Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

14/04/2009

Dalla Pozza sui call center: “E’ una legge regionale che li consente. Con il progetto Notti tranquille e nuovi provvedimenti condivisi stiamo provando a risolvere il problema sicurezza della zona”

L’assessore Antonio Marco Dalla Pozza risponde alla richiesta del consigliere comunale Valerio Sorrentino di chiudere con ordinanza i call center:   “Dopo che in dieci anni il suo progetto di sicurezza ha prodotto solo un’ordinanza respinta dal Tar, adesso Sorrentino vuole insegnarci cosa dobbiamo fare. Ne prendo atto e poiché a differenza sua noi evitiamo la sterile polemica, ricordo soltanto che da mesi ci stiamo impegnando, all'interno dei limiti che le leggi statali e regionali ci danno, per risolvere strutturalmente e non con ordinanze ad effetto i problemi della zona attraverso incontri con i comitati dei residenti e tramite un rapporto con polizia e carabinieri che con questa amministrazione è diventato molto più stretto. Sorrentino se la metta via e smetta di piagnucolare perché siamo più bravi di lui e stiamo provando a risolvere definitivamente i problemi in quella zona."

“Fra due settimane - prosegue Dalla Pozza - partirà il progetto “Notti tranquille”, costato all'amministrazione comunale 195.000 euro con un contributo aggiuntivo della Regione di altri 155.000 euro, e che prevede15 mesi e 2500 ore di servizio aggiuntivo della polizia locale proprio nella zona di viale Milano, via Firenze e via Torino. Una buona parte della nuova attività sarà svolta, tra l’altro, in orario diurno, ad esempio per i controlli nelle case occupate dagli extracomunitari e per quelli relativi al rispetto delle prescrizioni di legge per call center e kebab, che continuano ad avvenire”.

“Inoltre - annuncia l’assessore -  con i settori dell’edilizia privata, dei lavori pubblici e dello sviluppo economico stiamo studiando e predisponendo alcuni nuovi provvedimenti che verranno preventivamente sottoposti alle altre autorità in modo che siano il meno possibile soggetti a ricorsi. Si tratta di provvedimenti che avranno lo scopo di diminuire il disagio dei cittadini laddove emergano segnalazioni di insicurezza”.

“Nello specifico dei call center - conclude Dalla Pozza - rammento che sono regolamentati da una legge regionale e che quindi il distratto consigliere Sorrentino avrebbe dovuto appellarsi non a Vicenza, ma direttamente a Venezia. Ricordo infine al consigliere che non serve generalizzare, ma va colpito solo chi non sta alle regole della convivenza civile: a differenza del suo ex presidente nazionale, l'on. Fini, che correttamente parla di integrazione, distinguendo tra chi delinque e chi invece vive in Italia onestamente, Sorrentino scivola nella chiacchiera da bar piena di luoghi comuni. Noi invece, che abbiamo fatto della serietà e della prontezza d'intervento il nostro modo tipico di essere amministratori, interveniamo dove serve e quando serve. La presenza delle pattuglie della polizia locale, a cui va il ringraziamento per la costante attenzione verso i cittadini, e l'arresto dei due tunisini, lo stanno a dimostrare."

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza