Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

05/12/2012

Tragedia di S. Agostino, Balbi: “Notizia terribile"

"Invito tutte le donne che subiscono minacce e violenze a rivolgersi al Centro Antiviolenza prima che sia troppo tardi”

Una notizia terribile, ma non è altro che la punta di un iceberg. Il Centro Antiviolenza serve per prevenire queste tragedie”. È il commento di Cristina Balbi, consigliere comunale delegato alle pari opportunità, sulla notizia della tragedia di Sant’Agostino della notte scorsa.

In questo caso la donna ha passato momenti terribili, è stata sequestrata, legata, picchiata e accoltellata, ma per fortuna è sopravvissuta – spiega Balbi –; a morire è stato l’ex fidanzato aguzzino che si è tolto la vita, forse quando si è reso conto della terribile violenza che aveva commesso. In questi casi, spesso non si tratta di gesti isolati, ma dell’ultima tappa di un percorso fatto di minacce, soprusi e violenze da parte di uomini che considerano le donne come loro proprietà. Togliamoci dalla testa che questi comportamenti siano giustificabili con la passione: sono crimini e basta che si verificano spesso dopo tanti segnali inequivocabili, veri e propri campanelli d’allarme”.

Per questo è importante che le donne prendano coscienza del problema, che non sottovalutino eventuali minacce o tentativi di sopraffazione – conclude Balbi – perché uno schiaffo o un pugno possono essere solo l’anticamera di un delitto. Invito quindi tutte le donne che hanno subito qualche forma di minaccia, intimidazione o violenza a contattare subito il Centro Antiviolenza comunale che sta aiutando molte donne in difficoltà. L’intervento di esperti che sono in grado di capire il problema e interpretare certi comportamenti, può salvare una vita”.

Il Centro Antiviolenza nasce da un progetto condiviso tra il Comune di Vicenza, l’Azienda ULSS 6 – Distretto Socio Sanitario d Vicenza, le Forze dell’ordine, l’Ufficio Scolastico Provinciale, la Provincia di Vicenza, l’AIAF (Associazione Italiana Avvocati per la Famiglia) e numerose associazioni femminili attive sul territorio, al fine di dotare la città di un servizio ubicato in un luogo specifico, visibile e riconoscibile come spazio di riflessione e contrasto alla violenza e garantire interventi e servizi alle donne e a tutte le persone vittime di ogni forma di violenza.

Obiettivi specifici del Centro Antiviolenza sono: offrire un servizio dedicato, pubblico e gratuito, di contatto e primo accesso per chiunque necessiti di aiuto e consulenza o di interventi di protezione immediata, in quanto vittima di violenza; coordinare la rete dei servizi e delle strutture già esistenti sul territorio che si occupano di violenza, attraverso la definizione di protocolli operativi, anche per quanto riguarda l’attivazione di interventi di protezione immediata avvalendosi di strutture di pronta accoglienza; attivare iniziative ed attività di sensibilizzazione, informazione e formazione rivolte alla cittadinanza in generale o a target specifici di popolazione, finalizzate alla prevenzione ed al contrasto della violenza. I servizi del centro sono gestiti dall’associazione “Donna Chiama Donna” che si avvale di personale specializzato.

Lo sportello si trova in viale Torino 11 (tel. 0444 230402 - mail: ceav@comune.vicenza.it). È aperto i lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 14.30 e il giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza