Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

ViviVicenza

Tempo libero, cultura e turismo

Sei in: > ViviVicenza

15/10/2008

Spettacoli Classici: "Concerto per Edipo"

Teatro Olimpico di Vicenza

in collaborazione con l'Accademia Olimpica

Concerto per Edipo

regia: Francesco Erle
direttore: Francesco Erle
autore: Andrea Gabrieli, Giovanni Pacini e Arrigo Pedrollo
musiche di: Andrea Gabrieli, Giovanni Pacini e Arrigo Pedrollo

Con Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, Coro Schola San Rocco,

Tre momenti speciali della storia della cultura, tre grandi produzioni nel Teatro Olimpico di Palladio, tre momenti storici di grande importanza, tutti segnati dallo stesso soggetto, la tragedia delle tragedie, Edipo Re, tutti contrassegnati dalla commissione e esecuzione di musiche splendide, tutte e tre famose e passate agli annali o per novità artistica, o per significato sociale e storico che le ha accompagnate, ma due su tre, a motivo della specialità della loro ideazione, solamente consegnate alle cronache secolari, e mai più riprese, mentre una invece è già stata felicemente ripresa dieci anni fa e incisa in un disco di successo di critica e vendite.
Quest'ultima, “Chori per Edippo Tiranno”, per 12 voci a cappella, del grande compositore Andrea Gabrieli, Maestro di Cappella alla basilica di S. Marco, scritti per l'inaugurazione del Teatro Olimpico del 1585, la celeberrima messa in scena della tragedia voluta dall'Accademia Olimpica, che segnò la vita della città e del teatro classico mondiale, additate a esempio di scrittura musicale per teatro nei secoli a venire per la peculiare e magistrale relazione tra declamazione e intelleggibilità del testo classico e messa in musica secondo stilemi e invenzioni armoniche raffinatissime e pregne di significati. Il cd inciso dalla Schola S. Rocco dieci anni fa per l'Accademia Olimpica a seguito del famoso spettacolo diretto da Gianfranco De Bosio, salutato da successo di critica e pubblico all'uscita, ha continuato in tutti questi anni a riscuotere successo anche come scelta d'acquisto al book shop del Teatro Olimpico. La Schola S. Rocco, in numero di dodici coristi esattamente come i loro antichi predecessori, intonerà una selezione dei “Chori”, adeguata in lunghezza alle esigenze concertistiche.

La seconda, “Sinfonia e Cori per Edipo Re”, per tenore, coro e grande orchestra, commissionati nel 1847 dall'Accademia Olimpica a Giovanni Pacini, operista all'epoca celeberrimo e celebrato quanto il giovane Verdi in produzioni date in tutti i più famosi teatri italiani, in occasione del famoso congresso di “scienziati” che da Venezia si spostò appositamente a Vicenza, e che divenne momento fondamentale per la preparazione dei moti del 1848, anche sulla spinta della bellezza e forza delle musiche che esaltavano la ribellione all'oppressione, in una esecuzione diretta tra l'altro da quell'Angelo Mariani legatissimo a Verdi, primo vero e famoso direttore d'orchestra italiano. Famosa storicamente, la partitura d'orchestra è rimasta in manoscritto probabilmente solo alla Library of Congress di Washington, viene qui per la prima volta recuperata e editata dopo lunga e appassionata ricerca in tutta Europa e appunto America. Questa musica riserverà certo grandi sorprese agli ascoltatori non solo per la novità e l'interesse storico di primisssimo piano per la nostra città, ma anche per le melodie molto intriganti, le invenzioni struggenti, gli slanci rivoluzionari pari a quelli del primo Verdi, i colori orchestrali molto particolari per scelta dell'organico e per colore dell'orchestrazione (basti pensare ai 4 fagotti, 4 corni, 4 tromboni, e archi senza violini) che si conta di presentare in versione originale con la presenza appunto di strumenti all'epoca parte dell'orchestra, ma ora sicuramente curiosi e spettacolari, come il serpentone, strumento che anche Berlioz e Verdi adoperano ma che usualmente viene sostituito con strumenti moderni. La Schola S.Rocco e l'Orchestra del Teatro Olimpico si presenteranno in “schiera solenne” all'esecuzione, per un totale di quasi 140 esecutori.

La terza, gli “Intermezzi per la Tragedia di Edipo Re”, per coro maschile e orchestra, commissionati dal Comitato artistico di Accademia Olimpica e Comune di Vicenza nel 1948 a Arrigo Pedrollo, all'epoca famoso operista autore di opere date per esempio alla Scala di Milano, per uno spettacolo che salutava la rinascita della classicità all'Olimpico e nel Teatro italiano del dopoguerra, con la partecipazione di un cast che incredibilmente annumerava il fior fiore del teatro italiano, mai più ripresi, ma di grande suggestione nella scrittura. L'autore cui è intitolato il Conservatorio di Musica della nostra città ha adoperato sagacemente la penna stendendo melodie di ampio respiro, ma con declamazione ieratica e solenne (e ponendosi con questo in diretta relazione con la tradizione “olimpica” a riguardo della relazione testo tragico - cori), il tutto inserito in un clima modale solenne e suggestivo. Schola S. Rocco e Orchestra del Teatro Olimpico si presenteranno al pubblico invece qui nella più classica formazione per coro maschile e orchestra da camera.

Il progetto, su ideazione di Cesare Galla, è stato seguito per la ricerca musicologica da Francesco Erle, che curerà anche l'edizione delle partiture inedite e la direzione musicale.
La produzione coinvolge attori principali della scena culturale cittadina, l'Accademia Olimpica, Il Teatro Stabile del Veneto, l'Orchestra del Teatro Olimpico, la Schola S. Rocco.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza