Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

15/10/2010

Campo Marzo: firmata l’ordinanza contro il degrado, Variati “Credo nel dialogo, ma ora serve la mano della fermezza”

Divieto di vendita di bevande alcoliche a partire dalle 20, chiusura delle attività commerciali, delle sale gioco, delle attività di telefonia e money transfert e dei centri massaggi dalle 21, chiusura degli esercizi pubblici e delle attività artigianali che vendono prodotti alimentari di produzione propria dalle 22 in tutte le strade attorno a Campo Marzo: via Torino, Firenze, Milano, Genova, piazzale Bologna, via battaglione Monte Berico, Napoli, Roma, Verdi, Gorizia, Dalmazia e in tutte le aree verdi intorno. Unica eccezione: il bar all’interno dell’Hotel Campo Marzio per il solo servizio agli ospiti della struttura. Inoltre, divieto di circolazione dei veicoli dalle 22 alle 6 in via Torino, Genova e Firenze, residenti esclusi. In caso di inadempienza, non solo multe salate con innalzamenti della sanzione minima decisi oggi dalla giunta comunale, ma anche in molti casi la denuncia penale.
Questo il contenuto dell’ordinanza voluta dal sindaco Achille Variati per contrastare la situazione di grave degrado in cui è precipitata la zona di Campo Marzo.
“Campo Marzo – ha spiegato Variati illustrandone il contenuto con l’assessore alla pubblica sicurezza Antonio Marco dalla Pozza e il comandante della polizia locale Cristiano Rosini – è un’area verde della città di cui andiamo fieri. E’ un posto straordinario dove passeggiare, giocare, stare all’aria aperta. Non a caso ospita un parco giochi. Obiettivo del mio mandato è restituire questo polmone verde alla città. Per farlo ho utilizzato la mano del dialogo, ma ora serve quella della fermezza. Oggi è il tempo non tanto del sindaco sceriffo, ma dell’amministratore che ha l’obbligo di intervenire con decisione perché il percorso del dialogo e della riqualificazione non risulta sufficiente. Si è lavorato molto, ma ora serve un intervento straordinario. Mi preoccupa, in particolare, il diffondersi della presenza di spacciatori in una zona dove è consistente il passaggio di giovani diretti in stazione”.
Sul versante del controllo emerge che dal 2009 ad oggi, malgrado i notevoli interventi di presidio civico dell’area, sono state 130 le informative inviate dalla sola polizia locale all’autorità giudiziaria per reati come la detenzione e lo spaccio di stupefacenti, la rissa, la guida in stato di ebbrezza; 41 le violazioni all’ordinanza antiprostituzione, 142 quelle all’ordinanza antialcol.
Significativa anche la responsabilità di taluni esercizi commerciali: 42, infatti, le violazioni amministrative accertate per mancato rispetto delle giornate e degli orari di chiusura. 
E’ risultato del resto che proprio fuori dai negozi e dai pubblici esercizi aperti fino a tardi si sono verificati i maggiori problemi di ordine pubblico, legati soprattutto al consumo di alcol. “Di qui la decisione – ha spiegato l’assessore Dalla Pozza – , accanto ai numerosi accorgimenti introdotti in questi giorni per presidiare il parco, di intervenire sugli orari di chiusura, limitando l’attività di oltre una trentina tra bar, phone center, negozi di alimentari, kebab della zona, oltre che garantire, dalle 22 alle 6 di mattina, un po’ di quiete per i residenti di strade ancora fortemente interessate dal fenomeno della prostituzione”.
L’ordinanza firmata dal sindaco ricorda inoltre tutti i provvedimenti già introdotti, che saranno fatti rispettare con sanzioni inasprite. “Proprio oggi – ha precisato a questo proposito Variati – la giunta ha deciso di innalzare da 150 a 350 euro la sanzione per chi consuma alcol nelle aree verdi e nelle strade della città; da 50 a 350 euro la multa per chi bivacca e usa impropriamente le panchine dei parchi; da 50 a 500 euro la sanzione per i phone center e money transfert che non rispettano gli orari di chiusura”.
La nuova ordinanza scatta lunedì 18 ottobre e resterà in vigore fino al 31 dicembre 2010, salvo proroghe. “Ma con l’arrivo della bella stagione – ha preannunciato il sindaco Variati – ritorneranno in Campo Marzo le manifestazioni e gli spettacoli perché sono ancora fermamente convinto che il miglior modo che hanno i cittadini di allontanare i delinquenti da quella zona sia riappropriarsene frequentandola. Quanto agli sbandati, una doccia, un pasto caldo e un letto a Vicenza non sarà negato a nessuno e i servizi sociali durante l’inverno saranno ancora più attenti ad accogliere chi ha bisogno”.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza