Città di Vicenza

09/11/2018

25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Dal 9 novembre al 3 febbraio spettacoli teatrali, convegni, serate informative, eventi sportivi, marce, cortei, tavole rotonde, presentazione di libri, mostre

Condividi su:

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che sarà celebrata con un ricco calendario di iniziative a cura dell'ufficio Pari opportunità del Comune di Vicenza in collaborazione con la Consulta comunale per le Politiche di Genere, Teatro della Cenere e numerose associazioni femminili del territorio.

Dal 9 novembre al 3 febbraio sarà possibile assistere a spettacoli teatrali; partecipare a convegni, serate informative, eventi sportivi, marce e cortei, tavole rotonde, presentazione di libri; visitare mostre. Tutti gli eventi hanno un unico filo conduttore: la riflessione sul tema della violenza alle donne. La maggior parte degli appuntamenti è ad ingresso libero; alcuni prevedono la raccolta di offerte per sostenere progetti specifici.

Il programma è stato presentato oggi a Palazzo Trissino dall’assessore alle risorse umane con delega alle pari opportunità Valeria Porelli e dalla presidente dell'associazione Donna chiama Donna onlus che gestisce il Centro comunale Antiviolenza Maria Zatti.

“Sono moltissimi gli appuntamenti in programma, già da oggi pomeriggio, per celebrare la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e sensibilizzare su questo tema così importante – ha dichiarato l’assessore alle risorse umane con delega alle pari opportunità Valeria Porelli –. Tra gli appuntamenti cuore dell’iniziativa, che si ripetono ogni anno riscuotendo grande partecipazione, ricordiamo la marcia silenziosa, che si terrà sabato 24 novembre, e l'evento sportivo ludico-motorio “Women in run: Vicenza di corsa contro la violenza”, in programma domenica 25 novembre. La maggior parte delle iniziative sarà ad ingresso libero, alcune, invece, vedranno la raccolta di offerte per sostenere progetti a favore delle vittime di violenza”.

“Domani mattina, inoltre, l'associazione Donna chiama Donna aderirà alla mobilitazione generale indetta dall’associazione nazionale D.I.R.E contro il disegno di legge Pillon che prevede regole standard da applicare a tutte le separazioni, senza fare gli opportuni distinguo, come è imprescindibile fare nel diritto di famiglia, a partire dagli interessi dei minori – ha precisato l'assessore Porelli –. All'iniziativa prenderò parte anch'io, in primis come professionista, facente parte dell'Osservatorio del diritto di famiglia. Le stesse procedure previste dal disegno di legge sono segno di un arretramento strutturale in quanto, distinguendo il genitore ricco da quello povero, vanno ad incrementare le situazioni di violenza economica”.

Programma

Nel dettaglio, venerdì 9 novembre, alle 14.30, nella sala dei Fondatori del Centro Congressi di via Enrico Fermi, 201, si terrà un convegno sul tema “Le molestie nei luoghi di lavoro, disciplina, normativa, ruolo della giurisprudenza e della contrattazione collettiva”. Saluti di Anna Pase (presidente Ordine Avvocati di Vicenza), Franco Bastianello (presidente Ordine Consulenti del Lavoro di Vicenza), Grazia Chisin (Consigliera di Parità di Vicenza). Intervengono: Gaetano Campo (presidente Prima sezione civile del Tribunale di Vicenza), Raffaele Guariniello (Gruppo sicurezza del lavoro - Procura Repubblica - Tribunale di Torino), Mirta Corrà (osservatorio regionale sul Mobbing), Giovanna Castellini (docente Policlinico di Milano), Serena Cubico (docente Università di Verona), Emanuele Corn (Consigliere di Parità di Trento). L'iniziativa è a cura dell'Ordine degli Avvocati di Vicenza in collaborazione con l'Ordine dei Consulenti del Lavoro e Consigliera di Parità di Vicenza. Ingresso: fino ad esaurimento dei posti disponibili. Info: consigliere.parita@provincia.vicenza.it.

Sabato 10 novembre, alle 10, partirà un corteo contro il disegno di legge Pillon. L'associazione Donna chiama Donna aderisce alla mobilitazione generale indetta dall’associazione Nazionale D.I.R.E, in programma il 10 novembre in molte piazze d'Italia, contro il disegno di legge Pillon per contrastare la crescente negazione dei diritti e delle libertà. Ritrovo alle 9.45 all’Esedra di Campo Marzo. Il percorso si snoderà attraverso viale Roma, porta Castello, corso Palladio, piazza dei Signori, con arrivo in piazza Matteotti alle 11 circa. L'evento è a cura dell’associazione Donna chiama Donna. Partecipazione libera. Info: donnachiamadonna@gmail.com.

Alle 21, al Kitchen Teatro Indipendente, in via dell’Edilizia 72, Profili 2018 – Magnitudo Nove presenta lo spettacolo teatrale “Anima ardente”, opera di drammaturgia contemporanea sul tema del femminicidio. Attraverso una sola voce vengono raccontate le tragiche storie di due donne (Isabella Morra, poetessa del ‘500, e Nadia Adjuman, poetessa afgana contemporanea) accomunate dalla passione e dalla tragica morte, imprigionate in una rete di incomprensione e violenza. Testo e regia di Elena Carloni con Natalia Magni. Musiche di Leonardo Cavallo. Collabora alla regia Luigi Saravo. Ingresso: tesserati 2018/2019: 12 euro; non tesserati: 12 euro + 3 euro tessera 2018-2019. È consigliata la prenotazione via email info@spaziokitchen.it o sms al 335 5625286. Info: info@spaziokitchen.it.

Venerdì 16 novembre, alle 15, nella Sala dei Fondatori del Centro Congressi, in via Enrico Fermi 201, si terrà un convegno sul tema “La Guarigione, dialogo tra Mente-Anima-Corpo”. L'evento gode del patrocinio della Consigliera di Parità di Vicenza e di Confartigianato Vicenza. Dopo i saluti istituzionali, intervengono: Paola Pupulin (presidente dell’associazione “Non solo mente“), Elisa Faretta (psicologa-psicoterapeuta consultant EMDR Europe), Claudio Pagliara (oncologo, ricercatore e scrittore), Massimo Bettin  (medico olistico e cardiologo), Franco Figoli (oncologo palliativista), Oscar Miotti (vicepresidente Ordine Psicologi del Veneto), Grazia Chisin (Consigliera di Parità della Provincia di Vicenza). L'iniziativa è a cura dell’associazione “Non solo mente”. Ingresso: fino ad esaurimento dei posti disponibili. Info: info@nonsolomente.it.

Alle 17.30, a Palazzo Cordellina, in contra’ Riale 12, sarà presentato il libro “La morte mi voleva…”. L'opera narra la storia della malattia di Annamaria, il cancro. Tra le pagine vengono affrontati anche altri temi di attualità, quali la violenza, il disagio giovanile, il difficile rapporto tra genitori e figli adolescenti. Intervengono: Valeria Porelli (Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Vicenza), Maria Zatti (presidente dell’Associazione Donna chiama Donna), Annamaria De Rigo alias Dall’Igna (autrice del libro), Arianna Marangonzin (illustratrice). Con l'occasione sarà ricordata Lucia Fazzina, avvocato del Foro di Vicenza, presidente del CPO dell’Ordine degli avvocati, associata e volontaria dell’Associazione Donna chiama Donna, scomparsa prematuramente. L'evento è a cura dell’ufficio Pari opportunità del Comune di Vicenza, in collaborazione con la Biblioteca Bertoliana di Vicenza. Ingresso: libero con offerta libera per un'iniziativa a scopo benefico. A disposizione del pubblico ci saranno, infatti, segnalibri dipinti da Arianna Marangonzin e oggetti di bigiotteria, e non solo, creati e donati da Annalisa Nardon, Maria Zanasso e Roberta Vedovato. Le offerte saranno devolute al Centro comunale Antiviolenza di Vicenza, mentre il ricavato del libro andrà alla Fondazione San Bortolo onlus. Info: pariopp@comune.vicenza.it, annamaria.dalligna@libero.it.

Sabato 17 novembre, alle 16, al Museo naturalistico archeologico, in contra’ Santa Corona 4, sarà inaugurata la mostra di sculture dell’artista Antonio Taschini “Vincitori e vinti”. Le installazioni dell’artista romano dialogano con i reperti antichi del museo e lanciano un grido di condanna per le ferite insanabili inferte dai conflitti di tutti i tempi, sui vincitori e sui vinti. Uno sguardo particolare è rivolto alle donne, private degli affetti, se non bottino di guerra. L'esposizione, a cura di Domenico Iaracà, referente DELOS per Latente>Diffusa, resterà aperta al pubblico fino a domenica 3 febbraio. Ingresso: libero. Info: https://www.facebook.com/latentediffusa/. Email: uadilebda@yahoo.it.

Alle 20.30 al Centro Ferrovieri “La Locomotiva”, in via Rismondo 2, sarà possibile assistere alla performance “Tanto vale vivere”, tre monologhi al femminile tratti dai racconti di Dorothy Parker. La scrittrice metterà a nudo movimenti affettivi del sentire delle donne, con profondità psicologica, intelligente ironia e capacità di osservarsi dal di fuori anche nelle situazioni più disperate. Ingresso: libero. Info: tel./fax 0444 971564, info@ensemblevicenza.com, www.ensembleteatrovicenza.jimdo.com.

Martedì 20 novembre, alle 9.30, alla sede della CISL di Vicenza, in viale Carducci 23, ci sarà una tavola rotonda sul tema “Molestie e violenze sulle donne nel mondo del lavoro”. Interverrà Cinzia Frascheri del Dipartimento Salute Sicurezza CISL Nazionale. L'evento è a cura di CISL Vicenza. Ingresso: libero. Info: tel. 0444 228710, email ust.vicenza@cisl.it, www.cislvicenza.it.

Giovedì 22 novembre, dalle 10 alle 13 al Teatro Astra, in contra’ Barche 55, andrà in scena “Cassandra” a cura di Teatro della Cenere, spettacolo rivolto al giovane pubblico degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Monologo per un'attrice sola, Cassandra parla mentre Troia continua a bruciare. A seguire lezione/conversazione con gli studenti. Con Elisabetta Luise, Martina Camani, Marta Scaccia. Visuals Jacopo Rampazzo. Produzione Teatro della Cenere. Ingresso: 5 euro. Info e prenotazioni: info@teatrodellacenere.it.

Venerdì 23 novembre, alle 14.30, la sala della Fondazione Studi Universitari di Vicenza, in viale Margherita, 83, ospiterà il convegno, promosso dalla Consigliera di Parità Grazia Chisin, “Contrasto alle molestie e alla violenza sul lavoro per l’affermazione della dignità nelle aziende del vicentino”. Sarà presentato un bilancio del progetto 2017/2018 della Consigliera di Parità di Vicenza. Saranno presenti CGIL, CISL, UIL, Confindustria, Confcommercio, Confartigianato, Apindustria, CNA. Dopo i saluti istituzionali del presidente della Provincia di Vicenza, del direttore DTL Vicenza e della direttrice INAIL di Vicenza, interverranno: Lucia Basso (ass. Ri.Genera.Azione), Antonietta Spiller (ass. Donne per le Donne Schio), CGIL - CISL - UIL, le associazioni datoriali e le /i partecipanti al progetto con una testimonianza, Sandra Miotto (Consigliera di Parità del Veneto), Mirta Corrà (avvocato dell’ufficio della Consigliera di Parità). Ingresso: libero. Info: consigliere.parita@provincia.vicenza.it.

Alle 18, nella sala Stucchi di Palazzo Trissino, in corso Palladio 98, sarà presentato il libro “Schegge. Per favore non chiamateli uomini!” di Rossella Menegato. L'opera racconta fatti realmente accaduti dal 1845 al 2018 (la maggior parte nel vicentino) cercando di dar voce a tutti i protagonisti e alle varie forme di violenza, non solo di genere. Liberamente ispirato a fatti di cronaca e testimonianze. Modera Elisa Santucci (giornalista). L'evento è a cura dell’associazione culturale l’IdeAzione. Ingresso: libero. Info: Rossella Menegato 349 2606082. 

Alle 21, al Teatro Astra, in contra’ Barche 55, si terrà il concerto scenico “Le ribelli dell'opera”, viaggio teatrale tra le protagoniste della lirica contro la violenza. Testi, interpretazione e regia teatrale di Edoardo Billato. Soprani: Anna Maria Di Filippo e Paola Burato, pianista: Stefano Bettineschi, violino: Lucia Amneris Rossi. Musiche di Verdi, Puccini, Mozart, Donizetti e Catalani. Presenta: Maurizia Piva Silovich. L'evento è a cura dell’associazione culturale artistica “Arsamanda” in collaborazione con l’associazione “Chori Canticum”. Ingresso: 10 euro, ridotto 5 euro (per ragazzi dai 12 ai 20 anni), gratuito per under 12. Info e prenotazioni: 349 8336356.

Sabato 24 novembre, alle 15.30 si terrà la “marcia silenziosa”. La violenza sulle donne non ha tempo né confini. Le vittime non parlano solo la nostra lingua, ma tutte le lingue del mondo. Le ricordiamo senza altre parole. Ritrovo alle 15 all’Esedra di Campo Marzo. Arrivo in piazza dei Signori alle 16.30 circa. Percorso: Esedra di Campo Marzo, viale Roma, porta Castello, corso Palladio, contra' Santa Barbara, piazza dei Signori. Si chiede di portare un fiore o un foulard rosso. Alla conclusione della marcia ci sarà una performance musicale dell’Orchestra Giovanile Vicentina con il sostegno di Soroptimist International di Vicenza. L'iniziativa è a cura della Consulta per le Politiche di Genere del Comune di Vicenza in collaborazione con l'associazione Donne Medico della Provincia di Vicenza e il CeAv - Centro Antiviolenza comunale di Vicenza. Partecipazione libera. Info: pariopp@comune.vicenza.it.

Alle 17 al Centro Documentazione e Studi Presenza Donna, in contra’ San Francesco Vecchio 20, ci sarà la presentazione del libro “Non solo reato, anche peccato. Religioni e violenza sulle donne”. Interverranno: Paola Cavallari (autrice) e Donatella Mottin (teologa). A seguire momento conviviale. L'evento è a cura dell’associazione Presenza Donna. Ingresso libero. Info: info@presdonna.it.

Alle 20.30 al Teatro Astra, in contra’ Barche 55, andrà in scena Mi alegria mi persona”, spettacolo di flamenco accompagnato da letture e canzoni legate alla violenza e alla rinascita. È la storia della rinascita di una donna in un dialogo tra poesia e flamenco… da "El Romance de la pena negra" di Federico Garcia Lorca. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza a favore dell'associazione Donna chiama Donna che gestisce il CeAv - Centro Comunale Antiviolenza di Vicenza. L'evento è a cura dell’associazione Donna chiama Donna. Ingresso: 15 euro, under 26: 10 euro. Info: donnachiamadonna@gmail.com.

Domenica 25 novembre, dalle 10 alle 12 sarà possibile partecipare a “Women in run: Vicenza di corsa contro la violenza”, evento sportivo, ludico-motorio. Partenza e arrivo in piazza San Lorenzo. Percorso di 10 chilometri di corsa e 5 chilometri di camminata/corsa per le vie del centro per sostenere concretamente il CeAv - Centro comunale Antiviolenza di Vicenza. Ci sarà una suddivisione in gruppi, guidati da WIRangels e WIR in base all’andatura. Il dress code richiesto è una maglietta fucsia per le donne e rossa per gli uomini. L’evento si terrà anche in caso di pioggia. La partecipazione è a offerta libera per raccolta fondi a favore del CeAv. L'iniziativa è a cura della comunità di runner Women In Run di Vicenza con il supporto di Coldiretti Vicenza. Info: womeninrunvicenza@gmail.com, Facebook: Women In Run Vicenza.

Alle 10 al centro Ikaro, in via Legione Gallieno 35, sarà possibile partecipare a una prova gratuita di difesa personale rivolta a tutte le donne “Donna Sicura §Difendiamola”. Saranno presenti la Consigliera di Parità Grazia Chisin e il Maestro “secondo DAN” Stefano Mucignato. Partecipazione libera. Info: consigliereparita@provincia.vicenza.it.

Martedì 27 novembre, alle 20.45, ai Chiostri di Santa Corona, in contra’ Santa Corona 6, si terrà una serata informativa sulla violenza assistita “...E i bambini stanno a guardare”. Relatrice: Ida Grimaldi. Reading: Franca Grimaldi. Moderatore: Everardo Dal Maso. L'evento è a cura di L'IdeAzione, Donne Medico Provincia di Vicenza, Aulss 8 Berica. Ingresso: libero. Info: Rossella Menegato 349 2606082, Marzia Garofletti 335 6117912.

Sabato 1 dicembre, alle 21, al Kitchen Teatro Indipendente, in via dell’Edilizia 72, Profili 2018 – Radicate Modernità presenta “Madri”. Due storie parallele che, attraverso il tema della maternità, raccontano dello spaesamento, dell’essere in balia degli altri quando si lascia la propria terra, quando si è costretti a scappare, abbandonare tutto per salvare la propria vita e quella dei propri figli. Testo di Raffaella Calgaro. Adattamento, drammaturgia e regia: Franca Pretto. Aiuto regia e disegno luci: Gianni Gastaldon. Scenofonia: Gianni Gastaldon e Franca Pretto. Con Eleonora Fontana e Sara Favero. Ingresso: tesserati 2018/2019: 12 euro; non tesserati: 12 euro + 3 euro tessera 2018-2019. È consigliata la prenotazione via email info@spaziokitchen.it o sms al 335 5625286. Info: info@spaziokitchen.it.

Informazioni

Ulteriori dettagli su ciascun evento si possono trovare nel pieghevole diffuso in città e nel calendario eventi del sito www.comune.vicenza.it al link http://bit.ly/GiornataViolenzaDonne.

Informazioni: Ufficio Pari Opportunità, corso Palladio 98, tel 0444 222162 pariopp@comune.vicenza.it.

Centro comunale Antiviolenza

In sei anni di attività (da aprile 2012) il Ceav - Centro comunale Antiviolenza è diventato un punto di riferimento per donne che subiscono violenza che si rivolgono al centro per richiedere consulenza, orientamento, informazioni o per fissare un appuntamento.

La competenza territoriale del CeAv riguarda l’ex Ulss 6, all’interno della quale circa un terzo della popolazione risiede a Vicenza.

Dalla sua apertura il CeAv ha preso in carico 696 situazioni di violenza o maltrattamento, soprattutto ad opera del partner (60%), dato in linea con quelli riportati dalle statistiche nazionali.

Il 65% dell’utenza del Centro Antiviolenza è di nazionalità italiana mentre il 35% straniera.

Più del 50% delle donne prese in carico dal Centro Antiviolenza convive con il maltrattante, generalmente il compagno o il marito.

Più della metà (56%) ha figli minori (sono 701 i figli sotto i 18 anni).

Il 46% delle donne prese in carico risulta privo di reddito. Questi elementi evidenziano una situazione di fragilità socio-economica cui una donna può andare incontro se decide di lasciare il maltrattante. Per circa la metà delle donne che si rivolge al servizio, uscire da una situazione di maltrattamento risulta difficile in quanto richiede risorse, soprattutto economiche, difficilmente raggiungibili.

Nel 28% dei casi le donne prese in carico hanno sporto denuncia almeno una volta.

Il 19% è stata almeno una volta al pronto soccorso mentre per il 6% del totale è stata disposto un dispositivo di protezione (divieto di avvicinamento, ordine di allontanamento dalla casa familiare).

Il CeAv ha sede in stradella dei Cappuccini 67 ed è gestito dall’associazione “Donna Chiama Donna”. Il CeAv opera gratuitamente garantendo l'anonimato: basta telefonare al numero 0444 230402 o mandare una mail a ceav@comune.vicenza.it. Il centro è aperto il lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 14.30 e il giovedì dalle 9 alle 17.

Per ulteriori informazioni: http://bit.ly/Ceav_info.

 

 

Documenti allegati

Galleria fotografica

Locandina

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Stampa Stampa la pagina Condividi su: