Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

28/04/2011

"Marinai, Profeti e Balene" con Capossela lunedì 2 maggio al Teatro comunale di Vicenza

Nell’attesa del vero e proprio inizio della sedicesima edizione di New Conversations – Vicenza Jazz, che prenderà il via il 6 maggio per proseguire poi attraverso decine di concerti sino al 14 maggio, il festival vicentino inizia a ‘riscaldarsi’ con un concerto-prologo che ha tutti i caratteri dell’evento speciale. Lunedì 2 maggio al Teatro Comunale (inizio ore 21) arriverà infatti Vinicio Capossela, per l’unica data in Veneto del suo tour “Marinai, Profeti e Balene”.

Per tutto il programma di Vicenza Jazz 2011, visibile in forma completa sul sito www.vicenzajazz.org, sono attive le prevendite al Teatro Comunale, on-line e nelle sedi della Banca Popolare di Vicenza. Alcuni concerti (Arturo Sandoval, Hiromi Uehara e Paolo Fresu) sono già praticamente esauriti per cui chi è interessato farà bene ad affrettarsi.

New Conversations – Vicenza Jazz 2011 è organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, in collaborazione con Aim Vicenza, Trivellato Mercedes Benz e con l’associazione Panic JazzClub, con il contributo della Regione Veneto e del Ministero per i beni e le attività culturali, oltre che con il sostegno di Intesa Sanpaolo, Confcommercio Vicenza, Confindustria Vicenza e molti altri sponsor.

“Marinai, Profeti e Balene” è il nuovo disco di Vinicio Capossela, fresco di stampa (è uscito il 26 aprile). Dal 27 aprile ha preso il via quello che si preannuncia come un lunghissimo viaggio nei teatri italiani, che in Veneto toccherà la sola città di Vicenza.
“Marinai, Profeti e Balene” è un Vinicio in formato extra-large, ben 19 pezzi inediti (erano ormai tre anni che non se ne sentivano da Capossela): sono storie di mare, musiche stratificate come gusci madreperlacei, sonorità che richiamano l’elemento acquatico veleggiando in giro per porti e baie, dal mediterraneo greco alle coste indonesiane dell’oceano indiano. Ispirato per metà dalle avventure marine di Melville e per la restante parte dai viaggi per mare omerici, Capossela insegue se stesso, interpretando sia Achab che la balena bianca, sia Ulisse che le sirene. Dal vivo lo assistite una ‘ciurma’ di musicisti che comprende Mauro Ottolini (trombone, conchiglie, ottoni, flauti, kalimba, temporale), Achille Succi (ance, flauti, shakuhachi, shehnai, tin whistle), Alessandro “Asso” Stefana (chitarre, banjo, baglama), Glauco Zuppiroli (basso), Zeno De Rossi (batteria, conga, gong delle nuvole, teste di morto), Francesco Arcuri (sega musicale, campionatore, steel drum, saz santoor), Vincenzo Vasi (theremin, campionatore, marimba, voce, glockenspiel).

Vinicio Capossela è nato ad Hannover nel 1965. Venti anni dopo si trasferisce in Italia per studiare al conservatorio, ma presto approda a New York dove compie una importante gavetta suonando nei locali notturni. “All’una e trentacinque circa”, del 1990, è la sua prima pubblicazione discografica, seguita l’anno successivo da “Modì”. Ma è con “Camera a Sud”, del 1994, che arriva il successo. Da allora Capossela ha prodotto altri cinque dischi, a volte anche con lunghe pause, cosa che dimostra la ponderazione con cui medita ogni uscita. In questo suo percorso artistico l’iniziale piglio circense e scanzonato ha lasciato via via il passo a una vena più intimistica e misticheggiante, evidente nei più recenti lavori: “Ovunque proteggi” e “Da solo”.

Vinicio è un cantautore ironico e sentimentale insieme, da sempre affascinato dalle prospettive sghembe e distorte delle figure agrodolci di guitti e menestrelli girovaghi. Nelle sue canzoni sentiamo gli echi del tango e della musica popolare, degli chansonnier e dei gitani balcanici. Del suo nuovo disco dice che è “un’opera sul fato, sul viaggio e il mare come metafora e scenografia del destino umano. Da Omero a Dante, da Melville a Conrad, è un disco che trova ispirazione nella letteratura di tutti i tempi e in cui risuonano il mito, le voci di marinai, di profeti e balene”.

Informazioni:
Assessorato alla Cultura – Ufficio Festival
Palazzo del Territorio, Levà degli Angeli, 11 Vicenza
Tel.: 0444 221541 – 0444 222101
Fax: 0444 222155
e-mail: info@vicenzajazz.org
web: www.vicenzajazz.org

Prezzi: intero euro 50 + d.p.; ridotto: euro 35 + d.p.

Riduzioni
: giovani fino ai 30 anni, over 60, associazioni culturali musicali, soci Touring Club Italiano, dipendenti Comune di Vicenza, dipendenti AIM

Prevendite
:
- Biglietteria del Teatro Comunale, viale Mazzini 39, Vicenza, tel. 0444 324442; biglietteria@tcvi.it
martedì-sabato 15:30-18:30; martedì, giovedì e sabato anche 11-13:30
- on line: www.tcvi.it
- Filiali della Banca Popolare di Vicenza

Direzione artistica
Riccardo Brazzale

Ufficio Stampa
Daniele Cecchini
cell. 348 2350217      
e-mail: dancecchini@hotmail.com

 

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza