Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

URP

Imposta di soggiorno

Aggiornato al: 08/03/2017

(Foto di E.Campana)


Nel Comune di Vicenza l'imposta di soggiorno è in vigore dall'1 maggio 2012.
Con delibera n. 16 del 30 aprile 2014 e n. 1 del 31 gennaio 2017 il consiglio comunale ha apportato alcune modifiche al regolamento. Con delibere n. 64 del 15 aprile 2014 e n. 5 del 10 gennaio 2017 la giunta comunale ha modificato la misura dell’imposta. Pertanto, la nuova misura dell'imposta è in vigore dal 10 gennaio 2017.

A che cosa serve l’imposta

L’imposta serve a finanziare interventi in materia di turismo, compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché i servizi pubblici locali.

Chi è soggetto passivo dell’imposta

Sono tenuti al pagamento dell’imposta di soggiorno i soggetti, non residenti nel Comune di Vicenza, che pernottano nelle strutture ricettive ubicate nel territorio comunale, fino ad un massimo di 5 pernottamenti consecutivi o anche non consecutivi purchè rientranti all'interno dello stesso mese e con pernottamento nella medesima struttura ricettiva.
L’imposta di soggiorno è determinata per persona e per pernottamento ed è commisurata alle caratteristiche ed ai servizi offerti dalle strutture ricettive, nonché al conseguente valore economico/prezzo del soggiorno.

Esempio pratico: se una coppia di clienti soggiorna presso una struttura in una camera doppia al costo superiore a 25 euro, ognuno di loro dovrà versare 2 euro al giorno per un massimo di 5 giorni anche non consecutivi: questo perché l’imposta è determinata per persona e per notte (come previsto dal paragrafo 2 dell’art. 5 del regolamento comunale) ed è commisurata singolarmente ad ogni fascia di prezzo della camera.

Chi è esente dall'imposta

Sono esenti dal pagamento dell’imposta:

  • i minori fino al compimento dei 14 anni di età;
  • i malati che effettuano terapie presso strutture sanitarie nel territorio comunale e coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie, con un accompagnatore per paziente;
  • autisti di pullman, accompagnatori e/o guide che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati da operatori turistici;
  • appartenenti alle forze dell’ordine, polizia locale e vigili del fuoco che pernottano per esigenze di servizio;
  • religiosi presso case religiose di ospitalità;
  • persone con disabilità non autosufficienti e il loro accompagnatore.

L'esenzione è subordinata alla presentazione al gestore della struttura ricettiva di un'autocertificazione per ogni richiedente l'esenzione, indicante la motivazione della richiesta.

Quanto si paga

In campeggio, ostello e convitti gestiti da religiosi: imposta fissa di 0,50 euro a persona per notte.

In strutture ricettive extra-alberghiere quali affittacamere, alloggi, appartamenti, bed & breakfast, residence e altre strutture: 2 euro a persona per notte.

Per i gruppi organizzati composti da oltre 20 persone paganti, l'imposta di soggiorno è modulata in due fasce:

  • prima fascia: imposta di 0,50 euro a persona per pernottamento (in camere con prezzo fino a 25 euro a persona);
  • seconda fascia: con imposta di 1 euro a persona per pernottamento (in camere con prezzo da 25,01 euro a 55* euro).

* Se il prezzo supera 55 euro a persona per pernottamento si applicherà l'imposta prevista per i clienti individuali.

Per i clienti individuali nelle strutture alberghiere, il costo dell'imposta è pari a:

  • 1 euro a persona (per pernottamento in camere con prezzo fino a 15 euro per persona per notte);
  • 1,50 euro a persona (per pernottamento in camere con prezzo da 15,01 euro a 25 euro per persona per notte);
  • 2 euro a persona (per pernottamento in camere con prezzo da 25,01 euro a 70 euro per persona per notte);
  • 2,50 euro a persona (per pernottamento in camere con prezzo da 70,01 euro a 130 euro per persona per notte);
  • 3 euro a persona (per pernottamento in camere con prezzo oltre 130 euro per persona per notte).


Come si paga

L’imposta va versata direttamente al gestore della struttura presso la quale si è pernottato, contestualmente al pagamento dell’importo previsto per il proprio soggiorno.

Normativa di riferimento

(link: http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipecofin/tributi/imposta/normativa.php)

Modulistica

(link: http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipecofin/tributi/imposta/modulistica.php)


Per informazioni

Settore tributi
Palazzo ex Aci, piazzetta San Biagio 1
Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12
Tel.  0444222352 e 222351, fax. 0444222364
Email: impostasoggiorno@comune.vicenza.it


Collegamento alle pagine del settore Tributi
(link: http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipecofin/tributi/)

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Infrastruttura Internet a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza