Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

13/03/2013

“Noi Falsi d’Autore: l’Alzheimer incontra l’Arte”, il 15 marzo il seminario conclusivo

Far incontrare l’arte museale di Vicenza ai pazienti affetti da malattia di Alzheimer per aiutarli a recuperare i ricordi del passato attraverso l’esperienza artistica. Questo è l’obiettivo di “Noi Falsi d’Autore: l’Alzheimer incontra l’Arte”, l’iniziativa promossa dal Centro Rindola di Vicenza (Centro di Psicologia e Riabilitazione Neuropsicologica) in collaborazione con il Comune di Vicenza (assessorati alla cultura e agli interventi sociali, direzione Musei civici), il contributo della Confartigianato, con il patrocinio di Comune, ULSS6, Regione Veneto, che si concluderà venerdì 15 marzo all’Odeo del Teatro Olimpico con un evento seminariale dal titolo “L’Alzheimer incontra l’arte” durante il quale verranno presentati al pubblico i risultati del percorso intrapreso che si svolgerà dalle 9 alle 17.
Il progetto sperimentale vicentino, partito nel novembre 2012, si è ispirato a un programma di accesso alla cultura intrapreso da ARTZ™ (Artists for Alzheimer) al Moma di New York e nei principali musei internazionali, promosso dal Professor John Zeisel, uno dei più importanti innovatori nell’ambito del trattamento non farmacologico della malattia di Alzheimer.
Le visite guidate al circuito museale vicentino per i pazienti del Centro Rindola hanno rappresentato l’opportunità di far riaffiorare nelle persone affette da malattia di Alzheimer memorie storiche emotivamente vivide, di stimolare le risorse cognitive residue grazie alla ricchezza degli stimoli sensoriali offerti dalle differenti sedi museali coinvolte (Basilica Palladiana, Pinacoteca di Palazzo Chiericati, Museo del Risorgimento). Un percorso alla riscoperta del ruolo sociale attivo dell’arte, capace di contribuire a far “superare lo stigma della demenza”, che porta a vivere la malattia come una condanna che isola socialmente, come evidenzia il Rapporto mondiale Alzheimer 2012.
Durante il seminario all’Odeo del Teatro Olimpico verranno approfonditi gli aspetti neurologici e psicologici che consentono di parlare di riabilitazione delle persone affette da demenza di Alzheimer attraverso il canale artistico. Saranno presenti all’incontro relatori tra i più illustri del panorama nazionale nell’ambito della cura delle demenze, che daranno testimonianza di esperienze analoghe già realizzate in altre città italiane.
L’evento seminariale è a carattere scientifico e rappresenta un’occasione formativa per operatori socio-sanitari che operano nell’ambito delle demenze. Il corso è accreditato ECM ed è richiesta un’iscrizione obbligatoria entro giovedì 14 marzo. Il programma e il modulo di iscrizione è scaricabile dal sito www.centrorindola.it.
Questa importante iniziativa riporta la nostra attenzione sul ruolo, anche terapeutico, che possono svolgere le attività artistiche e creative per i pazienti affetti da malattia di Alzheimer, grazie alla capacità straordinaria che hanno le arti visive di agire sui circuiti emozionali, con il merito di favorire un incontro reciproco, affidato a linguaggi non verbali, con chi progressivamente è stato privato, a causa della malattia, della sua identità – commenta l’assessore alla cultura Francesca Lazzari-. Il percorso sperimentale, che viene intrapreso per la prima volta nella nostra città, ha inoltre un illustre precursore nel Moma di New York che, nel 2006, ha organizzato un programma di visite guidate all'interno dei propri spazi, mirato a incoraggiare l'espressione e la creatività nei malati di Alzheimer”.
"E' un'iniziativa che ben si inserisce in quel percorso di sostegno ed aiuto alle persone malate di Alzheimer e alle loro famiglie che abbiamo sviluppato in questi anni grazie alla collaborazione di tanti Enti e soggetti che hanno a cuore il problema e che ha portato, tra l'altro, all'istituzione dello sportello telefonico (0444-222569) attivato nell'ambito del progetto "Polo Assistenziale Alzheimer" finanziato con il contributo della Fondazione Cariverona, - commenta l’assessore alla famiglia e alla pace Giovanni Giuliari -. Uno sportello che risponde alle domande dei cittadini e degli operatori relativamente alla rete dei servizi sociali, socio sanitari e sanitari per le persone con decadimento cognitivo".
Per maggiori informazioni: Centro Rindola, Via Rossini, 41 a Vicenza, 0444.929374
www.centrorindola.it, rindola@centrorindola.it.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza