Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

04/08/2010

Nuova composizione del Tavolo di lavoro per le donne vittime di violenza

Il Tavolo di lavoro in favore di donne vittime di violenza, istituito il 22 novembre 2005, apre a nuovi organismi ritenuti particolarmente significativi al suo funzionamento. Attorno al Tavolo siederanno per la prima volta i rappresentanti della Polizia locale, del Centro per l’impiego, dell’Ufficio scolastico provinciale e della Caritas diocesana di Vicenza. Verranno affiancati dai membri che già da tempo ne fanno parte: per il Comune di Vicenza l’assessore alla famiglia e alla pace, il direttore del settore servizi sociali e abitativi, la consigliera delegata alle pari opportunità, un consigliere di maggioranza e uno di minoranza; partecipano inoltre il direttore del Distretto socio-sanitario, i rappresentanti della Polizia di Stato, del Comando Carabinieri, dell’associazione “Donna chiama Donna” e dell’associazione italiana avvocati per la famiglia (AIAF) della città. Il coordinamento e la segreteria del Tavolo saranno svolti dal settore servizi sociali e abitativi del comune.
“Il Comune, grazie all’impegno della consigliera Cristina Balbi, sta lavorando molto per offrire servizi alle donne vittime di violenza – afferma l’assessore alla famiglia e alla pace Giovanni Giuliari -. L’allargamento del tavolo di lavoro si configura come un preciso impegno che si assumono tutte le istituzioni affinché le donne non si sentano sole, ma supportate e protette. Occorre infatti che tutti agiamo per bloccare non solo la violenza fisica nei loro confronti, ma anche quella psicologica, che spinge molte nostre concittadine alla paura e al silenzio. Troppo spesso, e ingiustamente, sono le donne a doversi giustificare e a sentirsi messe sotto accusa, e anche per questo è necessario che trovino il coraggio di denunciare le violenze subite. Mi auguro - conclude Giuliari - che anche questo provvedimento aiuti a far cadere tante omertà presenti nella nostra città”.
“Il Tavolo di lavoro è uno strumento molto importante per monitorare il fenomeno della violenza alle donne in città – afferma invece la consigliera delegata alle pari opportunità Cristina Balbi -, e ritengo un fatto importante che siano state coinvolte forze nuove. L’ausilio delle istituzioni che hanno a cuore questo problema è indispensabile: dal Centro per l’impiego, un interlocutore interessante per pensare un programma di ricerca in vista di un’autonomia economica della donna, alla Caritas, che può aiutarci a scoprire situazioni di disagio riguardanti i minori e a noi sconosciute, alle forze dell’ordine. A tal proposito reputo fondamentale la collaborazione con la Polizia locale, che si trova a dover fronteggiare con una certa frequenza casi di violenza domestica”.
Obiettivo del Tavolo di lavoro è dunque quello di aiutare l’amministrazione comunale a creare una politica di rete per favorire e agevolare interventi utili a contrastare il fenomeno della violenza alle donne, nonché di supportare tutti i soggetti istituzionali e non nella ricerca di indirizzi operativi comuni e nella predisposizione di progettualità integrate ed efficaci.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza