Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

20/02/2013

Eredità di Nereo Quagliato, il Comune accetta di conservare ed esporre le opere

"Attesa", bronzo del 1965

La giunta comunale ha accettato l'eredità del noto scultore vicentino Nereo Quagliato recentemente scomparso.
Lo ha annunciato oggi l'assessore alla cultura Francesca Lazzari ricordando che ora spetta al Consiglio comunale pronunciarsi in merito.
Lo stesso Quagliato aveva espresso il desiderio di donare le sculture e i disegni raccolti nella sua casa-studio in contrà Porta S. Lucia ad un ente o ad un privato “che si prenda l'impegno di conservarli in adeguata esposizione aperta al pubblico con libero accesso”.
Insieme al consistente patrimonio rappresentato dalle sue opere d'arte, lo scultore ha anche lasciato una somma di denaro destinata a finanziare il progetto espositivo.
Abbiamo deciso di accettare l'eredità con beneficio di inventario perchè l'ente comunale è vocato ad essere esecutore delle richieste dello scultore proprio per i compiti istituzionali che gli sono riconosciuti – ha spiegato l'assessore alla cultura Francesca Lazzari -. Ora si procederà con l'individuazione esatta dei beni di Quagliato per poter presentare una relazione completa al consiglio comunale che mi auguro accetterà la proposta”.
Poco prima della sua scomparsa Nereo Quagliato aveva donato al Comune alcune sue opere, otto in totale, che attualmente sono conservate a Palazzo Chiericati in attesa di una loro collocazione.
Si tratta di “Attesa” del 1965 in bronzo, “Virgilio” del 1971 in terracotta, “Bagnanti” del 1980 in bronzo, “Serena” del 1983 in terracotta, “Cavallo” del 1989 in bronzo, “Pietà” del 1998 in legno, “L'evento” del 1999 in legno e infine “Omaggio a Neri Pozza” del 2012 in terracotta.
La nostra proposta è quella di collocare le otto sculture di Quagliato, insieme ad altre opere provenienti dal suo studio, al piano terra di palazzo Chiericati, nelle sale ora occupate dalla mostra dedicata a Neri Pozza – ha spiegato l'assessore Francesca Lazzari -. Il resto delle opere, che consistono in pregevoli disegni e in numerose sculture, rimarrà conservato nella sua casa in contrà Santa Lucia.

Galleria fotografica

"Attesa", bronzo del 1965 "Attesa", bronzo del 1965 "Bagnanti", bronzo del 1980

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza