Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

03/10/2012

Il sindaco di Vicenza accompagna 200 giornalisti in Basilica Palladiana

"Vicenza finalmente nel circuito del turismo internazionale grazie a una mostra ‘democratica’”

“Una forma di democrazia”. Così il sindaco di Vicenza Achille Variati ha definito la grande mostra con cui si riapre la Basilica Palladiana, visitata oggi in anteprima dalla stampa nazionale e internazionale. ”Una forma di democrazia – ha precisato il sindaco – perché l’intenso lavoro collettivo che ha portato alla conclusione del complesso restauro del monumento e all’organizzazione di quest’esposizione da venerdì si tradurrà in straordinarie opportunità per tutti. Per i vicentini questo evento sarà l’occasione per ammirare in una sola visita più di 80 preziose opere provenienti da tutto il mondo. Per i turisti rappresenterà la possibilità di scoprire un centro storico rinascimentale tra i più belli e armoniosi d’Italia, dove in pochi passi si passa da un palazzo palladiano all’altro”.

La riapertura della Basilica Palladiana con la grande mostra “Raffaello verso Picasso – Storie di sguardi, volti e figura”, segna infatti, per Vicenza, l’ingresso nel circuito internazionale del turismo culturale.  Lo si è visto già stamani, con la presenza alla vernice per la stampa di 200 di giornalisti di testate internazionali, nazionali e locali, tra cui Herald Tribune e The Guardian.

Dando loro il benvenuto a fianco del curatore della mostra Marco Goldin di Linea d’Ombra il sindaco ha ricordato che l’inaugurazione della mostra coincide con la restituzione della Basilica Palladiana alla città, di cui è simbolo, e al mondo.

“Edificio storico inserito nella lista dell’Unesco – ha ricordato Variati -  la Basilica negli ultimi sei anni ha conosciuto la ristrutturazione più importante mai avuta dalla sua edificazione. Si è trattato di un rigoroso restauro conservativo, ma anche della complessa trasformazione dell’antico palazzo della Ragione in uno straordinario contenitore attrezzato con i più sofisticati sistemi di sicurezza e di climatizzazione per essere in grado di ospitare, finalmente, mostre di altissimo livello”.

“Con le magre finanze di un ente locale – ha aggiunto il sindaco, ringraziando l’intera macchina comunale per lo straordinario impegno profuso – questo intervento non sarebbe stato possibile se non ci fosse stata un’importante sponsorizzazione finanziaria a sostenerlo. Di questo ringrazio in particolare la Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona che ha assicurato il 90% dell’investimento del grande restauro, costato circa 22 milioni di euro, e di una parte della mostra, e Unicredit ed Euromobil, sponsor principali dell’esposizione”.

Variati, infine, ha voluto ringraziare personalmente il curatore Marco Goldin: “Mi avevano detto che lavorare accanto a lui sarebbe stata un’avventura ed è stato esattamente così. Non è stato semplice perché è davvero molto esigente. Ma è anche un grande professionista con un profondo amore per l’arte”.

Venerdì 5 ottobre dalle 21 all’1 di notte la mostra aprirà in via straordinaria, senza prenotazione e al costo speciale di 10 euro, in concomitanza con il concerto gratuito dei Antonella Ruggiero e la PFM organizzato per l’evento in piazza dei Signori.

L’esposizione resterà aperta dal 6 ottobre fino al 20 gennaio 2013.

Informazioni su orari, biglietti e prenotazioni sul sito www.lineadombra.it

Informazioni sulla festa inaugurale e sugli eventi collaterali.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza