoluto bisogno. In ogni caso tutti gli incarichi dureranno un anno, sia per vedere se abbiamo riposto bene la nostra fiducia, sia perché alcune di queste direzioni si trasformeranno in ruoli effettivi, tramite concorso o selezione, perché il Comune ha bisogno di stabilità.” Il sindaco ha incontrato i nuovi dirigenti: “Ho raccomandato loro - dichiara Variati - di essere gelosi della propria autonomia funzionale. Non dovranno mai subire pressioni né dal sindaco né da altri amministratori. Con i dirigenti a tempo indeterminato devono diventare una vera squadra, che presto sarà coordinata da un direttore generale”.

Contestualmente alla nomina dei nuovi dirigenti la giunta ha deliberato la ridefinizione della struttura organizzativa del Comune, che mette ordine e fa fronte ai programmi avviati dalla nuova amministrazione.

Sette dei nuovi dirigenti a tempo determinato vanno ad occupare posizioni nel dipartimento per la progettazione e l’innovazione del territorio  e nel dipartimento dei lavori pubblici, della mobilità e delle infrastrutture, che cambiano denominazione e suddivisione interna.

Alla guida del dipartimento per la progettazione e l’innovazione del territorio è stato chiamato l’architetto Antonio Bortoli, che attualmente dirige il settore pianificazione territoriale e urbanistica della Provincia di Venezia. L’architetto Bortoli guiderà anche il settore urbanistica. Nell’ambito di quello stesso dipartimento nasce il nuovo settore “energy chek management e tutela delle costruzioni”, che viene affidato all’ingegnere Roberto Pasini, già dirigente a tempo determinato dalla precedente amministrazione. Questo nuovo settore avrà funzione di coordinamento degli uffici tecnici del dipartimento per quanto riguarda la tutela delle costruzioni ai fini statici e antisismici, la sicurezza degli impianti, il contenimento dei consumi energetici, la bioedilizia e la bioclimatica, la messa in opera e in esercizio degli impianti; si occuperà inoltre dell’interazione con gli altri enti per l’adeguamento normativo in queste materie, sarà presente nelle commissioni di vigilanza e avrà competenza nella gestione dei piani attuativi. “Questo settore – commenta l’assessore Francesca Lazzari – dovrà far fronte alla continua evoluzione normativa, che richiede al Comune un ruolo di controllo e di gestione e che si faccia carico di una serie di adeguamenti legati a tematiche nuove ed urgenti”. L’edilizia privata viene affidata all’architetto Michela Piron, già funzionaria del settore, mentre il servizio amministrativo del dipartimento del territorio, con funzioni di gestione e patrocinio del contenzioso sulle materie di competenza, passa all’avvocato Loretta Checchinato, già alta professionalità in servizio all’ufficio legale. “A questo proposito – dichiara ancora la Lazzari – segnalo che due dei quattro dirigenti del mio dipartimento sono donne ed erano funzionarie del Comune, nell’ottica della valorizzazione reale di figure femminili titolate e competenti. Il fatto, poi, di trasportare una specifica competenza legale all’interno del dipartimento, ha lo scopo di prevenire i contenziosi nella delicata materia urbanistica”.

Importanti novità anche al Dipartimento dei lavori pubblici, che assume la denominazione “Dipartimento dei lavori pubblici, della mobilità e delle infrastrutture”: i tre neo dirigenti a tempo determinato inseriti al suo interno sono tutti funzionari comunali: l’ingegnere Giovanni Fichera va a dirigere il settore “lavori pubblici e grandi opere” (ex settore edilizia pubblica); l’ingegnere Carla Poloniato seguirà il settore mobilità e trasporti e il dottor Mariano Tibaldo dirigerà il servizio amministrativo del dipartimento lavori pubblici ed espropri. Il dipartimento, guidato dal dirigente a tempo indeterminato Fausto Zavagnin, si compone anche di un nuovo settore, denominato “infrastrutture e verde pubblico”, diretto “ad interim” sempre da Zavagnin.

Due settori vengono invece scorporati dal dipartimento dei lavori pubblici: si tratta della “protezione civile, prevenzione e sicurezza”, già affidata al dirigente a tempo intederminato Vittorio Carli e dell’ “ambiente e tutela del territorio”, che continuerà ad essere guidato dal direttore a tempo indeterminato Gianfranco Menarin.

Per quanto riguarda le altre nomine a tempo determinato ufficializzate questa mattina, il funzionario Silvano Golin viene nominato direttore del settore attività educative (comprese le politiche giovanili), Riccardo Brazzale ritorna a dirigere il settore attività culturali, compreso il turismo e l’ufficio manifestazioni ed eventi; gli esterni ingegnere Stefano Cominato e Giorgio Lotto ritornano rispettivamente al settore sistemi informatici, telematici, sit e statistica e alla Biblioteca civica Bertoliana,

Il segretario generale Angelo Macchia, mantiene “ad interim” la nomina a direttore del settore risorse umane, organizzazione e pari opportunità.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza