Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

13/08/2009

Dal Molin, accesso vietato per il sindaco Variati. Già fissato un incontro col commissario Costa per i primi di settembre

Il sindaco Achille Variati ha oggi mostrato alla stampa una mappa della città con tre grossi buchi in corrispondenza dei tre insediamenti americani: la caserma Ederle, il villaggio americano e, ovviamente, l’area del Dal Molin. “Sono sindaco di tutta la città, ma su queste tre aree non ho alcuna competenza”, ha spiegato. Il riferimento di Variati è alle due lettere ricevute nel mese di luglio con cui, prima il commissario straordinario di Governo Paolo Costa e poi il colonnello comandate italiano del comando Usa, Edoardo Maggian, gli hanno comunicato l’impossibilità di accogliere la richiesta di accesso a fini ispettivi all’interno dell’area Dal Molin, in quanto trattasi di un’opera di difesa nazionale.

“Sulla mia scrivania giacciono esposti, lettere di sollecito e di richiamo inoltrati da comitati e da singoli cittadini preoccupati per quanto sta accadendo al Dal Molin tra scavi e demolizioni – ha spiegato Variati -. Se dunque non posso andare a controllare perché l’area non è di mia competenza, come posso dare una risposta ai dubbi e alle preoccupazioni legittime dei miei concittadini?”.

Di qui l’annuncio di un incontro fissato con Costa per i primi di settembre “per capire come dare risposte alla città, visto che – evidenzia il sindaco –, come stabilisce il decreto presidenziale di nomina, anche il commissario straordinario ha il compito di salvaguardare ogni esigenza di carattere urbanistico e ambientale”.

Il sindaco ha infatti ribadito come la sua contrarietà alla base militare al Dal Molin sia stata fin dal principio basata non su posizioni ideologiche, ma sugli aspetti di carattere urbanistico-ambientale: “Se sul piano giurisdizionale la questione è ancora in sospeso in attesa del pronunciamento del Tar – ha osservato Variati -, restano comunque le preoccupazioni che riguardano la presenza nell’area di falde acquifere profonde e anche di superficie: queste ultime, se alterate, potrebbero provocare cambiamenti all’assetto idrogeologico anche delle aree urbane adiacenti. La valutazione di impatto ambientale ci è stata negata – ha inoltre ricordato -, ma se succede qualcosa all’interno della base, può pagarne le conseguenze anche il resto del territorio comunale, e, quello sì, è di mia competenza”.

“Il commissario Costa ha fatto promesse alla città – ha aggiunto infine Variati -. Ma attenzione a non confondere le opere complementari con le opere di compensazione: le prime sono quelle che si rendono necessarie per gli insediamenti militari e per i loro collegamenti, per i quali è impensabile l’uso di strade urbane e servirà invece la tangenziale nord e il prolungamento di via Aldo Moro; le seconde, invece, sono a vantaggio esclusivo della città, come potrebbe essere nel caso l’area civile al Dal Molin passasse dal demanio dello Stato al patrimonio del Comune”.

Settembre si preannuncia dunque un mese importante nelle vicende delicate della base Usa, “perché Vicenza – come ha concluso Variati - non diventi ‘becca e bastonata’”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza