Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

27/09/2011

The Winter’s Tale di William Shakespeare in lingua russa con sottotitoli in italiano, da giovedì 29 settembre a sabato 1 ottobre per il 64° Ciclo di Spettacoli Classici del Teatro Olimpico

Il 64° Ciclo di Spettacoli Classici del Teatro Olimpico diretto da Alessandro Gassman prosegue con un evento davvero eccezionale nel panorama della scena teatrale italiana. Da giovedì 29 settembre a sabato 1 ottobre sarà infatti sul palcoscenico del teatro palladiano, a partire dalle 20, uno spettacolo di grande respiro internazionale, nelle sue uniche date in Italia: The Winter’s Tale di William Shakespeare con la regia di Declan Donnellan, uno dei maggiori registi shakespeariani del teatro contemporaneo. L’allestimento, in lingua russa con sottotitoli in italiano, è realizzato dalla Compagnia del Maly Drama Theatre di San Pietroburgo diretta da Lev Dodin.
La produzione ha il sostegno del British Council e della compagnia teatrale Cheek by Jowl (Gran Bretagna). La tournée di The Winter’s Tale  al Teatro Olimpico di Vicenza fa parte dell’iniziativa culturale Italia – Russia 2011 ed è sostenuta dal Ministero della Cultura della Federazione Russa.
I biglietti si possono acquistare al botteghino del Teatro Olimpico dal martedì al sabato dalle 16 alle 18 (tel.0444222801), nel sito del teatro comunale www.tcvi.it e agli sportelli Banca Popolare di Vicenza al costo di 23 euro (più 3 diritto di prevendita) per Gradinata intero, 20 euro (più 2 diritto di prevendita) per Gradinata ridotto e 9 euro (più 0,60 diritto di prevendita) per gli studenti.
Informazioni: Teatro Stabile del Veneto, Ufficio Promozione, 0412402020
ufficiopromozione@teatrogoldonive.it; assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, 0444 221541, infocultura@comune.vicenza.it.
Lo spettacolo è interpretato da Pyotr Semak, Mikhail Samochko, Anatoly Kolibianov, Oleg Gaianov, Alexei Zubarev, Vladimir Zakharyev, Alexander Koshkarev,  Sergei Muchenikov, Alexander Zavialov, Adrian Rostovsky, Igor Chernevich, Sergei Vlasov, Vladimir Artemov, Alexander Koshkarev, Natalia Akimova, Angelika Nevolina, Vera Bykova, Elena Vasilyeva, Lia Kuzmina, Natalia Fomenko, Ekaterina Reshetnikova, Tatyana Rasskasova, Sasha Vasin.
Scene e costumi sono curati da Nick Ormerod, assistente alla regia è Natalia Kolotova, direttore dei dialoghi Valery Galendeev. Inoltre per le musiche Svetlana Lavrova, movimenti Yuri Vasilkov. Infine direttore tecnico è Evgeny Nikiforov e direttore di palcoscenico Irina Prikot.

Verso la fine delle prove: pensieri a ruota libera di Declan Donnellan
Cos’è il travestimento? Il fingere di essere qualcun altro? Fingere una trasformazione? Non possiamo trasformarci ed è tragicamente pericoloso pensare di poter cambiare gli altri. Non ci resta che stare a vedere, che comprendere. La trasformazione si realizza, ma è misteriosa. Legata al tempo e all'apparire, è al di fuori del nostro controllo.
Nel Racconto d'inverno viene affrontato il tema della vanità e dello sforzo che siamo disposti a compiere per mantenere la nostra identità. In scena il dualismo che sta al cuore di ogni forma di vanità: non vi è tiranno che non sia vittima; non vi è vittima che non sia tiranno.
Perché ci bendiamo gli occhi? Per non vedere la nostra impotenza? Per non vedere l'amore? ... E in che modo i nostri sentimenti veri, la nostra umanità, il nostro equilibrio, cominciano a spaventarci così tanto?
Ci compiace fare della nostra vita un racconto lineare. Raccontiamo storie per arginare l’esperienza. Shakespeare disattende le regole del tempo come successione consequenziale: il bambino si nasconde nell’adulto, l'anziano vive nel bambino, la nascita si ridesta nella morte. Ogni logica svanisce e appare una verità oltre la logica. Un mistero si manifesta. Una nascita. Un’epifania. Di volta in volta queste interconnessioni nell'inconscio possono essere commuoventi o divertenti, paurose o eccitanti, o anche improbabili.
Shakespeare riconosce l’inadeguatezza del linguaggio. Sa che le parole spesso sono vuote e a volte pericolose. È anche consapevole, però, che le parole sono quasi tutto quello abbiamo per esprimerci. Perdita dice a Florizel: “Non so parlare così bene; proprio affatto così bene; né pensare meglio; ma sul modello dei miei pensieri io taglio la purità dei suoi.”
Il Racconto d’inverno appartiene al gruppo delle ultime opere, in cui i personaggi sono potenzialmente tragici, come Macbeth o Otello, ma a cui è concessa la possibilità di vedere, di comprendere. Racconto d’inverno non è una tragedia: a Leonte è offerta la possibilità di comprendere.
Alla fine del dramma arrivano il riscatto e l'amore. Un amore misterioso e confuso che ha una sua vita indipendente. Un amore che, volenti o nolenti, ci salverà, ma ci salverà secondo le sue regole e non secondo le nostre. Un amore da cui sfuggiamo per non essere annientati.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza