Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

13/03/2008

Un tributo a Puccini nel 150° anniversario della nascita al teatro comunale di Vicenza

È a Giacomo Puccini, figura di assoluta grandezza nel mondo operistico italiano a cavallo tra Ottocento e Novecento, e alle sue opere più famose, che è dedicato il primo appuntamento lirico della stagione di musica del Teatro Comunale di Vicenza, sostenuta dalla concessionaria Renault Rigoni-Franceschetti.

Lunedì 17 marzo, alle 21, in una serata che intende così celebrare il compositore toscano nella ricorrenza del 150° anniversario della nascita, l'Orchestra del Teatro Olimpico, diretta da Giampaolo Bisanti, il soprano Svetla Vassileva, il tenore Mario Malagnini e il baritono Walter Franceschini, faranno rivivere i capolavori pucciniani, offrendo al pubblico un florilegio di arie, duetti e ouverture da opere quali Manon Lescaut , La Bohème , Turandot e Tosca .

Lo spettacolo sarà preceduto, alle 18, nel foyer del teatro di viale Mazzini, dalla presentazione (a ingresso libero) del libro "Puccini a Vicenza" di Remo Schiavo, giornalista, critico e storico di spettacolo.

I biglietti per il concerto sono esauriti da tempo. Eventuali acquisti saranno possibili solo in caso di rinunce dell’ultima ora. Informazioni al botteghino del teatro (tel. 0444.324442) o all’agenzia Panta Rhei (tel. 0444.320217).

Giacomo Puccini nasce a Lucca nel 1858. Ultimo di una dinastia di musicisti attiva da cinque generazioni, debutta con due opere teatrali: Le villi (1883) ed Edgar (1889). La consacrazione definitiva arriva con la messa in scena di Manon Lescaut , data per la prima volta al Regio di Torino nel 1893, che segna l’inizio della felice collaborazione con i librettisti Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, autori anche delle successive tre opere, La Bohème (1898), Tosca (1900), Madama Butterfly (1904). Nel 1910 debutta La fanciulla del West . Tragico, elegiaco e comico caratterizzano rispettivamente i tre lavori del cosiddetto "trittico" ( Il tabarro , Suor Angelica , Gianni Schicchi ), rappresentati per la prima volta a New York nel 1918. Due anni dopo, Puccini scrive Turandot , opera che rimane incompiuta a causa della sua morte, avvenuta nel 1924.

Il programma della serata è tutto pucciniano, eccezion fatta per due pagine orchestrali tratte da Italiana in Algeri , di Gioachino Rossini e dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni.

Con l'aria "D'onde lieta uscì" e il duetto "Bimba dagli occhi pieni di malia", rivive La Bohème , opera che debuttò nel 1896 al Teatro Regio di Torino, basata sul romanzo di Murger Scènes de la vie de Bohème . Da Tosca verranno riprese le arie "Recondita armonia" e "Vissi d'arte", appena dunque un assaggio da un capolavoro che, tratto da un soggetto di Victorien Sardou, fa respirare le atmosfere del dramma storico e anticipa certe soluzioni del teatro musicale novecentesco.

Dopo l'intermezzo della Cavalleria Rusticana di Mascagni e quello da Manon Lescaut , verranno riprese varie pagine dal Trittico  "Aria di Michele nulla…silenzio" da Il tabarro e l'aria "Ah vittoria, vittoria" da Gianni Schicchi .

Madama Butterfly , con la quale Puccini si tuffa per la prima volta in atmosfere esotiche, fondendo abilmente elementi occidentali e orientali, viene rappresentata, nel recital vicentino, da una pagina notissima: "Un bel dì vedremo".

, con la quale Puccini si tuffa per la prima volta in atmosfere esotiche, fondendo abilmente elementi occidentali e orientali, viene rappresentata, nel recital vicentino, da una pagina notissima: "Un bel dì vedremo".

Non poteva mancare la celeberrima aria "Nessun dorma" da Turandot , l'opera che Puccini trasse da un lavoro di Carlo Gozzi. Di ambientazione fantastica, Turandot è stata completata da Franco Alfano dopo la morte dell’autore, e rappresentata postuma alla Scala nel 1926.

L’orchestra vicentina, che nella stagione 2007/2008 del Comunale è più volte presente sia in ambito sinfonico che lirico, sarà diretta da Giampaolo Bisanti, dal 1995 direttore principale dell’Orchestra Mozart di Milano e ospite regolare delle più prestigiose orchestre internazionali; nel corso della sua carriera, Bisanti ha portato al debutto oltre venti titoli di opere liriche e diretto più di quattrocento concerti sinfonici.

Svetla Vassileva, Mario Malagnini e Walter Franceschini sono tutti affermati solisti, di casa nei principali teatri e sale da concerto della scena nazionale e internazionale.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza