Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

06/07/2011

Carcere di San Pio X, il Comune approva una serie di iniziative per il miglioramento delle condizioni di vita e per poter garantire un futuro ai detenuti

L’assessore Giuliari: “Sarà il consiglio comunale a dare il via alla proposta e a scegliere il garante dei detenuti”

Attenzione nei confronti dei detenuti nel carcere di San Pio X e delle loro famiglie per migliorare le condizioni di vita all’interno della struttura e per poter garantire un futuro dopo aver scontato la pena. Questi gli obiettivi dell’amministrazione comunale che saranno realizzati attraverso il “Piano della città per le persone in esecuzione penale 2011/2013” elaborato dalla consulta per le problematiche carcerarie.

“La consulta, istituita dal Comune nel 1999 con funzioni propositive nell’ambito degli interventi relativi ai bisogni derivanti dalla detenzione – spiega l’assessore alla famiglia e alla pace Giovanni Giuliari -, per la prima volta con questo documento propone un progetto di ampio respiro con valenza triennale che rispetti la vision dell’amministrazione su temi come la privazione della libertà personale. Ringrazio, quindi, tutti i membri della consulta che hanno partecipato alla costituzione del piano. Inoltre, a seguito di un avviso emesso per la ricerca di un garante dei detenuti, sono pervenute cinque candidature, quattro delle quali ritenute idonee, che saranno trasmesse al consiglio per l’elezione definitiva.”

I candidati ritenuti idonei che saranno valutati dal consiglio comunale sono: Beatrice Conti, Rosaria Bonuso, Federica Berti, Zeila Biondi.

“Tra gli altri obiettivi contenuti del piano – continua l’assessore - c’è l’intenzione di potenziare lo sportello informativo utile sia per le consulenze individuali che di gruppo su problematiche sociali ed abitative specifiche con l’apertura anche ad altri settori comunali, per esempio ai servizi sociali e allo sviluppo economico. In questo modo si potrà creare un servizio di consulenza completo che aiuti il detenuto a rafforzare il suo ruolo all’interno della comunità familiare e sociale con l’individuazione di percorsi di sviluppo futuro. Daremo attenzione anche ai familiari dei carcerati con i quali creeremo un gruppo perché il carcere possa essere visto non solo come luogo di pena ma anche di riscatto. Inoltre si cercherà di sviluppare iniziative culturali all’interno del carcere che deve essere visto anche come luogo di crescita personale, con lo sviluppo dei prestiti librari, già possibili grazie alla Biblioteca Bertoliana, e con la presenza di scrittori, poeti, musicisti, cantanti.

Fondamentale sarà poi il sostegno per riuscire a costruirsi una vita dopo la scarcerazione – sottolinea l’assessore -. E questo sarà possibile già durante la detenzione con inserimenti lavorativi in aziende o cooperative sia con la creazione di botteghe artigiane interamente gestite da ex detenuti. Gli obiettivi contenuti nel piano, realizzato per la prima volta, prevedono lo stanziamento di un budget di 12-13.000 euro, oltre al quale cercheremo altri finanziamenti. Sarà indubbiamente indispensabile per riuscire a sviluppare tutti gli intenti, la costituzione di una rete tra enti e organizzazioni del territorio.

Entrambe le delibere presentate oggi – conclude Giuliari - saranno sottoposte al consiglio comunale con l’intenzione che anche questo organo istituzionale dedichi al sua attenzione al carcere.”

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza