Città di Vicenza

Contributi per morosità incolpevole

Aggiornato al: 30/04/2019

Cosa si intende per morosità incolpevole

È la sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone a causa della perdita o consistente diminuzione della capacità reddituale del nucleo familiare dovuta a una delle seguenti situazioni:

  • perdita del lavoro per licenziamento (con esclusione del licenziamento per giusta causa, per giustificato motivo soggettivo o per dimissioni volontarie);
  • accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell'orario di lavoro;
  • cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limita notevolmente la capacità reddituale;
  • mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici
  • cessazione di attività libero-professionali o di imprese registrate derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente;
  • malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell'impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali;
  • uscita dal nucleo familiare di un soggetto che contribuiva al reddito familiare, a seguito di divorzio, separazione, allontanamento comprovato del convivente.

Le situazioni sopra elencate devono essersi verificate successivamente alla stipula del contratto di locazione e comunque non prima dell'1 gennaio 2015.

Chi può fare richiesta

Può fare richiesta dell'intervento di sostegno l'inquilino che, al momento della presentazione della domanda, abbia i seguenti requisiti:

  • residenza anagrafica nel Comune di Vicenza;
  • cittadinanza italiana, comunitaria o extra comunitaria: nel caso di cittadinanza extracomunitaria, il richiedente deve essere in possesso di regolare titolo di soggiorno;
  • possesso di una certificazione con valore Ise non superiore a 35 mila euro o un reddito derivante da regolare attività lavorativa con un valore Isee non superiore a 26 mila euro;
  • si trovi in una delle condizioni che definiscono la morosità incolpevole;
  • destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità per il quale non sia ancora intervenuto il provvedimento di convalida ovvero con sfratto già convalidato ma non ancora eseguito;
  • titolare di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato (con esclusione degli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9) sita nel Comune di Vicenza e residente nell'alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno (l'anno di residenza è valutato con riferimento alla data dell'atto di intimazione di sfratto).

Sono esclusi dall'accesso ai contributi i nuclei familiari che si trovino in una delle seguenti condizioni:

  • richiedente o altro componente del nucleo è titolare di un diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella Provincia di Vicenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare;
  • essere inquilini di alloggi di edilizia residenziale pubblica assegnati ai sensi della L.R. 10/1996 e successive modifiche ed integrazioni;
  • aver già beneficiato di contributi di cui al D.M. Infrastrutture e Trasporti del 14 maggio 2014 e del successivo D.M. 30 marzo 2016.

Le tipologie degli interventi ammissibili sono riportati nell'avviso pubblicato sul sito del Comune.

Come fare

La domanda, completa di tutta la documentazione indicata nell'avviso, deve essere presentata su appositi moduli disponibili nei centri servizi sociali territoriali di zona può essere presentata dal titolare del contratto di locazione o da altro componente del nucleo familiare residente nell'unità immobiliare locata.

La domanda va presentata esclusivamente a mano al centro servizi sociali territoriale di riferimento, previo appuntamento telefonico.

Le domande potranno essere presentate fino ad esaurimento dei fondi erogati dalla Regione Veneto.

Dove e quando