Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

URP

Forme speciali di vendita - per corrispondenza, per televisione e altro

Aggiornato al: 25/06/2014


Con "forme speciali di vendita" si intendono quelle attività commerciali che non vengono esercitate nei negozi tradizionali (vendita negli spacci interni, tramite distributori automatici, per corrispondenza, televisione o altri sistemi di comunicazione, a domicilio e commercio elettronico).

Fra le forme speciali di vendita al dettaglio, rientra l’attività di vendita al dettaglio per corrispondenza, o tramite televisione o altri sistemi di comunicazione, di cui all’articolo 18 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114.

L’attività può iniziare immediatamente con la presentazione della SCIA (segnalazione certificata inizio attività) al SUAP del Comune nel quale l’esercente, persona fisica o giuridica, intende avviare l’attività.

E’ vietato l’invio di prodotti al consumatore, se non a seguito di specifica richiesta, salvo che si tratti di campioni ovvero di omaggi senza spese o vincoli per il consumatore.

Sono vietate le operazioni di vendita all’asta realizzate per mezzo della televisione o di altri sistemi di comunicazione.

Chi effettua le vendite tramite televisione per conto terzi deve essere in possesso della licenza del Questore (art.115 TULPS).
In caso di vendita tramite televisione, l’emittente televisiva deve accertare, prima della messa in onda, che il titolare dell’attività sia in possesso dei requisiti prescritti per l’esercizio della vendita al dettaglio. Durante la trasmissione debbono essere indicati il nome e la denominazione o la ragione sociale e la sede del venditore, il numero di iscrizione al registro delle imprese ed il numero della partita IVA.

Agli organi di vigilanza è consentito il libero accesso al locale indicato come sede del venditore.

Come fare

L’avvio dell’attività è subordinato alla presentazione al SUAP del Comune di una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), ai sensi dell’articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241. L’attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data della presentazione della SCIA.

Tutte le pratiche devono essere presentate esclusivamente con modalità telematica al SUAP del Comune attraverso la piattaforma informatica www.impresainungiorno.gov.it . Non si accetteranno più pratiche in forma cartacea.

In caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti previsti, il Comune entro sessanta giorni dal ricevimento della SCIA, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro un termine fissato dall’amministrazione.

Copia del modulo, munita di ricevuta, deve essere conservata presso l’indirizzo della sede legale.

I requisiti d'accesso all'attività di vendita sono indicati nel documento:
(http://www.comune.vicenza.it/utilita/documento.php/82240)

 

Modulistica
La modulistica si trova sul portale www.impresainungiorno.gov.it ed è compilabile on-line.


Disposizioni particolari

- La vendita di cose antiche o usate di pregio, sia al minuto che all’ingrosso, come previsto dall’art. 126 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza, è soggetta a preventiva segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA).
E’ inoltre obbligatoria la tenuta del registro dei beni usati oggetto di compravendita da vidimarsi presso l’Ufficio Commercio Fisso.

- Per il commercio di cose usate “prive di valore o di valore esiguo”(di valore non superiore ad € 250,00) non c’è l’obbligo di tenuta del registro dei beni usati.

- Per il commercio di oggetti preziosi o metalli preziosi o recanti pietre preziose, anche usati è fatto obbligo di munirsi di licenza del Questore e richiederne la vidimazione del registro di compravendita.

 

Normativa

  • DLGS. 114/1998 “Riforma della disciplina relativa al settore del commercio”.
  • Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n.59 “Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi del mercato interno”
  • Legge 241/1990 sul procedimento amministrativo
  • L.R. 50/2012 “Politiche per lo sviluppo del sistema commerciale nella Regione del Veneto”
  • D.Lgs 06/08/2012 n. 147 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59, recante attuazione della direttiva 2006/123/CE, relativa ai servizi nel mercato interno”;
  • Regolamento per l’esecuzione del T.U.L.P.S. 18.06.1931 n. 773, approvato con R.D. 06.05.1940, n. 635;
  • L.R.Veneto  10/2001;
  • Deliberazione di Giunta comunale n. 202 dell’8/10/2013 “Determinazione modico valore cose antiche e usate ai sensi dell’art. 247 del Regolamento TULPS” .


Dove andare

Comune di Vicenza - Settore Politiche dello Sviluppo - Ufficio Commercio Fisso - Piazza delle Biade n. 26 - Vicenza
tel. 0444/221986
fax 0444/221989
e-mail: commerciofisso@comune.vicenza.it

Quando

Lunedì, martedì, giovedì, venerdì: dalle ore 10 alle ore 12 - giovedì dalle ore 16.30 alle ore 18.00 - mercoledì chiuso.

 

Collegamento alle pagine del Settore Politiche dello Sviluppo:
http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipecofin/sviluppoeconomico/

Come valuti questa pagina?

Navigazione di: Commercio e attività produttive


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza