Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

URP

Voto cittadini italiani residenti all'estero

Aggiornato al: 13/03/2017


I cittadini italiani residenti all’estero, regolarmente iscritti all’Aire (Anagrafe degli italiani residenti all’estero), e i cittadini italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all’estero, alla data della consultazione elettorale, per un periodo di almeno tre mesi, nonché i familiari con loro conviventi, possono votare all’estero o in Italia, presentando apposita domanda, entro il 10° giorno dall'indizione delle consultazioni.

Come fare

Cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’AIRE

Il cittadino italiano residente all’estero regolarmente iscritto all’Aire del Comune, può votare per corrispondenza o optare di esprimere il voto in Italia, ai sensi degli artt. 1 e 4 della legge 459/01 nonchè dellart. 4 del d.P.R. n.104/03.
Ggli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’Aire, riceveranno il plico elettorale direttamente al loro indirizzo di residenza, tramite il Consolato di riferimento. Qualora l’elettore non lo ricevesse potrà sempre richiederne il duplicato all’ufficio consolare di riferimento. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato il proprio indirizzo di residenza estera, presso il Consolato di riferimento.
Gli elettori residenti all'estero e iscritti all’Aire che intendono votare in Italia, devono far pervenire al consolato competente per residenza (Ambasciata o Consolato), entro il 10° giorno dall'indizione delle consultazioni , la dichiarazione di opzione per il voto in Italia (link: https://www.comune.vicenza.it/utilita/documento.php/158423), su carta libera, che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del Comune italiano d'iscrizione Aire, l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare l'opzione. L’opzione non ha carattere definitivo, ma vale esclusivamente per per la consultazione a cui si riferisce e dovrà essere eventualmente rinnovata a ogni elezione.
La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità dello stesso e può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano all’ufficio Consolare di riferimento, anche tramite persona diversa dall’interessato, entroentro il 10° giorno dall'indizione delle consultazioni, con possibilità di revoca entro lo stesso termine.

Cittadini italiani temporaneamente all’estero

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all’estero, alla data del referedum, per un periodo di almeno tre mesi, nonché i familiari con loro conviventi, possono partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.
Per partecipare al voto all’estero, questi elettori devono, entro il 10° giorno dall'indizione delle consultazioni, far pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali la propria opzione di voto
all’estero, redatta su apposito modulo ministeriale disponibile solo in prossimità della consultazione indetta. È possibile revocare l’opzione già espressa, entro lo stesso termine.
Si ricorda che l’opzione non ha carattere definitivo, ma è valida solo per la consultazione a cui si riferisce e decade automaticamente alla conclusione delle operazioni di voto.
L’opzione  può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall’interessato, senza alcuna delega.
La dichiarazione di opzione, resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e redatta su carta libera, deve essere corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve essere completa in ogni dato richiesto,  soprattutto deve contenere l’indicazione corretta dell’indirizzo postale estero a cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza.

Modulistica

 

Dove e quando

Cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’Aire

Consolato o Ambasciata di riferimento, competente per territorio di residenza dell’elettore, reperibile sul sito del Ministero degli Affari Esteri (http://www.esteri.it/mae/it/ministero/laretediplomatica/ambasciate/default.html)

Cittadini italiani temporaneamente all’estero

Ufficio Elettorale
Palazzo degli Uffici (primo piano), piazza Biade 26
Orario di apertura al pubblico: lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30; mercoledì chiuso; martedì e giovedì dalle 16.30 alle 18 (solo su appuntamento prenotato on line)
Prenotazioni appuntamenti on line (link: http://www.comune.vicenza.it/prenotazioni)
Tel. 0444221433, 221432 e 221430, fax 0444221431
Email: uffelettorale@comune.vicenza.it
PEC:  vicenza@cert.comune.vicenza.it

 

 

Collegamento alle pagine del settore Anagrafe, stato civile ed elettorale (link: http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipserv/spdemele/)

Come valuti questa pagina?

Navigazione di: Certificati e documenti


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Infrastruttura Internet a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza