Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

24/01/2011

Immobili, il mercato ha risposto all’avviso di vendita con dieci offerte: il Comune può avviare la trattativa privata per l’alienazione di quattro lotti, di cui due in proprietà con la Provincia

Dieci offerte per quattro lotti: finalmente gli immobili che il Comune (e in parte la Provincia) vuole vendere hanno ottenuto qualche risposta dal mercato immobiliare per un totale di quasi 4 milioni di euro. Entro la scadenza dell’avviso di alienazione a trattativa privata scaduto lo scorso venerdì 20 gennaio, infatti, dei 13 lotti in vendita hanno ricevuto offerte i fabbricati di via Motton S. Lorenzo (722.680 euro la più alta) e di piazzetta S. Giuseppe (650.000 euro) – questi due in comproprietà al 50% con la Provincia -, il negozio in contrà S. Croce (77.500 euro) e l’ex Caserma Guardia di Finanza con palazzina attigua all’angolo tra contrà Mure della Rocchetta e contrà Porta Nova (2.350.000 euro).

“Dopo due aste pubbliche andate deserte non possiamo che essere soddisfatti del risultato raggiunto oggi – commenta l’assessore al patrimonio, Massimo Pecori –, specie in considerazione del difficile momento economico. Dai numerosi contatti e richieste di informazioni ricevute durante la pubblicazione dell’avviso, avevamo comunque intuito che stavolta si era svegliato un certo interesse, favorito evidentemente dal passaggio al metodo della trattativa privata, che consente ai potenziali acquirenti di presentare un’offerta inferiore fino ad un massimo del 10% del prezzo fissato in occasione dell’asta”.

I quattro migliori offerenti verranno quindi ora contattati dal settore Servizi legali, contratti e patrimonio del Comune per avviare la stipula del contratto preliminare di vendita con deposito della caparra, cui seguirà l’iter di svincolo presso la Soprintendenza e infine la stipula del contratto definitivo.   

Tra le quattro arrivate, l’assessore registra come più gradita l’offerta per l’ex Caserma Guardia di Finanza, di intera proprietà comunale, mentre resta l’amaro in bocca per le altre due grosse partite ancora aperte: quella da oltre 8,5 milioni di euro del complesso monastico di S. Rocco in comproprietà al 50% con la Provincia e quella da quasi 4 milioni di euro del palazzo tutto comunale di viale Torino, ex sede del centro per l’impiego. “Se per il primo sono piuttosto fiducioso perché gli uffici hanno comunque avuto più di qualche interessamento durante la pubblicazione dell’avviso – ammette Pecori -, dispiace constatare che per il palazzo di viale Torino il mercato non abbia ancora colto le potenzialità della zona. Certo, si tratta di un immobile molto grande che, oltre ai quasi 4 milioni necessari per comprarlo, richiede in aggiunta altri soldi per la ristrutturazione. Ma, come previsto nel Pat, l’area ha grandi potenzialità, perché lì l’amministrazione sta puntando ad una grande azione di rilancio, che porterà senz’altro ad un accrescimento del valore degli immobili”.

L’assessore ricorda infine che i nove lotti rimasti senza offerte in occasione di questo avviso, possono comunque essere alienati in qualsiasi momento, sempre alla condizione che gli interessati presentino offerte che non siano inferiori al 10% in meno del prezzo che per ciascun immobile era stato fissato in occasione dell’asta.

“Si tratta di immobili che non risultano più strategici alle finalità dell’ente – spiega Pecori -, ma che potrebbero essere valorizzati dai privati. E il ricavato della vendita, in tempi di sofferenza per le casse comunali, risulterebbe assai utile perché andrebbe destinato a investimenti per la città”.  

Si trovano tutti nel territorio di Vicenza, eccetto uno, ubicato a Quinto Vicentino, composto da terreno più fabbricato, per un prezzo a base d’asta che era stato fissato a 671 mila euro. Oltre a questo, sono in vendita da parte del Comune e della Provincia il complesso monastico di San Rocco (8.566.000 euro), un fabbricato in via Apolloni (572.500 euro) e un appartamento in contrà San Francesco (180.000 euro).

Il Comune inoltre ha in vendita il palazzo di viale Torino, ex sede del Centro per l’impiego (3.992.500 euro); un fabbricato rurale con accessori e terreno di pertinenza in Strada di Carpaneda (514.000 euro) e un altro, nella stessa strada, composto da terreno e fabbricato (682.000 euro); e due locali di vendita del latte, uno in Strada della Paglia (34.000 euro) e uno in via Zugliano (31.000 euro).

Per ulteriori informazioni è a disposizione l’Ufficio Patrimonio di Palazzo Trissino (telefono 0444 221278/221279 – fax 0444 221260 – mail: rfasolo@comune.vicenza.it - sdosso@comune.vicenza.it).

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza