Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

30/06/2011

Denunciati tre studenti, falsificavano i biglietti di sosta. Dalla Pozza: “Non è una ragazzata, ma un reato penale”

Uno studente universitario di 24 anni è stato denunciato per aver falsificato i biglietti per la sosta della propria auto negli spazi blu della città. Il ragazzo residente nel veneziano è stato denunciato per lo  stesso reato contestato qualche tempo fa a due studenti diciannovenni residenti nel vicentino e nel padovano.

Agenti della polizia locale e accertatori della sosta di Aim mobilità li hanno sorpresi mentre parcheggiavano in contrà San Silvestro e in contrà Burci utilizzando biglietti contraffatti. I ragazzi, in sostanza, avevano riprodotto con lo scanner dei biglietti di sosta autentici e, al computer, avevano modificato date e orari in modo da utilizzare per l’intera giornata le copie contraffatte. Gli accertatori, tuttavia, hanno notato qualche anomalia nei biglietti esposti sui cruscotti delle auto e la polizia locale ha atteso i giovani vicino alle automobili, sequestrando i titoli falsificati e denunciando gli utilizzatori all’autorità giudiziaria.

Aim Mobilità, che ha già aperto altri 4 procedimenti di questo tipo contro altrettanti studenti, ha proceduto a presentare querela di parte. Ora i ragazzi rischiano una condanna penale da 6  mesi a 3 anni per truffa o per falsità in scrittura privata o pubblica.

“Mi complimento per la professionalità della polizia locale – dichiara l’assessore alla sicurezza Antonio Dalla Pozza -  che ha fatto della lotta alla contraffazione dei documenti un settore di eccellenza, ma auspico che questo fenomeno regredisca rapidamente. Quella che infatti potrebbe apparire una ragazzata in realtà è un reato penale vero e proprio. Si tratta di un tipo di truffa che, per i numeri, inizia anzi ad essere allarmante. Invito quindi tutti, ed in particolare i giovani pendolari, a non cercare di aggirare la legge sfruttando le abilità informatiche per risparmiare i soldi del parcheggio, e ad utilizzare magari mezzi più economici ed ecologici dell’automobile, come il trasporto pubblico locale, che offre nei parcheggi di interscambio la possibilità di lasciare la macchina a prezzi contenuti e di raggiungere il centro con mezzi rapidi e comodi”.

 

 



ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza