Città di Vicenza

15/10/2019

Sociale:venerdì 18 ottobre si celebra la Giornata Europea contro la tratta di esseri umani

Con un evento di sensibilizzazione alle 18 nella Loggia del Capitaniato

Condividi su:

Il 18 ottobre si celebra la 13° Giornata Europea contro la Tratta di esseri umani istituita dalla Commissione Europea per sensibilizzare sul fenomeno della tratta e del grave sfruttamento.

Anche l'assessorato ai servizi sociali del Comune di Vicenza, assieme a Equality Cooperativa Sociale e alle associazioni Mimosa e Gaga, propone un evento di sensibilizzazione sul tema, dal titolo "Di Persone si Tratta”, in programma venerdì 18 ottobre alle 18 nella Loggia del Capitaniato. A rappresentare l'amministrazione sarà Roberta Albiero, consigliere comunale.

Durante la serata sarà proiettato il cortometraggio “Jululu”, sul tema della tratta e dello sfruttamento, seguito da interventi di alcuni operatori esperti del settore, che proporranno un breve approfondimento del fenomeno e presenteranno le azioni del sistema antitratta nel Veneto.

Ai partecipanti verrà offerto un aperitivo accompagnato da musica dal vivo a cura di Arte Migrante Vicenza.

Eventi di sensibilizzazione

Per porre l’attenzione sul fenomeno della tratta di esseri umani, il Dipartimento delle Pari Opportunità, il Numero Verde Nazionale contro la Tratta (800 290 290) e il Progetto N.A.Ve (Network Antitratta Veneto), che vede il Comune di Venezia capofila e il Comune di Vicenza tra i partner principali insieme ad organizzazioni sociali private, hanno organizzato una serie di attività di sensibilizzazione per far conoscere alla cittadinanza il fenomeno e i servizi di tutela messi in campo dalle amministrazioni per offrire alle persone coinvolte nella tratta e nel grave sfruttamento l’opportunità di sottrarsi alle reti criminali.

In alcune città del Veneto e italiane si terranno, inoltre, alcuni brevi presidi all’insegna dell’hashtag/slogan #liberailtuosogno. Con l’occasione saranno distribuiti materiali informativi sul tema della tratta.

Progetto ministeriale N.A.Ve (Network Antitratta per il Veneto)

Il Comune di Vicenza aderisce al progetto N.A.Ve (Network Antitratta per il Veneto) che, ogni giorno, impegna più di 90 partner in una strategia di lotta alla tratta e al grave sfruttamento volta a garantire i diritti e la protezione delle vittime e a promuovere il contrasto delle reti criminali tramite il lavoro di rete multi-agenzia con le forze dell'ordine e l'autorità giudiziaria. Questo assiduo lavoro ha consentito di contattare nell'anno in corso in Veneto oltre 2000 persone a rischio di tratta nel mondo del lavoro e della prostituzione, oltre che di attivare più di 400 valutazioni di potenziali vittime di tratta e garantire protezione, assistenza e in inserimento socio lavorativo a 100 donne e uomini vittime di tratta.

Dati sul fenomeno della tratta e/o grave sfruttamento in Europa

Alcune stime portano a quasi un milione le sospette vittime di tratta e/o di grave sfruttamento in Europa. Numeri importanti che allertano per dimensione e diffusione e che rappresentano un enorme business per le reti criminali transnazionali. Sono oltre 20 mila ogni anno le giovani donne, gli uomini e i minori che entrano nei sistemi di protezione e di assistenza, di cui circa mille in Italia. Lo sfruttamento nell’ambito sessuale, lo sfruttamento lavorativo, l’accattonaggio forzato e le economie illegali forzate (spaccio e furti) sono fenomeni di grande portata il cui contrasto risulta difficile e complesso.

Informazioni

Numero Verde Nazionale contro la Tratta: 800 290 290

Numero verde attivo tutti i giorni della settimana, 24 ore su 24, su tutto il territorio nazionale, per favorire l'emersione del fenomeno e supportare le vittime di tratta e sfruttamento, offrendo informazioni sulle possibilità di aiuto e assistenza e mettendo in contatto con i servizi socio-assistenziali territoriali. 

Hashtag: #liberailtuosogno #VicenzaNonTratta #18ottobre #GiornataEuropea

 

 

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Stampa Stampa la pagina Condividi su: