Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

29/11/2012

Maltempo, il commento il sindaco Variati il giorno dopo l’emergenza

“Modello ancora impreciso, ma indispensabile per attivarci per tempo”

Il modello previsionale della Regione è uno strumento importantissimo, che ci consente di attivarci per tempo. Averlo avuto nel 2010 avrebbe consentito di limitare in modo decisivo i danni dell’alluvione”.

Il giorno dopo lo scampato pericolo per l’emergenza fiumi il sindaco Achille Variati fa il punto sulla gestione dell’emergenza, promuovendo il meccanismo di allertamento introdotto dalla Regione specificatamente per il Bacchiglione perché dà finalmente il tempo alla città di prepararsi adeguatamente.

Certo – precisa Variati, che in due giorni ha visto la previsione passare da 6 metri e 50 alle 23 a 4 metri e 10 alle 3 di notte – è un modello che va decisamente affinato. Soprattutto con l’approssimarsi dell’ora della piena, quando dovrebbe diventare via via sempre più preciso e invece dà ancora risultati piuttosto troppo variabili e lontani dal dato reale. Ma la strada è quella giusta. Anche per questo chiederò un incontro con i tecnici regionali che l’hanno elaborato per fornire tutte le informazioni in nostro possesso in grado di arricchire la banca dati utilizzata per elaborare i dati. Prima non avevamo nulla, e l’abbiamo pagata sulla nostra pelle. Ora c’è uno strumento che ci consente di attivarci per tempo. L’obiettivo di domani è ottenere un modello sempre più preciso, per evitare sprechi e ansie inutili alla popolazione. Nel frattempo andiamo avanti con la nostra unità di crisi comunale che sta dimostrando di saper gestire con grande prudenza e oculatezza le informazioni regionali, incrociandole con molte altre fonti”.

Il sindaco, dopo l’esperienza di ieri, promuove quindi a pieni voti il sistema che mette in sicurezza la città, un meccanismo sempre più oliato, che oggi consente di gestire la situazione e circoscrivere gli allagamenti fino a quando il fiume raggiunge circa i 6 metri di piena a Ponte degli Angeli. “Tutti gli interventi puntuali che abbiamo realizzato - precisa Variati - resteranno a protezione del territorio in attesa dei lavori definitivi. Nulla va buttato. Compresa la preziosa esperienza che stiamo acquisendo ad ogni emergenza e che ci consente ogni volta di più di operare con maggior efficienza, riducendo i costi di ogni allerta meteo”. Ieri, sul territorio, c’erano circa 200 uomini di Comune, Aim e Acque Vicentine, oltre agli operatori di Genio civile, Consorzio di bonifica e Croce rossa. Ma rispetto all’emergenza dell’11 novembre sono stati gestiti in modo più efficace e meno dispendioso, proprio grazie alla programmazione sempre più puntuale.

Del resto – conclude il sindaco – noi abbiamo il dovere di attrezzarci per convivere con questo problema fino alla realizzazione dell’indispensabile bacino di Caldogno. A questo proposito confermo che il Governo ha già preso la decisione di affidare al presidente della Regione Zaia i poteri necessari ad evitare le lungaggini delle procedure ordinarie. Formalmente sarà la Protezione civile nazionale a conferirglieli. Nella sostanza questa delega ci consentirà, mi auguro, di ridurre le stagioni in cui dover tener testa da soli alle piene del fiume”.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza