Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

26/10/2012

Site Pluto, Variati: "Comune non invitato, chiederemo formalmente di essere presenti"

"Suggerisco al segretario del Comipar di interpretare il proprio ruolo con maggiore attenzione e rispetto istituzionale - commenta il sindaco di Vicenza, Achille Variati -. E magari anche di verificare bene le cose prima di intervenire impropriamente. Il Comune di Vicenza non ha ricevuto alcun invito formale a partecipare alla riunione del Comipar: se un invito fosse arrivato, ci saremmo stati per far presenti le ragioni del territorio vicentino. E' molto semplice: un Comune è un ente della Repubblica, e pretendiamo di essere trattati con rispetto. Un ente non va alla riunione di un organo istituzionale se non è stato formalmente invitato. Dal segretario di un organo come il Comipar mi aspetto un comportamento consono al ruolo, non le polemichette da militante di partito. D'altro canto, è sorprendente il modo in cui la Regione gestisce un soggetto rilevante come il Comipar: scarsa trasparenza degli atti e sul proprio funzionamento, opacità nelle procedure e sulle decisioni, e in più la nomina di soggetti in evidente conflitto di interessi, come Roberto Cattaneo. Nulla di personale, ma se uno è - legittimante, ci mancherebbe - dipendente civile della caserma Ederle, forse non è il soggetto più adatto per far parte di un organo chiamato a fare importanti valutazioni su possibili nuovi sviluppi della presenza militare americana nel nostro territorio. Perché la domanda sorge spontanea: quali interessi difende? Non bisognerebbe mai trovarsi in una condizione di così palese conflitto. Detto questo, chiederemo per iscritto alla Regione che il Comune sia formalmente e stabilmente invitato alle riunioni del Comipar quando si discute di progetti o situazioni che interessano il territorio vicentino, visto anche che il Consiglio Regionale ha approvato un ordine del giorno che impegna la giunta del presidente Zaia a cercare il coinvolgimento degli enti locali sulla vicenda di site Pluto. Quello che sconcerta di questa storia, al di là di tutte le altre considerazioni, è che il caso Dal Molin non sembra aver insegnato nulla sul fronte della trasparenza verso le comunità locali: ancora una volta ci siamo trovati davanti a progetti già ben avviati, senza che le autonomie locali e gli enti di riferimento potessero, come sarebbe giusto e necessario, conoscere atti e documenti, o venissero interpellati sulle criticità di una nuova struttura militare americana in un territorio che, francamente, credo abbia già dato fin troppo alla cosiddetta 'Ragion di Stato'. Mi aspetto e pretendo un maggior rispetto per i cittadini".

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza