Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

30/09/2010

Ex chiesa di S. Giacomo, approvato un progetto preliminare per risolvere il problema dell’umidità del pavimento

La giunta comunale ha approvato in linea tecnica il progetto preliminare predisposto da Aim Vicenza relativo ad un impianto di climatizzazione da realizzare nella chiesa di S. Giacomo nell’omonima stradella.

L’edificio di proprietà comunale è destinato a sala esposizioni e convegni, ma presenta il problema di un’eccessiva umidità nel pavimento che, non solo impedisce al riscaldamento ad aria di garantire un sufficiente benessere ai partecipanti a un convegno, ma compromette anche la conservazione delle tele.

Per risolvere il problema alla radice, il progetto prevede la realizzazione di un sistema costituito da due parti integrate. La prima sarà un impianto di condizionamento che stemperi l’ambiento durante l’inverno attraverso la diffusione di caldo a bassa temperatura dal pavimento stesso, eliminando così la fonte principale del malessere ambientale attuale e favorendo il raggiungimento della temperatura ideale in occasione dei convegni. La seconda parte del sistema prevede un impianto di climatizzazione ad aria che garantisca il ricambio indispensabile per gli usi collettivi dell’edificio.

L’intervento prevede un costo complessivo di 178 mila euro (iva compresa), per il finanziamento del quale verrà chiesto un contributo alla Regione Veneto che stanzia fondi per gli interventi di realizzazione, ampliamento, completamento e sistemazione di centri di servizi culturali, biblioteche, teatri, musei e archivi.

“L’obiettivo dell’amministrazione è garantire l’uso dello spazio della chiesa per mostre e attività culturali in un ambiente salubre e confortevole – dichiara l’assessore ai lavori pubblici, Ennio Tosetto -. Per questo proseguiamo l’opera per stralci successivi, ma anche per avere le necessarie disponibilità di bilancio. È inoltre nostra intenzione proseguire la strada già sperimentata nei mesi scorsi della collaborazione con gli studenti restauratori di beni culturali architettonici ornamentali della scuola Engim Veneto. Tra maggio e luglio una ventina di allievi hanno infatti restaurato l’altare maggiore, il tabernacolo e la balaustra dell’abside che erano stati interessati, nel tempo, da un annerimento da polvere e nero fumo e da un’alterazione cromatica”.

 

 

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza