Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

23/03/2012

“Haru no Kaze”: il console generale del Giappone, Shigemi Jomori, oggi in città per l’inaugurazione del festival sulle tradizioni e la cultura del Paese del Sol levante

In occasione dell’avvio della quarta edizione del festival della cultura giapponese “Haru no Kaze - Vento di Primavera”, in collaborazione con il Comune di Vicenza per il terzo anno consecutivo, e che si svolge in città da oggi, venerdì 23 marzo, fino all’1 aprile, questa mattina, accompagnato dalla moglie Camelia ha raggiunto Vicenza il console generale del Giappone a Milano, Shigemi Jomori.
Il console è stato ricevuto dal sindaco Achille Variati, assieme agli assessori al turismo Massimo Pecori e allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri, oltre che dalla presidente dell’associazione Gohan, Paola Bordignon.
Dopo la presentazione del programma del festival a Palazzo Trissino, cui seguirà un breve momento musicale con il soprano Miho Kamiya accompagnato all’arpa da Marianne Gubri, il console si recherà in visita alla mostra di artisti contemporanei Giapponesi allestita a Palazzo Cordellina, grazie alla disponibilità della Biblioteca Bertoliana, e a ViArt, che ha offerto ospitalità per l’allestimento di una mostra fotografica e per l’esposizione di oggetti d’arte giapponesi. Nel pomeriggio il console visiterà il Teatro Olimpico.
Sempre più ricca di iniziative, la manifestazione – organizzata dall’associazione Gohan, in collaborazione con l’assessorato al turismo del Comune di Vicenza - è giunta alla quarta edizione: conferenze, workshop, dimostrazioni e concerti, come gli altri anni, hanno già riscosso un notevole interesse di pubblico, registrando già il quasi tutto esaurito per quegli eventi che richiedono una prenotazione preventiva.
“Il festival della cultura giapponese si sta radicando nel nostro territorio  - dichiara il sindaco Achille Variati - e sta diventando uno degli appuntamenti annuali più importanti su questo tema in Italia. Un vero punto di riferimento quindi per chi desidera approfondire la conoscenza delle arti tradizionali e della millenaria storia giapponese. Si tratta di un’occasione unica che il pubblico ha dimostrato di apprezzare. Oggi abbiamo il piacere di accogliere il console giapponese a Milano che per noi rappresenta una speranza  per poter incentivare la conoscenza delle bellezze di Vicenza anche nel lontano Giappone. Sarebbe importate infatti che la nostra città diventasse una tappa di visita durante i viaggi dei turisti giapponesi in Italia.”
“Mi congratulo per questo evento per il quale l’associazione Gohan, che ringrazio per il costante impegno, mette in campo le proprie forze con l’obiettivo di diffondere la conoscenza della cultura giapponese in Italia. Mi sono recato a Vicenza per la prima volta lo scorso anno e mi ha veramente impressionato. Subito il sindaco mi ha condotto sul palco allestito in piazza dei Signori in occasione della festa dei 150 anni dell’Unità d’Italia – spiega il console giapponese Shigemi Jomori che era stato invitato a partecipare all’iniziativa dedicata alla grande bandiera realizzata dalle scuole – dove ho visto tanti giovani tutti insieme che hanno dimostrato alla nazione vicinanza al Giappone per la tragedia del terremoto.”
“Haru no Kaze ritorna quest’anno per la quarta volta e sta già riscontrando molto successo visto l’aumento delle richieste di partecipazione alle varie iniziative che registrano oramai il tutto esaurito – spiega la presidente dell’associazione Gohan, Paola Bordignon. -. Segno che la promozione dello scambio tra la cultura italiana e giapponese è molto apprezzato e che vi sono tanti aspetti da condividere. Tra le iniziative da segnalare il concerto dei tamburi del 25 marzo, le due conferenze culturali del 23 marzo "La via del tè e la via dello zen sono una stessa via" e del 28 marzo "Silenzi e voci di donne nel Giappone contemporaneo". Infine le mostre aperte a ViArt su fotografia e oggetti d’arte giapponese e a Palazzo Cordellina con opere di artisti giapponesi.”
Il pubblico ha già potuto respirare l’atmosfera del lontano oriente grazie alle iniziative di ViArt in contrà del Monte 13. Dal 16 marzo e fino all’1 aprile, infatti, si può visitare ad ingresso libero la mostra fotografica “Il gesto creativo” nelle arti tradizionali del Giappone a cura del fotografo e artista Flavio Gallozzi. Sempre nella stessa sede si possono anche ammirare oggetti d’arte giapponese (orari di apertura: martedì, giovedì, sabato, domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19; mercoledì e venerdì dalle 15 alle 19).
“Haru no Kaze 2012” sarà ufficialmente inaugurata il 23 marzo, data che coincide con l’apertura a Palazzo Cordellina (contrà Riale 12) della mostra di artisti contemporanei giapponesi del “Sakurai Art System” composto da Sakurai Shinya, Yamaguchi Toshiro, Kajiura Norio). Alle 18 è prevista l’inaugurazione della mostra aperta a tutti (orari di apertura: da martedì a giovedì dalle 17 alle 19.30, venerdì dalle 16 alle 19.30, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30).
Sempre il 23 marzo è prevista una conferenza culturale ai chiostri di S. Corona (contrà S. Corona 4) con inizio alle 20.45 dal titolo "La via del tè e la via dello zen sono una stessa via" con Aldo Tollini, docente di lingua giapponese classica all'Università Ca' Foscari di Venezia, traduttore di testi antichi giapponesi e autore di libri sulla cultura giapponese.
Il programma delle attività inizia sabato 24 marzo e comprende dimostrazioni e workshop sulle varie arti giapponesi che si terranno al Centro Informagiovani di contrà Barche 55, ai chiostri di S. Corona e al Teatro Astra (stradella Barche 5): lingua giapponese, ikebana, origami, taiko, chadō, zazen, bonsai, vestizione del kimono, furoshiki, shiatsu e gioco del go saranno solo alcuni dei temi trattati nei laboratori. Sono inoltre previste al Ristorante Tazio al Boscolo Hotel De La Ville di viale Verona 12 una dimostrazione di cucina giapponese (24 marzo dalle 9.45 alle 13.30) e una cena “I sapori del Giappone” (29 marzo alle 20.15).
Dopo lo straordinario successo della scorsa edizione verrà riproposto il concerto di Taiko (tamburi giapponesi), con il gruppo Masadaiko, la cui data è fissata per domenica 25 marzo alle 20.45 al Teatro Comunale. I biglietti (13 euro intero, 11 euro ridotto) sono già in vendita alla biglietteria del teatro (viale Mazzini 39, 0444 324442, biglietteria@tcvi.it), agli sportelli della Banca Popolare di Vicenza e on line sul sito www.tcvi.it.
Lunedì 26 marzo alle 20.30 al cinema Odeon verrà proiettato il film giapponese “Morte di un maestro del tè” di Kei Kumai, vincitore del Leone d’argento al festival di Venezia nel 1989.
Il 28 marzo viene proposta la conferenza culturale dal titolo "Silenzi e voci di donne nel Giappone contemporaneo" con Paola Scrolavezza, docente di lingua e letteratura giapponese all’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna, esperta di letteratura femminile moderna e contemporanea, traduttrice e autrice di libri sul tema.
Il festival si chiuderà l’1 aprile con la conferenza aperta a tutti, fino ad esaurimento dei posti disponibili, dedicata a Chadō-Cerimonia del tè, alle 16 al Teatro Astra. A condurre il pomeriggio ci sarà la maestra Michiko Nojiri Scuola Urasenke.
Per informazioni, prenotazioni ed iscrizioni: segreteria associazione Gohan Asd - 345 6497944 - gohan@nagaikiryu.com - www.nagaikiryu.com/gohan. L’associazione è anche su Facebook, Twitter, Skype.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza