Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

28/09/2011

Sicurezza, in arrivo tre nuove telecamere di videosorveglianza

Sindaco e assessore Dalla Pozza ribattono alle accuse dell’opposizione: “Non c’è allarme, semmai il problema vero è la mancanza di lavoro”

Tre nuove telecamere di videosorveglianza verranno installate in zona ovest. Il consiglio comunale, riunito a palazzo Nievo, ha da poco approvato all’unanimità un ulteriore emendamento alla delibera sulla variazione di bilancio, che prevede un prelievo di 30 mila euro dal fondo di riserva, per dare immediata risposta ad una necessità della questura.

“Avremmo voluto utilizzare i 30 mila euro risparmiati con il progetto Strada amica – ha spiegato l’assessore alla sicurezza Antonio Dalla Pozza -, ma la Regione non ce li restituisce. Così invece che in servizi degli agenti, che non sono permessi dai vincoli del patto di stabilità, impiegheremo questi 30 mila euro in nuove telecamere senza diminuire lo stanziamento in sicurezza stabilito a inizio anno”.

In questo modo le telecamere in città passeranno a 21 in totale, con la previsione di portarle a 25 entro breve tempo, installandone altre in centro storico. 

“L’aumento dei punti di videosorveglianza – ha aggiunto il sindaco Achille Variati – è stato concordato con la questura con cui ci si sta confrontando per stabilire il posizionamento. Come le altre, anche queste telecamere saranno collegate e manovrate dalla centrale operativa della polizia locale e in via prioritaria dalla centrale della questura”.

Sempre oggi, sindaco e assessore hanno risposto agli attacchi dell’opposizione consiliare sul tema sicurezza.  

“La grande emergenza cui dare assoluta priorità – ha analizzato il sindaco -, e che sta alla radice di tante cose successe a Vicenza ultimamente e che ancora potrebbero succedere, è il lavoro, e quindi l’economia e lo sviluppo. Perché se continua ad aumentare il numero di italiani e stranieri che perdono il lavoro e cominciano a bighellonare per la città, se vengono a mancare le risorse per mangiare, allora la tensione sociale aumenta inevitabilmente e le problematiche della sicurezza diventerebbero più elevate. E la funzione della politica è anche quella di aumentare la ricchezza da trasformare in benessere in condizioni di equilibrio ed equità. Certo – ha aggiunto - non sottovaluto le problematiche della sicurezza. Ma è lo stesso questore e non io a dire che non c’è a Vicenza una situazione di allarme sociale. Anzi, c’è un tale grande lavoro di coordinamento tra le forze dell’ordine che mai come ora si può dire che c’è il pieno controllo della situazione soprattutto relativamente allo spaccio di stupefacenti”.

“L’opposizione – ha aggiunto Dalla Pozza - sta creando artificiosamente uno stato di tensione sul tema sicurezza. Li smentiscono però i dati sull’intensa attività della polizia locale e il fatto che quando c’erano loro ad amministrare la città le cose andavano esattamente allo stesso modo – ha precisato sfogliando un corposo fascicolo di articoli di cronaca tratti dalla stampa locale del 2007 -. La differenza è che quando eravamo noi all’opposizione ci siamo guardati bene, e gli articoli lo dimostrano, dallo strumentalizzare in modo così violento un tema talmente delicato, in grado di creare dannosi allarmismi tra la popolazione. Se qualcuno ha bisogno di visibilità elettorale vada dal suo assessore alla sicurezza provinciale e regionale a chiedere maggiori fondi per la sua città”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza