Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

URP

Assegno di maternità

Aggiornato al: 22/07/2016


L'assegno di maternità è un contributo statale erogato dall'INPS che ha lo scopo di sostenere le madri che non hanno un altro trattamento di maternità o che percepiscono un’indennità inferiore all’importo del contributo stesso.

L'assegno spetta per ogni figlio nato, per ogni minore adottato o in affido preadottivo. Per i parti gemellari spettano due assegni.

Il Comune raccoglie le domande e l'INPS eroga il contributo.

 

Chi ne ha diritto

L'assegno di maternità può essere richiesto solo dalla madre del bambino/a:

1. che risiede nel Comune di Vicenza, anche quando ha partorito/adottato/avuto in affidamento preadottivo il minore;

2. che non beneficia di alcuna indennità di maternità nel periodo di astensione obbligatoria dal lavoro o che percepisce un'indennità inferiore all'importo del contributo stesso, come previsto ai sensi dell'art. 74 D.Lgs. 151/2011 e pena la restituzione della somma indebitamente ricevuta;

3. che presenti un valore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) del nucleo familiare non superiore a € 16.954,95 risultante da attestazione ISEE in corso di validità;

4. che sia cittadina italiana o cittadina comunitaria oppure appartenente a Paesi Terzi in qualità di cittadina. In quest’ultimo caso la cittadina extracomunitaria deve risultare:

- titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo oppure

- familiare di cittadini italiani, dell’Unione o di cittadini soggiornanti di lungo periodo non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente oppure

- rifugiata politica, i suoi familiari e superstiti oppure

- titolare della protezione sussidiaria oppure

- cittadina/ lavoratrice del Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia oppure

- titolare del permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro, ad eccezione delle categorie espressamente escluse dal D.lgs. 40/2014 oppure

- che abbia soggiornato legalmente in almeno 2 stati membri oppure

- apolide.

 

Presentazione della domanda

La domanda va presentata al Centro Servizio Territoriale di appartenenza (http://www.comune.vicenza.it/cittadino/scheda.php/42720,45756entro 6 mesi dalla data del parto o dall'ingresso in famiglia del minore in caso di adozione o di affido preadottivo.

 

Documenti da allegare alla domanda

All’interno della domanda vanno inseriti i dati DSU dell’ISEE in corso di validità senza omissioni. L'attestazione ISEE viene rilasciata dal Caf
(http://www.comune.vicenza.it/cittadino/scheda.php/50553,45742)

Alla domanda è necessario allegare in copia i seguenti documenti:

- codice IBAN per pagamento tramite bonifico o libretto postale;

- copia del permesso di soggiorno se cittadino extracomunitario o copia ricevuta di avvenuta richiesta del permesso, per le madri di paesi terzi in attesa del permesso di soggiorno in corso di validità

- documento d'identità in corso di validità

 

Qualora l’attestazione ISEE presenti omissioni ovvero difformita’, rilevate in esito ai controlli automatici dell’Agenzia delle Entrate fra quanto dichiarato nella DSU ISEE e i dati presenti nel sistema informativo di anagrafe tributaria, il cittadino richiedente la prestazione puo’, in alternativa:

A) presentare una nuova DSU ISEE con attestazione ISEE priva di omissioni ovvero difformità nel termine per la conclusione del procedimento all’indirizzo e mail servsociali@comune.vicenza.it oppure consegnarla a mano al CSST (Centro di Servizio Sociale Territoriale del Comune di Vicenza) dove è stata presentata la domanda;

B) richiedere, comunque, la prestazione mediante l’attestazione relativa alla dichiarazione presentata recante le omissioni o le difformita’ rilevate. In tal caso, la dichiarazione è valida ai fini dell’erogazione della prestazione, fatto salvo che il cittadino presenti, entro 10 giorni dalla richiesta del Comune, idonea documentazione atta a dimostrare la completezza e veridicità dei dati indicati nella DSU ISEE. Nel caso in cui questa ulteriore documentazione non fosse ritenuta sufficientemente esaustiva, per accedere al beneficio sarà necessario presentare una nuova attestazione ISEE (senza omissioni ovvero difformità) nel termine previsto per la conclusione del procedimento.

Si ricorda che coloro che presentano dichiarazioni false incorrono in gravi responsabilità penali nonché nella decadenza del beneficio


Pagamento dell’assegno

Il Comune, dopo aver controllato la sussistenza dei requisiti, concede o nega l’assegno e lo comunica a chi ha presentato la richiesta. Il Comune può anche revocare l’assegno.

In caso di concessione, il Comune trasmette all’INPS i dati necessari per il pagamento secondo le modalità indicate nella domanda. L’INPS paga il contributo entro 45 giorni dalla domanda.

 

Entità dell'assegno

Dall'1 gennaio 2016 l'importo dell'assegno, se spettante in misura intera, è di 1.694,45 euro (pari a 5 mensilità da 338,89 euro l'una). Le madri, che beneficiano di un beneficio parziale per la maternità inferiore alll'importo di questo contributo, possono richiedere un assegno pari alla differenza tra il beneficio percepito e l'importo del presente contributo

 

Normativa di riferimento

- D.P.C.M. 159/2013

- Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 35 del 12 febbraio 2016 pubblicazione Circolare INPS misura e requisiti economici dell'assegno al nucleo familiare numeroso e dell'assegno di maternità

- Parere ANCI in materia di accesso dei cittadini stranieri alle prestazioni sociali maggio 2015

- D.Lgs. 151/2001 art. 74 Testo unico sulla maternità e paternità

 

 

 

Collegamento alle pagine del settore Servizi sociali e abitativi:
http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipserv/socialieabitativi/

     

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Infrastruttura Internet a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza