Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

03/12/2013

L’8 dicembre al Teatro Astra:“La chiamarono Maria”, racconto d’infanzia per madre e figlia

Foto di Alessandro Dalla Pozza

Una bambina di nome Maria. La sua storia, antichissima, spiegata ai bambini attraverso il linguaggio dell’immaginazione. Un racconto sospeso tra sacro e profano. È questo “LA CHIAMARONO MARIA” la nuova produzione per ragazzi firmata La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile di Innovazione, che andrà in scena al Teatro Astra di Vicenza eccezionalmente sabato 7 dicembre (ore 20.30) e domenica 8 dicembre (ore 17), all’interno della rassegna “FAMIGLIE A TEATRO 13-14”.
“FAMIGLIE A TEATRO” è il progetto de La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per il Comune di Vicenza con il sostegno del Ministero dei Beni Culturali, Regione Veneto, Provincia di Vicenza, Banca Popolare di Vicenza e Askoll.
La storia comincia proprio dall’inizio, dal desiderio di mamma Anna e papà Gioacchino di avere una figlia. E poi continua, fino a quando Maria diventa a sua volta madre. Non è un caso se Ketti Grunchi, autrice e regista dello spettacolo – che vede l’accompagnamento dal vivo del musicista Davide Pilastro al violoncello e le scenografie e luci di Yurij Pevere - ha scelto di dividere la scena con la figlia quindicenne Delfina Pevere. Un racconto laico, semplice e poetico, divertente e ironico, che riafferma il valore della trasmissione orale tra le generazioni, la preziosità del rapporto madre-figlia e l’importanza del sacro.
Liberamente tratto dall’omonimo testo scritto da Maria Loretta Giraldo e illustrato da Nicoletta Bertelle (Edizioni San Paolo 2006), “LA CHIAMARONO MARIA” nasce anche dai racconti dei Vangeli apocrifi e dalle immagini dell’arte sacra. Presentato per la prima volta come evento speciale in Basilica palladiana durante la 9a edizione del Festival Biblico, lo spettacolo restituisce immagini, simboli e parole che attraversano tutte le culture, dentro una cornice narrativa di teatro popolare.
Spiega Ketti Grunchi: “Quella dell’infanzia di Maria è una storia antica che può essere raccontata ai bambini. Una grande storia, che viene da lontano e che ha cambiato il nostro mondo. È questa la potenza delle storie. Vanno direttamente agli archetipi, ai simboli che fondano i nostri pensieri e il nostro vivere nella comunità. Importantissimo è stato l’incontro con un libro che restituisce all’infanzia la storia della nascita di Gesù, collocandola in una narrazione per i bambini sul desiderio e la sacralità della maternità. Il risultato è un racconto poetico e sospeso di un annuncio, di un sì, di un grande mistero”.
Lo spettacolo è adatto ai bambini a partire dai 3 anni di età. In teatro sarà presente anche la Libreria San Paolo con un assortimento di libri per l’infanzia.
E in più, sabato 7 dicembre (ore 16.30) al Polo Giovani B55 (Contrà Barche 55) Ketti Grunchi e Delfina Pevere condurranno un laboratorio teatrale per i piccoli spettatori (dai 6 ai 10 anni) in coppia con il proprio genitore dal titolo “Più piccolo / più grande”. Un gioco teatrale con il corpo e la voce, in un luogo che si inventa e reinventa, mentre i gesti raccontano storie. Per giocare con le dimensioni - il piccolo e il grande – e con i gruppi – quello dei bambini e quello degli adulti.
Infine, sempre al Polo Giovani B55 (ore 17), si terrà l’incontro con l’autrice del libro “La chiamarono Maria” Maria Loretta Giraldo dal titolo “Rime, trame e racconti”, condotto da Carlo Presotto. L’ingresso è libero.
Attivi come sempre i due parcheggi gratuiti: per lo spettacolo del sabato sera presso il Circolo Tennis (accesso da Contrà della Piarda – dopo Contrà Barche a sinistra), per quello della domenica il parcheggio della Provincia di fronte al Teatro. I parcheggi hanno una capienza limitata: si consiglia di arrivare in anticipo. E come ogni anno, prima e dopo gli spettacoli sarà attivo il punto di ristoro Equobar, con i suoi prodotti di caffetteria, pasticceria e snack equosolidali, biologici e a km zero.
I biglietti (adulto intero 6,50 euro, adulto ridotto 5 euro, bambini 4 euro, diritto di prevendita 0,50 euro) sono in vendita negli uffici del Teatro Astra con orario 9.30-13 e 15-18. Inoltre, anche quest’anno torna la promozione “Porta il nonno a teatro”: un nonno e due nipoti entrano a teatro con 10 euro. Il botteghino apre un'ora prima dell'inizio dello spettacolo.

 

Informazioni per il pubblico

Ufficio Teatro Astra

Contrà Barche 55

telefono 0444 323725 - mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

info@teatroastra.it

www.teatroastra.it

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza