Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

08/02/2006

"Le forme della luce" di Giovanni Duso ai SS. Ambrogio e Bellino

Sabato 11 febbraio, alle 18, nella Chiesa dei SS. Ambrogio e Bellino, si inaugura la mostra di pittura del vicentino Giovanni Duso, in cartellone fino al 5 marzo (orari d'apertura dalle 15 alle 19, da martedì alla domenica, ingresso libero).
La mostra, promossa dall'Assessorato alle Attività Culturali del Comune di Vicenza, è curata da Resy Amaglio. Informazioni ai numeri 0444-222114, 222122; e-mail: uffmostre@comune.vicenza.it.

Giovanni Duso nasce nel 1936 a Costabissara, dove vive e lavora. La sua formazione artistica inizia da giovanissimo nella bottega "Palladio" di Otello De Maria, che frequenta contemporaneamente alla Scuola d'Arte e Mestieri di Vicenza. In questo periodo nascono le sue prime prove pittoriche che rappresentano soprattutto paesaggi e nature morte. Dal 1958 al 1962 soggiorna a Milano dove, operando nel campo della ceramica, entra in contatto con l'ambiente artistico milanese dell'epoca. La sua prima mostra personale risale al 1972 nella Galleria del Corso di Vicenza; seguono diverse esposizioni che lo vedono protagonista non solo nel territorio veneto, ma anche oltre confine. Duso ha partecipato a numerosi premi e concorsi nazionali, conseguendo significativi riconoscimenti. Formatosi come pittore ceramista, ha conservato nel tempo la disciplina e l'attenzione proprie dell'antico mestiere, evidenti nell'accurata stesura dei pigmenti, nella capacità di alleggerire gli impasti e di strutturare i dipinti esprimendo il sentimento fortemente interiorizzato della realtà. La sua pittura giunge così al superamento del dato concreto, accostandosi al linguaggio dell'astrazione informale.
Dai suoi maestri ideali, Kandinsky e Klee, Duso reinterpreta la lezione sul colore e sulla magica evocazione dei toni. Il più recente approdo della sua ricerca pittorica, con echi di Santomaso e Afro, è una nuova concezione della luce, che, come scrive Resy Amaglio, "media l'intuizione creativa e gli echi memoriali, prosciuga la materia da inutili possibilismi e pastosità superflue, disvela le forme coaugulandole tra le trasparenze e le veicola compostamente verso la superficie del dipinto". In mostra sarà esposta una selezione di circa venti opere riguardanti gli ultimi cinque anni di produzione dell'artista.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza