Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

07/10/2010

“Alberto Casiraghy e le edizioni del PulcinoElefante” a Casa Cogollo

Casa Cogollo ospiterà la mostra “Alberto Casiraghy, e le edizioni del PulcinoElefante” che verrà inaugurata sabato 16 ottobre alle 18 a Palazzo Chiericati in piazza Matteotti. Dopo una breve presentazione che introdurrà Alberto Casiraghy, singolare creatore delle edizioni PulcinoElefante di Osnago in provincia di Lecco, e la sua attività si potrà partecipare al vernissage nella sede espositiva in corso Palladio 165.
La mostra, a cura di Stefania Portinari, è organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza con il sostegno di Regione Veneto, Aim e Gemmo Spa.
La particolarità di questa esposizione è di presentare, oltre ad una recente selezione delle oramai così famose pubblicazioni tanto richieste nei festival e nelle manifestazioni di letteratura, anche un aspetto più “privato” di Casiraghy, mettendo in mostra sue piccole opere e composizioni, inviti realizzati per varie occasioni, volumi, fotografie e materiali presi dalla sua piccola casa-studio per ricrearne lo spirito, tra il covo da folletto e lo studiolo umanistico. “La casa di Casiraghy / è un manicomio privato”, ha scritto Alda Merini, che era sua grande amica e ha realizzato con lui oltre millecinquecento libretti: vi si annidano migliaia di edizioni, la macchina da stampa e i caratteri con tutti gli strumenti necessari per comporli, oltre alle preziosissime xilografie che spesso fungono da illustrazioni, realizzate per lui dallo scomparso Adriano Porazzi, e poi cartigli, disegni, maschere africane, miniature di animaletti e una grande Biancaneve in plastica donatagli dalla poetessa.
Come ribadisce la recente mostra “Quali cose siamo” allestita al Design Museum di Milano da Alessandro Mendini, le cose anche quotidiane che possediamo e che scegliamo parlano di quello che siamo molto più di quanto a volte non riescano a dire le teorizzazioni e le comparazioni scientifiche. Se dunque solo alcuni di questi “reperti” saranno appesi alle pareti o sotto teca alla Casa del Palladio, sarà possibile visitare virtualmente l’habitat incantato di Alberto Casiraghy grazie al catalogo edito per l’occasione, parte della collana “Display. Quaderni di design”, che oltre a presentare le edizioni in mostra riporta un ampio servizio fotografico realizzato nella sua dimora, accompagnato da testi di Arturo Schwarz, Manlio Onorato e Giuseppe Carollo. Ed è proprio il noto storico dell'arte, saggista e docente Arturo Schwarz a definire Casiraghy un “sognatore definitivo” secondo i canoni di André Breton, un “surrealista nella poesia, nella musica, nella pittura, nell’amore”, in possesso del “dono di saper concretizzare nella sua opera plastica le visioni che scaturiscono dal mondo profondo della sensibilità”.

Alberto Casiraghy, che è anche artista e liutaio, è una presenza inconsueta nel panorama editoriale italiano e il suo catalogo annovera oltre ottomila titoli, tra cui molti di autori prestigiosi, da Allen Ginsberg a Giorgio Manganelli, da Jean Cocteau a Cesare Zavattini, oltre a Nanda Pivano, Lawrence Ferlinghetti, Mario Luzi, Ezra Pound, Samuel Beckett, Franz Kafka, Corrado Costa.
Ogni edizione, stampata in esemplari numerati, custodisce un’opera d'arte originale o in tiratura limitata ma all’interno si possono trovare con sorpresa anche biglie, piume, spille o minisculture, perfino un pezzetto di wafer, come per un introvabile libretto di Bruno Munari. I suoi “libricini” che, come racconta lui stesso, “sono nati, quasi per caso, nel 1982 in un pomeriggio ventoso”, sono piccole pubblicazioni d’arte con rime, prose e micro-racconti. Sono composti coi caratteri mobili in piombo, prediligendo l’impiego del font Bodoni o Garamond, e vengono stampati a mano come un tempo, uno per uno, su carta pregiata. Con sapienza compositiva da accorto ed enciclopedico graphic designer, con eleganza ed equilibrio ma anche con sciamanica fantasia, Alberto Casiraghy assembla tipograficamente idee grafiche ed aforismi, applica interventi d’artista e infine rilega le sue edizioni. Si vanta di essere l’unico editore che “stampa in giornata”, come fosse un panettiere che sforna quotidianamente pubblicazioni di poesia.

La mostra “Alberto Casiraghy, e le edizioni del PulcinoElefante” a Casa Cogollo detta del Palladio (corso Palladio 165) resterà aperta al pubblico fino al 21 novembre, dal martedì alla domenica, dalle 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 19. Informazioni: assessorato alla cultura del Comune di Vicenza 0444 222122, uffmostre@comune.vicenza.it.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza