Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

29/01/2013

Gioco d’azzardo, il sindaco Variati: “Il Tar riempie il vuoto lasciato dalla politica"

"Non dimentichiamo che la ludopatia continua a fare vittime”

I tribunali stanno colmando il vuoto lasciato dalla politica, ma intanto la ludopatia ha causato l’ennesima vittima nel nostro territorio”.
Così il sindaco Achille Variati commenta la recente sentenza del Tar del Piemonte sul gioco d’azzardo. Il Tar del Piemonte ha chiesto alla Corte Costituzionale – spiega Variati – di dichiarare incostituzionali le leggi che escludono la competenza dei Comuni ad adottare atti normativi e provvedimenti volti a limitare l’uso degli apparecchi da gioco; leggi che non contrastano la ludopatia, la malattia dei “drogati del gioco”, e non tutelano quindi la salute pubblica”.
Questa ordinanza del Tar – prosegue il sindaco - sarà discussa dalla Consulta e rappresenta la dimostrazione che la battaglia della nostra amministrazione per limitare la proliferazione delle sale giochi e scommesse è del tutto legittima. Da mesi chiediamo al Governo di intervenire per regolamentare un settore dove ci sono grandi interessi: se lo Stato è assente, allora i Comuni devono avere il potere di intervenire per porre un limite al far west del gioco d’azzardo. Ora i nostri legali stanno valutando i possibili effetti di questo pronunciamento del Tar sui provvedimenti del Comune di Vicenza e sui ricorsi presentati dagli operatori”.
Nei palazzi romani hanno deciso di non decidere – conclude Variati – e i tribunali intervengono al posto di chi dovrebbe fare le leggi: intanto si continua a morire di ludopatia. Abbiamo appreso oggi dalla stampa che un immigrato nel Vicentino, di circa trent’anni, si è tolto la vita perché aveva perso tutto alle slot machine: nella lettera di addio ha raccontato di avere sperperato migliaia di euro alle macchinette. Quando è rimasto senza un euro, ha deciso di farla finita”.
È l’ennesima vittima della ludopatia – conclude il sindaco –. Ci troviamo di fronte a una vera e propria emergenza sociale e sanitaria, che colpisce in particolare le fasce più deboli della popolazione: il prossimo Governo dovrà considerare la regolamentazione del gioco d’azzardo come una priorità perché la ludopatia sta causando danni sociali irreparabili”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza