Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

05/03/2012

Anziani non autosufficienti, in arrivo un contributo dell'Inpdap

Per un progettodel Comune a favore in particolare dei malati di Alzheimer

Sempre più anziani, non autosufficienti, soli e con ridotta capacità di spesa, cui si aggiungono contributi economici sempre più limitati da parte degli enti pubblici. È il quadro a tinte fosche che interessa il Paese in generale, e Vicenza in modo particolare. Basti pensare che l'indice di vecchiaia risulta qui più alto della media regionale: 161 anziché 140 ultrasessantacinquenni ogni 100 bambini tra 0 e 14 anni. Ciò significa che aumenta l'intervallo di vita in cui la persona può ritrovarsi in una condizione di non autosufficienza. Infatti, se a Vicenza nelle coppie di anziani (5.956 nuclei nel 2010, pari all’11,4% delle famiglie) il modello assistenziale “anziano curato da anziano” funziona nel 33% dei casi di non autosufficienza, sono sempre più numerose le coppie di anziani senza figli con difficoltà a curare il partner con ridotta autonomia. A ciò si aggiunge il problema del continuo aumento delle famiglie mono-persona, quasi 8 mila nel 2010 (pari al 15% delle famiglie), di cui l'80% è donna.

Di qui la necessità di puntare su progetti sperimentali ed innovativi, come fa l'Inpdap (Istituto nazionale di previdenza dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche), che, con l”Home Care Premium”, ogni anno ricerca, seleziona e finanzia progetti di assistenza domiciliare per persone non autosufficienti, che possano diventare “best practice” a livello nazionale e non solo. Al bando pubblicato dall’ente a fine 2011 ha partecipato anche il Comune di Vicenza, aggiudicandosi un contributo di 31.500 euro sui 35 mila complessivi richiesti dal progetto presentato, “Rete di sicurezza, anziani a casa ma sicuri”, rivolto ai pensionati e assistiti Inpdap non autosufficienti e ai loro famigliari residenti in città.

“Ancora una volta il nostro territorio dimostra di saper fare rete – sottolinea l’assessore alla famiglia e alla pace Giovanni Giuliari – di fronte ad una situazione in cui il Comune da solo non può far fronte a tutte le esigenze delle famiglie con anziani. A Vicenza circa l’11% degli over 65 non è autosufficiente e, grazie al contributo Inpdap, potremo sostenere in vario modo una cinquantina di persone che non usufruisce già di altre prestazioni assistenziali pubbliche”.

“Sono sette i progetti che l’istituto ha finanziato in tutto il Veneto – spiega Michele Salomone, direttore regionale Inpdap, ricordando tra l’altro la recente confluenza dell’istituto nell’Inps -, di cui due a Vicenza, dove su un bacino di circa 3.700 dipendenti pubblici pensionati, stimiamo siano 270 i non autosufficienti. Siamo lieti di aver siglato questa convenzione che confidiamo possa essere riproposta anche nei prossimi anni”.

Nel dettaglio, in collaborazione con l'Ulss 6 e l'Ipab di Vicenza, la convenzione prevede che il Comune eroghi contributi a 20 dipendenti pubblici e pensionati Inpdap o ai loro coniugi conviventi o ai loro familiari di primo grado, che si trovino in situazioni di alta gravità in quanto a salute, autosufficienza, rapporti sociali e situazione economica (valutazione Svama), con particolare attenzione alle persone con disturbi cognitivi e in attesa di essere inseriti in case di riposo che svolgono servizi specifici per malati di Alzheimer (nel 2011 i 37 nuovi ingressi complessivi nei 10 centri servizi, di cui sei nell'Ulss 6, hanno atteso in media 85 giorni).

In secondo luogo, il progetto prevede la formazione delle assistenti familiari di circa 10 famiglie di persone non autosufficienti, con possibilità di affiancamento di operatori della rete dei servizi pubblici; ma anche l'offerta di un servizio di riabilitazione cognitiva domiciliare per almeno 10 malati di Alzheimer (attraverso tecniche espressive finalizzate a mantenere le capacità comunicative) e la promozione, infine, delle cosiddette “palestre cognitive” a casa o nei centri diurni gestiti dall’Ipab per la prevenzione del decadimento cognitivo.

Per ulteriori informazioni: Unità di direzione del settore Servizi sociali e abitativi, 0444 222580, direzionesersociali@comune.vicenza.it.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza