Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

30/10/2012

Gioco d’azzardo fra i giovani, Variati: “Dati inquietanti. A Roma non possono ignorarli"

“Sono dati inquietanti e a Roma non possono fare finta di niente”.

Così il sindaco Achille Variati commenta i risultati della ricerca dell’Istituto Rezzara che verranno presentati in un simposio il 5, 6 e 7 novembre a palazzo Bonin Longare.

“Se i dati sul consumo di alcol erano più o meno già noti, quelli sul coinvolgimento dei giovani nel gioco d’azzardo sorprendono in negativo per l’estensione del fenomeno – sottolinea il sindaco -. Il 45% dei giovani gioca d’azzardo, quasi sempre senza conoscerne i rischi. Perché? A quanto sembra il motivo non è tanto la voglia di divertirsi, ma il desiderio di guadagnare soldi facili, soprattutto in tempi di crisi. Questo significa che metà dei giovani sono a rischio ludopatia: potrebbero diventare malati del gioco d’azzardo che non è considerato un passatempo, ma una fonte di possibili guadagni”.

“Quest’indagine è la migliore risposta a chi ha accusato l’amministrazione comunale di voler fare una crociata contro il gioco d’azzardo – conclude il sindaco -. La nostra battaglia per limitare la proliferazione senza regole di sale giochi e sale scommesse ha come obiettivo la tutela della popolazione, in particolare delle fasce più deboli e indifese come giovani, disoccupati e anziani che sono continuamente sollecitati a buttare i pochi soldi che hanno per tentare la fortuna in cerca della vincita che cambia la vita, con conseguenze devastanti per il giocatore e la sua famiglia: ogni euro perso nel gioco può diventare un passo verso la ludopatia. Mi auguro che la ricerca dell’Istituto Rezzara arrivi presto nei palazzi del potere di Roma: leggendo questi dati, forse, chi ha fatto marcia indietro sulle regole per vietare l’apertura di sale giochi a pochi metri da luoghi sensibili come le scuole, si chiederà se vale di più la salute di un giovane che rischia di diventare un “drogato del gioco”, o se sono più importanti gli interessi delle lobby del gioco d’azzardo e le entrate fiscali derivanti da un giro d’affari che supera gli 80 miliardi di euro all’anno. A Roma non possono fare finta di niente: il settore va regolamentato per arginare quella che può diventare un’emergenza sociale”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza