Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

24/01/2013

Start up, Banca Popolare di Vicenza offre finanziamenti a condizioni agevolate

Da sinistra Direttore Generale di Banca Popolare di Vicenza Samuele Sorato; sindaco di Vicenza, Achille Variati; assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri; Matteo Cielo presidente Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Vicenza; Giuseppina Grimaldi presidente ApiD Gruppo Donne Imprenditrici di Apindustria Vicenza

Banca Popolare di Vicenza sosterrà la nascita di nuove imprese mettendo a disposizione un plafond di finanziamenti fino a 5 milioni di euro a condizioni agevolate.
I finanziamenti saranno dedicati al sostegno di due progetti avviati dal Comune di Vicenza. Il primo progetto è denominato “Facciamo impresa”, network per facilitare l’avvio e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali in accordo con Progetto Marzotto, ApiD Gruppo Donne Imprenditrici di Apindustria Vicenza, Cna Vicenza, Gruppo Giovani imprenditori di Confartigianato Vicenza, Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Vicenza, associazione Veneto Responsabile (Rete per la responsabilità sociale d’impresa e di territorio).
Il secondo è “Cercando il lavoro” e coinvolge, invece, oltre al Comune di Vicenza anche 14 Comuni: Altavilla Vicentina, Arcugnano, Bolzano Vicentino, Caldogno, Costabissara, Creazzo, Dueville, Isola Vicentina, Longare, Monteviale, Monticello Conte Otto, Quinto Vicentino, Sovizzo e Torri di Quartesolo.
Entrambi i progetti hanno l'obiettivo di realizzare e sostenere start up d’impresa, con un percorso che dall’informazione e dall’orientamento dei neo imprenditori, passerà attraverso le fasi di formazione, selezione dei progetti per arrivare infine all’affiancamento con tutoraggio.
Oggi l'accordo tra Comune di Vicenza, in rappresentanza dei soggetti coinvolti nei progetti "Facciamo impresa" e “Cercando il lavoro”,e Banca Popolare di Vicenza viene sottoscritto alla presenza del sindaco di Vicenza, Achille Variati, dell'assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri e del Direttore Generale di Banca Popolare di Vicenza Samuele Sorato.
E' lodevole l'iniziativa della Banca popolare di Vicenza che ha dimostrato capacità di intrapresa sulle idee, di voler dare fiducia all'idea come motore di crescita e sviluppo – così ha esordito il sindaco Achille Variati in rappresentanza dei 14 Comuni aderenti al progetto -. Se guardiamo al passato, al dopo guerra per esempio, l'industria italiana ha saputo risollevarsi e dare il via ad una nuova stagione capace di offrire una finestra verso il futuro. La Banca offre un credito senza reali garanzie, e questa è la cosa più importante visto che di solito questo non accade. Dimostra così di avere fiducia nei nuovi imprenditori offrendo speranza soprattutto ai giovani, ma anche a coloro che hanno perso il lavoro. Il Comune di Vicenza da qualche tempo sta sviluppando un progetto per favorire la nuova occupazione. L'iniziativa che presentiamo oggi si inserisce in questo quadro e altre importanti ne presenteremo a breve.”
Oggi annunciamo un accordo importante con Banca Popolare di Vicenza che offre un plafond sostanzioso di finanziamenti importante per le nuove imprese – ha detto l'assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri -. Questo è indubbiamente un modo per investire sul futuro del territorio. L'offerta si inserisce all'interno di un progetto articolato allargato ad altri 14 Comuni del territorio che aderiscono alla rete “Cercando il lavoro” e alle categorie economiche e alle istituzioni che hanno aderito a “Facciamo l'impresa” con l'obiettivo di favorire la nascita di nuove imprese e la creazione di nuovi posti di lavoro. Fino ad oggi quasi 50 persone, per la maggior parte giovani e molte donne, hanno partecipato ai corsi di nuova impresa sostenuti dal Centro per la produttività; a breve alcuni di questi presenteranno i primi business plan per il finanziamento.”
Banca Popolare è lieta di essere a fianco del Comune di Vicenza e dei soggetti che stanno aderendo alle iniziative “Facciamo Impresa” e “Cercando il lavoro” – dichiara Samuele Sorato, Direttore Generale dell’Istituto – confermandosi banca del territorio a sostegno delle pmi. In questo momento di crisi perdurante e di incertezza dei mercati, è fondamentale continuare a credere nelle idee e nella voglia di fare dei nuovi imprenditori, sostenendo le iniziative dai cui business plan emergano delle buone formule competitive. Auspichiamo che questo plafond di 5 milioni di euro possa essere ampliato in futuro e che rappresenti il primo passo di un progetto che possa essere esportato anche in altre realtà del territorio in cui la nostra Banca opera.”
Potranno godere del credito quei progetti che avranno superato un primo controllo negli uffici comunali e poi un secondo presso la banca senza dimenticare l'opportunità di un periodo di tutoraggio.
Alla luce del raggiungimento dell'obiettivo principale, cioè contrastare il crescente fenomeno della disoccupazione che, nel territorio vicentino, interessa il 10% della popolazione attiva, Banca Popolare di Vicenza ha deciso di offrire un plafond di finanziamenti fino a 5 milioni di euro a condizioni agevolate che verranno assegnati a quei progetti scelti tra quelli che il Comune di Vicenza riterrà validi sulla base della valutazione del business plan.
Nel dettaglio il futuro imprenditore che vorrà sviluppare un progetto per una nuova impresa parteciperà ad un percorso formativo specifico per l'apprendimento delle basi relative alla gestione di un'attività imprenditoriale. Sarà quindi elaborata una scheda di presentazione del progetto aziendale accompagnata da un business plan.
Il Comune di Vicenza e i 14 Comuni coinvolti nell'iniziativa assisteranno il candidato nella predisposizione di piani economico – commerciali, del materiale informativo e dei documenti utili per l'avvio dell'istruttoria bancaria riguardante la richiesta di finanziamento. La banca, entro 30 giorni dalla ricezione dei documenti, si impegna a rilasciare esito alla domanda di finanziamento.
Nei primi 12 mesi dall'inizio dell'attività i comuni assicureranno il tutoraggio per verificare l'andamento della gestione rispetto al business plan.
Ciascuna nuova impresa potrà chiedere un finanziamento per un massimo di 100 mila euro attraverso un mutuo chirografario con durata fino a 84 mesi.

Galleria fotografica

Da sinistra Direttore Generale di Banca Popolare di Vicenza Samuele Sorato; sindaco di Vicenza, Achille Variati; assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri; Matteo Cielo presidente Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Vicenza; Giuseppina Grimaldi presidente ApiD Gruppo Donne Imprenditrici di Apindustria Vicenza

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza