Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

25/03/2008

Omaggio a Neri Pozza con una rassegna alla Casa del Palladio: inaugurazione giovedì 27 marzo

Ricorre quest’anno il ventesimo anniversario della morte di Neri Pozza, scrittore, artista e intellettuale fra i più importanti della nostra città. Per ricordarlo, l'Assessorato alle Attività Culturali del Comune e i Musei Civici organizzano la mostra  "Neri Pozza. I teatrini”, in programma alla Casa del Palladio da venerdì 28 marzo a domenica 27 aprile. La presentazione ufficiale avrà luogo giovedì 27 alle  17.30 a Palazzo Chiericati, sede della Pinacoteca Civica; seguirà la visita alla sede espositiva. La rassegna, sostenuta dalla Regione Veneto, è inserita nelle iniziative della X settimana della cultura e sarà aperta dalle 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 19; chiuso il lunedì; ingresso libero.  La mostra è il primo segmento di una serie di tributi a Neri Pozza che il Comune e altre istituzioni culturali cittadine proporranno nel corso dell’anno: si tratta infatti di una sorta di prologo alla più vasta rassegna dedicata alle vedute di Vicenza e a un gruppo inedito di disegni, che sarà   inaugurata nel prossimo mese di aprile a Palazzo Chiericati. “I teatrini” è un progetto espositivo circoscritto, ma altamente significativo, che privilegia, all'interno della produzione scultorea dell'artista, il tema del teatro, inteso non tanto come luogo architettonico, quanto come metafora della vita. I “teatrini”, provenienti dalle collezioni del Museo Civico di Vicenza sono formelle in terracotta che Pozza talora chiamava "i gruppi"; si tratta di "scatole" abitate da presenze umane, scenari quotidiani animati da una prevalente presenza femminile. Poliedrico uomo di cultura, dalla "mente profonda e curiosa di sapere", intrinsecamente legato a Vicenza, sua città natale, Pozza è stato editore colto e raffinato, scultore, incisore e scrittore. Amico e assiduo frequentatore di artisti e letterati, grazie all'incontro con Lea Quaretti, che divenne sua moglie, nel 1946 fondò la casa editrice che ancora porta il suo nome. Egli è stato, per almeno un trentennio, un essenziale punto di riferimento per le vicende della cultura a Vicenza, città "per la vita", alla quale ha donato il corpus delle sue incisioni e delle sue sculture, oltre che la collezione d'arte creata insieme alla moglie. Informazioni sulla mostra allo 0444.222114; e-mail: uffmostre@comune.vicenza.it 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza