Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

04/03/2011

Nuova ordinanza per bar e discoteche: sanzioni pesanti per i fracassoni, agevolati i locali delle zone industriali e artigianali

Orari di chiusura differenziati a seconda della zona in cui si trovano i locali e sanzioni molto pesanti contro i locali fracassoni. Sono questi i cardini della nuova ordinanza che determina gli orari dei bar, delle sale gioco e delle discoteche di Vicenza. A presentarla stamani, il sindaco Achille Variati accompagnato dall’assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri e dall’assessore all’ambiente e alla sicurezza Antonio Dalla Pozza.

“Per quanto riguarda i bar – ha annunciato il sindaco – l’orario di chiusura obbligatorio sarà quello delle 2 di notte. Ma abbiamo consentito la proroga fino alle 3 da giovedì a sabato e nei giorni prefestivi per i locali che si trovano in aree prevalentemente industriali e artigianali, classificate come zone 5 e 6 nel piano acustico. E’ questo un indirizzo che diamo ai gestori che potranno decidere di aprire in zone dove assicuriamo orari più favorevoli”.

Chi si trova in zona 5 e 6 potrà ottenere infatti la proroga della chiusura fino alle 3 purché nei 12 mesi precedenti non sia mai stato sanzionato per inosservanza degli orari o per disturbo della quiete e autocertifichi di non essere mai stato denunciato per reati di droga o per somministrazione di alcol a minori di 16 o ubriachi. Servirà inoltre presentare una valutazione dell’impatto acustico.

Anche i locali delle zone 3 e 4, cioè quelli vicini alle case, potranno chiedere la proroga, ma per il suo rilascio servirà anche il parere positivo del settore ambiente e della polizia locale.

L’ordinanza norma inoltre la chiusura delle discoteche, fissandola alle 24. “Come per i bar – ha precisato il sindaco – anche per i locali da ballo che si trovano nelle zone industriali e artigianali abbiamo previsto una proroga, che in questo caso sarà fino alle 4 del mattino. A Vicenza sono 2, 3 le discoteche che non si trovano in zona 5: i gestori di questi locali avranno 2 anni di moratoria durante i quali l’amministrazione comunale è disponibile ad incontrali per individuare una localizzazione alternativa anche all’interno del piano degli interventi. Non si pensi, però, di aggirare l’ostacolo trasformando il locale in circolo privato, la cui chiusura è fissata alle 2 di notte, perché i controlli saranno molto rigidi ”.

Quanto all’inquinamento acustico, l’ordinanza esplicita che i gestori vanno considerati responsabili non solo dentro, ma anche fuori dal locale. “Nel caso in cui l’attività imprenditoriale costituisca fonte di disturbo, anche a causa dell’assembramento e del comportamento delle persone presenti all’esterno del locale – ha spiegato il sindaco – portò disporre provvedimenti ad hoc di limitazione degli orari. E’ giusto parlarne adesso, all’inizio della bella stagione, perché “uomo avvisato è mezzo salvato...” Sappiano, i gestori, che alla seconda sanzione applicherò limitazioni non inferiori a 2 ore di chiusura anticipata per almeno 15 giorni. Qualora il comportamento sanzionato venga reiterato, procederò con l’aggravamento della sanzione, fino alla prescrizione di limitazioni permanenti. Come avevo annunciato, quindi, non procederemo più a limitazioni indifferenziate legate a una zona, ma a specifiche prescrizioni che colpiscono i locali che non rispettano le regole”.

Il provvedimento, ancora, definisce il tipo di musica che si può fare nei bar: è accettata soltanto la musica “da compagnia”, cioè di sottofondo al vociare delle persone, e dovrà cessare entro le 23 all’esterno, entro le 23.30 all’interno. Questi orari valgono anche per gli spettacoli che, oltre a rispettare le norme sull’inquinamento acustico, non potranno essere più di 20 all’anno. Anche in questo caso l’ordinanza prevede condizioni più favorevoli per i locali delle zone industriali e artigianali: potranno organizzare fino a 50 spettacoli l’anno che dovranno terminare entro le 24 all’esterno ed entro le 3 all’interno.

Già mercoledì, infine, la giunta comunale disporrà anche l’inasprimento delle sanzioni: “Le violazioni sugli orari di chiusura e per il disturbo della quiete – ha annunciato il sindaco – saranno punite con sanzioni che passeranno dagli attuali 50 a 250 euro e potranno arrivare fino a 500 euro. Durissime, inoltre, saranno le sanzioni in caso di spaccio di droga o di vendita di alcol ai ragazzini. In questi giorni, infine, emetteremo una paio di ordinanze di sospensione dell’attività per altrettante sale gioco sorprese ad utilizzare apparecchi fuori norme e avvieremo alcuni procedimenti per locali che negli ultimi mesi sono stati oggetto di varie sanzioni ed esposti. Per tutti gli altri ripartiamo da questa ordinanza che punta all’equilibrio tra la giusta esigenza di vivere la città e l’altrettanto doveroso diritto alla quiete. In passato questo equilibrio è stato calpestato: non lo permetteremo più”.  

“Nell’ultimo anno su 500 pubblici esercizi – ha aggiunto l’assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri – una trentina ha violato ripetutamente le norme. In questi mesi abbiamo dato corso a numerosi incontri con i gestori per verificare esigenze e mediare tra gli interessi. Questa ordinanza inoltre è già stata presentata alle associazioni di categoria con le quali è stata concertata al 90% ed è stata confrontata con analoghi provvedimenti di altre città”.

“La nostra volontà – ha concluso l’assessore all’ambiente e alla polizia locale Antonio Dalla Pozza – è tutt’altro che vessatoria. Anzi, le possibilità di proroga degli orari vanno nella direzione opposta. Non si colpisce in modo generale, ma solo chi crea problemi, e in questo senso sottolineo il grande lavoro di controllo che continua a fare la polizia locale”.

Oltre alle norme in materia, il provvedimento recepisce un ordine del giorno del consiglio comunale che aveva dato mandato al sindaco di prevedere orari di chiusura differenziati proprio in base alle zone individuate dal nuovo Piano di zonizzazione acustica.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza