Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

15/02/2008

Una serata per i non vedenti: Bruno Conte canta Battisti

Il linguaggio universale della musica per celebrare l'invenzione dell'alfabeto Braille. Venerdì 22 febbraio, alle ore 21, il sipario del teatro Astra di Vicenza si aprirà per dare spazio alla voce di Bruno Conte. L'artista vicentino si esibirà in un concerto di solidarietà a favore della sezione provinciale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, per celebrare nel migliore dei modi la Giornata Nazionale del Braille, il linguaggio inventato dal francese Louis Braille per permettere la lettura e la scrittura anche ai non vedenti. Si tratta di una serata dedicata alla grande canzone d'autore italiana, e in particolare al repertorio di Lucio Battisti, promossa dall'assessorato per i giovani e l'istruzione del Comune di Vicenza, dalla circoscrizione 1 "Centro Storico" e dall'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Vicenza, con il patrocinio della Regione Veneto e della Provincia di Vicenza. L'iniziativa di spettacolo e di solidarietà è stata presentata questa mattina a Palazzo Trissino dall'assessore per i giovani e l'istruzione Arrigo Abalti, dal presidente della circoscrizione 1 Maurizio Finizio, dalla presidente della sezione provinciale Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Francesca Biasiotto e dal cantante Bruno Conte. Bruno Conte, tenore vicentino che nella serata in programma all'Astra sarà accompagnato da un'orchestra di otto musicisti divisi tra pianoforte, chitarre, violino, batteria, strumenti a fiato e cori, ha maturato in questi anni una lunga esperienza nel mondo del jazz e dello swing, arrivando a collaborare anche con alcuni dei migliori artisti italiani pop del panorama nazionale: da Ron a Rossana Casale, passando per maestri assoluti della canzone italiana come Lucio Dalla e Gianni Morandi. La serata in programma all'Astra sarà anche l'occasione per conoscere l'attività della sezione vicentina dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, impegnata ad offrire a chi è affetto da questa disabilità servizi di supporto e formazione, e attività riabilitative e ricreative. Sullo sfondo, l'importante ricordo di Louis Braille: il geniale inventore francese che, nella prima metà dell'ottocento, rivoluzionò la vita dei non vedenti permettendo loro di uscire dall'analfabetismo grazie al suo sistema innovativo. Una scoperta eccezionale, festeggiata il 21 febbraio di ogni anno, che oggi concede ad ogni cieco e ipovedente la possibilità di esprimersi pienamente in ogni campo sociale e culturale. Biglietto unico 10 Euro Prevendite dei biglietti: - Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, viale Mazzini 9/A - Vicenza (tel.0444.543419) - Agenzia Viaggi Palladio, via Cavour 16 - Vicenza (tel.0444.546111) - Teatro Astra (contrà Barche 55, tel.0444.323725): solo il 22 febbraio, dalle ore 19.30 fino ad esaurimento posti)

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza