Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

10/06/2013

165° anniversario della battaglia del 1848 ricordato a palazzo Trissino

Il grazie del sindaco alla polizia locale nel 185° anniversario di fondazione

Questa mattina si è tenuta a palazzo Trissino la cerimonia del 165° anniversario della battaglia del 10 giugno 1848 per la quale la bandiera di Vicenza è stata decorata con la prima medaglia d’oro al valor militare.

Alle 10.15 nell'atrio è stata deposta la corona d'alloro alle lapidi dei caduti. Poi in sala Stucchi, alla presenza delle autorità militari e civili cittadine, il sindaco ha introdotto una conferenza sul Risorgimento vicentino e la storia della bandiera di Vicenza del dottor Mauro Passarin, conservatore del Museo del Risorgimento e della Resistenza.

La nostra bandiera – ha detto il sindaco – ancora oggi ci ricorda che le scommesse importanti di una città sono un fatto collettivo, così come i risultati raggiunti. E' il lavoro e l'impegno di tutti che fanno vincere le sfide a una comunità”.

In occasione della cerimonia il sindaco ha ricordato che oggi è anche il 185° anniversario di fondazione della polizia locale di Vicenza, ma che quest'anno non è stata organizzata la tradizionale festa in sintonia con lo spirito di sobrietà richiesto dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. “Voglio comunque ricordare – ha detto Variati – l'antico e glorioso corpo della nostra polizia locale, porgendo un doveroso ringraziamento al comandante e ai suoi uomini per l'impegno profuso contro il degrado e per la sicurezza urbana anche in anni resi particolarmente difficili dalla crisi economica. Anni in cui alla polizia locale vengono chiesti impegni sempre nuovi nell'ambito di un'indispensabile collaborazione con le forze dell'ordine che sta dando importanti risultati”.

Dopo l'intervento di Mauro Passarin (vedi allegato) il sindaco ha invitato i presenti a osservare un minuto di silenzio in ricordo del capitano dei bersaglieri Giuseppe La Rosa, ucciso in Afghanistan, e degli altri militari italiani caduti. “Con la speranza – ha concluso Variati – che queste vite possano contribuire a portare la pace nel mondo”.

 

Documenti allegati

Galleria fotografica

La cerimonia nell'atrio di palazzo Trissino La cerimonia nell'atrio di palazzo Trissino La cerimonia nell'atrio di palazzo Trissino La cerimonia nell'atrio di palazzo Trissino La cerimonia nell'atrio di palazzo Trissino La conferenza in sala Stucchi La conferenza in sala Stucchi

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza