Città di Vicenza

04/09/2020

In centro storico solo attività commerciali, artigianali ed esercizi pubblici di qualità

Via libera della giunta alle nuove regole sul commercio per valorizzare Vicenza città d'arte

Condividi su:

La giunta comunale ha dato il via libera alle nuove norme sull'insediamento delle attività commerciali, artigianali e dei pubblici esercizi, approvando un regolamento che sarà inviato alla Regione Veneto per la sottoscrizione dell'intesa, prima di approdare in consiglio comunale.
Si tratta di un provvedimento che mira ad aumentare il livello di qualità del centro storico cittadino, per incrementare l'attrattiva turistica e dare nuovo impulso alla città di Vicenza.

“Questo documento - dichiara il sindaco – rispecchia in pieno la nostra visione di un centro storico vivo, attrattivo e di qualità. La vocazione di Vicenza, città d'arte patrimonio Unesco, è turistica. Nostro compito è valorizzare concretamente questa sua identità, promuovendo azioni forti di rilancio, a partire dall'agevolare l'apertura delle attività che sono in linea con la naturale attitudine al bello della nostra città”.

"La semplificazione degli adempimenti necessari ad avviare le attività imprenditoriali e il processo di liberalizzazione voluto dalle norme europee, hanno prodotto nel tempo il proliferare di esercizi spesso slegati dal contesto urbano, o addirittura in contrasto con la specificità locale. La recente emergenza Covid non ha di certo aiutato il mondo del commercio. Tutto ciò ci ha spinto a voler ripensare la nostra idea di città e a elaborare questo grande progetto di riorganizzazione e di rilancio per Vicenza" aggiunge l'assessore alle attività produttive.

Le nuove norme si applicheranno all'area della circonvallazione interna della città, ovvero quella delimitata da viale Venezia, viale Risorgimento, viale Margherita, via Legione Gallieno, via Rodolfi, via Fratelli Bandiera, via Bartolomeo D'Alviano, viale Mazzini e viale Milano, compresa l'area tra corso San Felice, via Torino e via Genova.
All'interno del perimetro delimitato da tali vie non sarà più possibile aprire negozi che vendono chincaglieria e bigiotteria di bassa qualità, prodotti a base di cannabis, oggettistica etnica, usato (fatta eccezione per abbigliamento e accessori vintage, arredo e oggetti da collezione), accessori per telefonia (tranne nel caso dei marchi di telefonia mobile), nonché sexy shop, macelleria e polleria non italiana (compresa la carne halal), carrozzeria, gommista, meccatronico e centri di revisione, phone center, telefonia, fax, Internet point, money transfer e money change, compro oro, lavanderie self service, centri massaggi non abbinati ad attività estetica. Saranno interdette anche le aperture delle medie e grandi strutture di vendita di prodotti alimentari e non alimentari.
Sono previste anche nuove norme anche per quanto riguarda i pubblici esercizi e le attività di artigianato alimentare. Nel centro storico inoltre non sarà più possibile aprire i bar e i ristoranti affiliati alle grandi catene (quelli cioè che somministrano prodotti non riconducibili alla tradizione alimentare locale), le attività caratterizzate dal servizio di pasti industriali precotti, i fast food e i locali in cui la vendita/somministrazione è effettuata in via esclusiva tramite apparecchi automatici.
Il nuovo regolamento fissa anche alcuni livelli di qualità minimi, come il wifi gratuito, i menu plurilingue, il servizio al tavolo, i sistemi di illuminazione a basso consumo, l'offerta di seggioloni per i clienti più piccoli e di spazi attrezzati per il cambio degli stessi, nel caso di locali di superficie più ampia.
Analogamente, non sarà più possibile aprire le attività che effettuano la vendita per asporto e il successivo consumo dei prodotti alimentari sulla pubblica via, a eccezione di panifici, pasticcerie, gelaterie, yogurterie e della produzione della sola pizza per asporto, per limitare il fenomeno dei possibili bivacchi dei clienti e dell'abbandono dei rifiuti in strada.
Allo scopo di favorire le operazioni di controllo e di repressione dei comportamenti illeciti da parte delle forze dell'ordine, inoltre, sono state create nuove misure interdittive, a impatto crescente, che sanzioneranno in modo sempre più incisivo chi ripeterà i comportamenti illeciti nel corso dello stesso anno solare. L'obiettivo è consentire la convivenza pacifica con i residenti, per prevenire o limitare gli episodi di rumori molesti, specialmente in orario notturno, e di eventuale degrado urbano.

Viene infine rimosso il divieto assoluto di nuove aperture di pubblici esercizi in contra' Pescherie vecchie e contra' Tre scalini, che era stato introdotto dall'amministrazione Variati nel 2012.
"Si tratta di un divieto anacronistico, oltre che illogico, che ha impedito più volte, negli anni, ad alcuni imprenditori, di proseguire nel progetto di apertura di un ristorante di alta qualità – conclude l'assessore alle attività produttive - . Stiamo studiando infine anche alcuni progetti, miranti a incentivare le nuove aperture di negozi e bar in zone attualmente poco o per nulla servite".

Audio

Ven01

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Stampa Stampa la pagina Condividi su: