Città di Vicenza

11/10/2018

Restauro serre di parco Querini, Rucco “Andiamo avanti con il progetto"

"Non possiamo perdere 1.050.000 euro di finanziamenti pubblici”

Da sinistra: Soprana e Rucco

“In qualità di amministratore della mia città, ritengo che sarebbe irresponsabile perdere un finanziamento pubblico di oltre un milione di euro per il recupero e la valorizzazione di uno dei parchi monumentali cittadini e soprattutto di un'area che attualmente versa in uno stato di abbandono e degrado”.

Lo ha dichiarato questa mattina il sindaco Francesco Rucco che con il consigliere Caterina Soprana, presidente della quarta Commissione consiliare “Sviluppo economico e attività culturali”, questa mattina ha incontrato la stampa per commentare il progetto di restauro e di rifunzionalizzazione delle serre del parco Querini (ex serre Cunico), che rientra nell'ambito del Bando periferie, al quale Vicenza ha partecipato nel 2016 classificandosi quarta tra 113 Comuni capoluogo d'Italia e aggiudicandosi un finanziamento complessivo di 17.794.954,20 euro (1.050.000 euro dei quali per il progetto sulle serre).

“Oggi mettiamo un punto fermo alle discussioni e diamo il via ai lavori – ha precisato il sindaco –. Questa amministrazione, dopo un'attenta analisi, ha deciso di portare avanti un progetto che restituisce alla città uno dei suoi angoli più preziosi. Rinunciare avrebbe significato perdere il finanziamento, con la certezza di abbandonare le serre di parco Querini all’incuria, per chissà quanti anni. Perso il finanziamento, ci saremmo anche dovuti accollare il costo del progetto e quello dei lavori eseguiti, oltre a dover pagare il danno alla ditta con cui già abbiamo sottoscritto un contratto d’appalto. Quale amministrazione di buon senso avrebbe fatto un simile danno al Comune e alla comunità? Sarebbe stato da incoscienti!”.

Avanti dunque con il progetto elaborato dall’architetto Francesco Magnani di Map Studio. I lavori sono stati aggiudicati per un importo di 637.277,90 euro oltre IVA e un tempo di realizzazione previsto pari a 455 giorni a partire dalla consegna definitiva, per la quale bisogna attendere la conclusione della bonifica.

A chi ha già espresso preoccupazione per l’impatto del progetto, presentando in Comune segnalazioni e raccolte firme, il sindaco ricorda che  non ci sarà nessuna cementificazione. Verrà realizzata una struttura flottante, una sorta di passerella in legno, quindi pienamente rispettosa dell’ambiente e del contesto, e accessibile, in modo da poter essere percorsa anche da chi ha ridotta mobilità. Il punto di ristoro, inoltre, non fa parte dello stralcio che è stato finanziato. Se ne parlerà in futuro, se ci saranno volontà e risorse.

Nella sostanza, il progetto di restauro ha come obiettivo primario ridare nuova vita ad una struttura attualmente ridotta allo stato di rudere facendo sì che i cittadini se ne possano riappropriare. 

Il progetto è stato condiviso e vistato dalla Soprintendenza, dal momento che si realizza in un'area sottoposta a vincoli. L’input della Soprintendenza è stato quello di non riproporre un'architettura che ricostruisse un edificio che non esiste più, ma piuttosto procedere con la conservazione della memoria che era giunta ai nostri giorni, con gli elementi materiali residuali, e con la valorizzazione del contesto e degli stessi elementi storici e storicizzati, attraverso un inserimento del nuovo che dichiarasse la propria contemporaneità.

Quindi via al mantenimento di tutti gli elementi superstiti delle ex serre Cunico, restauro della serra tropicale e del semenzaio con l’intento di conservare ogni elemento superstite delle costruzioni originarie, e inserimento, in posizione defilata, di una nuova area con zona servizi, con impiego di materiali che, con il loro linguaggio contemporaneo, segnano l’opportuna distanza tra il nuovo e l'esistente, valorizzando entrambi.

 

Galleria fotografica

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.