Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Uffici

Uffici del Comune: sedi, orari, telefoni, e-mail e attività

03/05/2011

Vicenza Jazz – I concerti di venerdì 6 maggio con l’ Orchestra del Teatro Olimpico e Gianluca Petrella I-Jazz Ensemble 2011 “Il Bidone”

Venerdì 6 maggio, l’inaugurazione della sedicesima edizione del festival New Conversations – Vicenza Jazz avverrà nel segno di Nino Rota, al quale saranno dedicati ben tre distinti omaggi, che ne riveleranno sia le doti di compositore per il cinema, che di autore classico, oltre che portare alla luce l’ispirazione che i suoi temi possono fornire all’improvvisazione jazzistica.

Al Teatro Olimpico (inizio ore 21) il programma concertistico sarà doppio: si inizierà con un “Omaggio a Nino Rota” affidato all’Orchestra del Teatro Olimpico e al suo direttore Giancarlo De Lorenzo. Poi salirà sul palco l’I-Jazz Ensemble 2011, che sotto la guida di Gianluca Petrella, il trombonista per eccellenza del jazz italiano odierno, offrirà una revisione jazzistica delle musiche di Rota. Faranno parte del gruppo John De Leo (voce), Giovanni Guidi (pianoforte), Beppe Scardino (sax), Andrea Sartori (elettronica), Joe Rehmer (contrabbasso) e Cristiano Calcagnile (batteria).

Alle ore 22 prenderanno poi il via anche gli appuntamenti del Panic Jazz Cafè Trivellato, quest’anno ospitato nei Chiostri di Santa Corona. Primo dei tanti gruppi statunitensi che transiteranno per il jazz club del festival sarà il quintetto del trombettista Ambrose Akinmusire. Assieme a lui si sentiranno Walter Smith III (sax tenore), Sam Harris (pianoforte), Harish Raghavan (contrabbasso) e Justin Brown (batteria).

New Conversations – Vicenza Jazz 2011 è organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, in collaborazione con Aim Vicenza, Trivellato Mercedes Benz e con l’associazione Panic JazzClub, con il contributo della Regione Veneto e del Ministero per i beni e le attività culturali, oltre che con il sostegno di Intesa Sanpaolo, Confcommercio Vicenza, Confindustria Vicenza e molti altri sponsor.

 

Nel centenario della nascita di Nino Rota, Vicenza Jazz dedica un doveroso omaggio ad uno dei compositori italiani più amati dal pubblico nazionale e internazionale.

Nato a Milano nel dicembre del 1911, Nino Rota è conosciuto soprattutto per le sue colonne sonore, e in particolare per il lungo sodalizio con Federico Fellini, iniziato con l’incontro durante le riprese de Lo sceicco bianco e proseguito fino alla morte del compositore (che si spense a Roma nel 1979 subito dopo aver ultimato le musiche per Prova d’orchestra). I primi contatti di Rota col mondo del cinema risalgono addirittura ai primi anni Trenta, ma è nel decennio successivo che l’impegno diventa continuativo, portandolo a collaborare con Visconti, Zeffirelli, Francis Ford Coppola (per la colonna sonora del cui Padrino Parte Seconda vinse anche l’Oscar).

Rota, figlio di musicisti, fu un autentico enfant prodige: iniziò a comporre all’età di otto anni. Allievo, tra gli altri di Pizzetti e Casella, ha lasciato un’abbondante produzione teatrale (ricordiamo Il cappello di paglia di Firenze, 1955) oltre che sinfonica e cameristica, che proprio in questi anni viene riscoperta con maggiore attenzione.

 

L’omaggio che Vicenza Jazz dedica a Nino Rota si compone di più momenti, il primo dei quali è affidato all’Orchestra del Teatro Olimpico, diretta dal Maestro Giancarlo De Lorenzo. L'Orchestra, fondata nel 1990 su iniziativa del Comune di Vicenza e di alcuni musicisti vicentini raccogliendo le esperienze precedenti di altre formazioni cittadine, vanta una serie di importanti collaborazioni con direttori quali Peter Maag, Massimo De Bernart, Paul Angerer, Giancarlo Andretta, Umberto Benedetti Michelangeli, Marc Andreae, Donato Renzetti e con solisti come Alexander Lonquich, Benedetto Lupo, Joaquin Achucarro, Maria Tipo, Antonio Ballista, José Carreras, Cecilia Gasdia, Renato Bruson... L’Orchestra si esibisce anche nel repertorio contemporaneo, e in questo ambito vanta prestigiosi incontri con Astor Piazzolla, Enrico Rava, Richard Galliano, Ralph Towner e Lee Konitz.

Giancarlo De Lorenzo è direttore artistico e principale dell'Orchestra del Teatro Olimpico dal 2003. De Lorenzo ha diretto numerose orchestre italiane ed estere, tra le quali l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, I Solisti di Perugia, “I Pomeriggi Musicali” di Milano, l'Orchestra Filarmonica Italiana, la Philarmonisches Kammerorchester Munchen, i London Mozart Players, l'Orchestra Europa Philarmonie di Magdeburgo, la Mainzer Kammerorchester, l'Orchestra da Camera di Istanbul, l'Orchestra Sinfonica di Kiev, l'Orchestra dell'Ermitage di S. Pietroburgo e molte altre.

 

Un altro omaggio a Nino Rota è affidato all’I-Jazz Ensemble guidato da Gianluca Petrella. Il giovane trombonista barese (nato nel 1975) è assai noto al pubblico internazionale per il suo ruolo nei gruppi di Enrico Rava, ma vanta collaborazioni anche con nomi del calibro di Carla Bley, Steve Swallow, Joey Calderazzo, Greg Osby, Steve Coleman, Pat Metheny. Inoltre ha suonato con molti jazzisti di primo piano della scena italiana: Paolo Fresu, Danilo Rea, Antonello Salis, Roberto Gatto, Franco D’Andrea.

Nel progetto che presenterà all’Olimpico di Vicenza, intitolato “Il Bidone”, Petrella ha raccolto molti materiali composti da Nino Rota, ricollocandoli in un ambiente sonoro poliedrico. L’elettronica, il jazz e la voce di John Di Leo (ex Quintorigo) si fondono qui con garbo per riproporre temi noti e meno noti dell’indimenticato compositore milanese.

 

Trombettista noto per il controllo del suono e l’ampia gamma di colori che padroneggia, Ambrose Akinmusire è originario di Oakland (California) dove è nato nel 1982. Akinmusire è stato notato mentre ancora frequentava il Berklee College da Steve Coleman, che lo chiamò poi nei suoi Five Elements: aveva allora solo 19 anni.

Tutt’altro che appagato, Akinmusire torna, dopo quella esaltante esperienza, a studiare sulla West Coast. Frequenta il Thelonious Monk Institute di Los Angeles, vincendo nel 2007 la prestigiosa Thelonious Monk International Jazz Competition. Registra di lì a poco il primo album a suo nome, per la Fresh Sound New Talent, ma viene anche notato da Bruce Lundvall, presidente della Blue Note Records: nasce così il suo disco When The Heart Emerges Glistening, che Akinmusire presenterà a Vicenza.

 

 

Informazioni:

Assessorato alla Cultura – Ufficio Festival

Palazzo del Territorio, Levà degli Angeli, 11 Vicenza

Tel.: 0444 221541 – 0444 222101

Fax: 0444 222155

e-mail: info@vicenzajazz.org

web: www.vicenzajazz.org

 

Prezzo concerto Teatro Olimpico: intero euro 20 + d.p.; ridotto euro 15 + d.p.

Prezzo concerto Panic Jazz Cafè Trivellato: 5 euro compresa bibita

 

Abbonamenti:

concerti al Teatro Olimpico (6, 11 e 14 maggio): intero 50 euro + d.p.; ridotto: 40 euro + d.p.

 

Riduzioni:

giovani fino ai 30 anni, over 60, associazioni culturali musicali, soci Touring Club Italiano, dipendenti Comune di Vicenza, dipendenti AIM

 

Prevendite:

- Biglietteria del Teatro Comunale, viale Mazzini 39, Vicenza;

tel. 0444 324442; biglietteria@tcvi.it

martedì-sabato 15:30-18:30, martedì, giovedì e sabato anche 11-13:30

- on line: www.tcvi.it

- Filiali della Banca Popolare di Vicenza

 

Direzione artistica: Riccardo Brazzale

 

Ufficio Stampa: Daniele Cecchini
cell. 348 2350217            e-mail:
dancecchini@hotmail.com

 

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza