Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa > Comunicati stampa

15/03/2013

“Dios no mata", l'argentino Nobel per la Pace Adolfo Perez Esquivel a Vicenza il 19 marzo

Cosa vuol dire coltivare la nonviolenza in un contesto in cui i conflitti aumentano ed è la dimensione economico-finanziaria a determinare le situazioni di tensione? Cosa significa interrogarsi sulla pace proprio in una città che ha subito la costruzione di una nuova base militare con modalità che hanno fortemente segnato la popolazione?

Risponderà a queste domande l'argentino premio Nobel per la Pace Adolfo Perez Esquivel nel corso di un incontro pubblico organizzato dall'assessorato alla pace del Comune e dalla Pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Vicenza al Palazzo delle Opere Sociali di piazza Duomo 2 , martedì 19 marzo alle 20.30.

"Mi auguro che la presenza di questa autorevole e bella figura – dichiara l'assessore Giovanni Giuliari - possa risvegliare in molti concittadini sentimenti di pace e nonviolenza che ogni giorno possiamo esprimere nelle nostre scelte di vita quotidiana. Una città cresce bene se i suoi cittadini sanno educare ed educarsi alla pace. E' questo un impegno che l'amministrazione comunale si è assunta in questi anni, promuovendo e sostenendo iniziative che iniziative che hanno cercato di fare di Vicenza una città per la pace. Avere tra noi un premio Nobel per la Pace ci rinfranca e ci incoraggia a continuare questo percorso."

Nato nel 1931 a Buenos Aires, figlio di un emigrato dalla Galizia spagnola e di un'india, l’argentino Adolfo Perez Esquivel per tutta la vita è stato un “combattente” della nonviolenza, un testimone della giustizia che ha pagato la coerenza delle idee con il carcere duro e con le torture. Proprio nella cella stretta e buia detta “tubo” dove nel 1977 è stato rinchiuso senza processo dalla dittatura militare argentina ha visto, scritto col sangue, “Dios no mata” (Dio non uccide), parole che sono diventate il cuore della sua fede disarmata. Adolfo Pérez Esquivel ha cominciato negli anni '60 ad occuparsi degli abusi contro i diritti umani compiuti nel suo Paese, specialmente nei confronti dei leader locali che stavano lavorando per la pace e la democrazia, organizzando movimenti nonviolenti per il cambiamento in America Latina. Nel 1974 è stato nominato segretario generale del neo costituito movimento Servicio Paz y Justicia (SERPAJ ), gruppo di coordinamento dei movimenti nonviolenti in quell’area. Da allora Esquivel non ha mai smesso di schierarsi con gli oppressi e i diseredati, i tanti senza voce e senza volto del Sud del mondo. Dopo la sua liberazione ha continuato senza sosta a viaggiare e a lottare in difesa dei diritti umani. Il suo impegno infaticabile è stato riconosciuto dalla comunità internazionale con l'attribuzione nel 1980 del premio Nobel per la Pace. Nel 1999 ha ricevuto anche il Premio Pacem in Terris, assegnato dalla chiesa cattolica per onorare le persone che si distinguono per il loro impegno per la pace e la giustizia nel proprio Paese e nel mondo.

Dal 2003 è presidente della Lega internazionale per i diritti umani e la liberazione dei popoli. È inoltre membro del Tribunale popolare permanente, il tribunale internazionale che esamina e fornisce sentenze su violazioni dei diritti umani e dei popoli.

Più recente è il suo impegno sui fronti dell'attivismo ambientale e della lotta contro il saccheggio delle ricchezze dei popoli.

Martedì 19 marzo alle 17.30 Adolfo Perez Esquivel sarà ricevuto a Palazzo Trissino dal sindaco Achille Variati.

Galleria fotografica

La locandina dell'incontro

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Navigazione di: Comunicati stampa


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza