Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

05/11/2013

Teatro Astra, “Il gioco del lupo” tra principi, maggiordomi e pupazzi: il 10 novembre

“Famiglie a teatro” apre con con il lavoro firmato Teatro Distinto

Un insolito principe. Il suo maggiordomo. La sua elegante sala da pranzo. Inizia così “IL GIOCO DEL LUPO” della compagnia piemontese Teatro Distinto, lo spettacolo vincitore del festival Giocateatro 2013 di Torino che approda domenica 10 novembre al Teatro Astra di Vicenza. L’appuntamento, in doppia replica alle 15 e alle 17, inaugura il cartellone 2013-2014 di FAMIGLIE A TEATRO, il progetto de La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per il Comune di Vicenza con il sostegno del Ministero dei Beni Culturali, Regione Veneto, Provincia di Vicenza, Banca Popolare di Vicenza e Askoll.

Una proposta teatrale che, confermando un trend positivo, ha già segnato un primo successo al botteghino, con la sottoscrizione di 540 abbonamenti. Fino al 10 novembre è ancora possibile abbonarsi all’intera stagione e al percorso di 5 spettacoli Lupetto, mentre i parziali Coccinella sono disponibili fino al 24 novembre.

Interpretato da Daniel Gol e Alessandro Nosotti, che hanno anche curato la regia insieme a Luca Marchegiani, “IL GIOCO DEL LUPO” è uno spettacolo poetico e divertente, popolato da pupazzi e strani giocattoli, che esplora l’emozione dell’aggressività nella forma di un gioco teatrale. In un’ambientazione fiabesca solo accennata, la messa in scena si sviluppa senza l’uso di parole, immersa in un insieme di suoni e musica e con un’attenzione particolare per la mimica e il linguaggio del corpo, spaziando dal teatro di figura agli stili del cinema muto.

Quanto siamo consapevoli della nostra aggressività, chi sa insegnarci la misura con cui possiamo manifestarla? – commentano Gol, Nosotti e Marchegiani - Proviamo a comprimerla e censurarla, sperando di non vederla mai esplodere? Scegliamo di esasperarla per difenderci e non avere paura? Un tema complesso e articolato, soprattutto per genitori ed educatori che lavorano in quello spazio delicato tra la definizione della norma e l'incontro con la parte aggressiva di cui ogni essere umano è portatore. Perché, prima o poi, tutti siamo vittime del fascino del lupo. Per questo abbiamo provato ad esplorare questo sentimento e scoprire fino a che punto è possibile esprimerlo, senza il rischio di restare soli. Attraverso il gioco, possiamo dare forma alla sua ombra; bussare alla sua porta per conoscerla e scoprire fino a che punto possiamo esprimerla, senza correre il rischio di restare soli”.

Lo spettacolo è adatto ai bambini a partire dai 3 anni di età.

E in più, sabato 9 novembre (ore 16.30) Teatro Distinto condurrà un laboratorio teatrale per i piccoli spettatori dal titolo “Io/l’altro”, un percorso di conoscenza reciproca attraverso esercizi di gruppo, a coppie e singoli, in cui il corpo, la voce e la parola diventano strumenti per liberarsi dai propri timori ed utilizzare le proprie potenzialità espressive, con particolare attenzione alle emozioni (curiosità, paura, empatia…) legate all’incontro con l’altro.

Attivi come sempre i due parcheggi gratuiti: per la replica delle 15 presso il Circolo Tennis (accesso da Contrà della Piarda – dopo Contrà Barche a sinistra), per quelle delle 17 nel parcheggio della Provincia di fronte al Teatro. I parcheggi hanno una capienza limitata: si consiglia di arrivare in anticipo. E come ogni anno, prima e dopo gli spettacoli sarà attivo il punto di ristoro Equobar, con i suoi prodotti di caffetteria, pasticceria e snack equosolidali, biologici e a km zero.

L’abbonamento completo (adulto intero 40 euro, adulto ridotto 32 euro, bambini 24 euro), i percorsi di 5 spettacoli Coccinella o Lupetto (adulto intero 27 euro, adulto ridotto 22 euro, bambini 18 euro) e i biglietti (adulto intero 6,50 euro, adulto ridotto 5 euro, bambini 4 euro, diritto di prevendita 0,50 euro) sono in vendita negli uffici del Teatro Astra con orario 9.30-13 e 15-18. Inoltre, anche quest’anno torna la promozione “Porta il nonno a teatro”: un nonno e due nipoti entrano a teatro con 10 euro. Il giorno di spettacolo il botteghino apre alle ore 14.

Il laboratorio del sabato pomeriggio per chi acquista un biglietto costa 13 euro l’uno oppure 35 euro il percorso di tre appuntamenti, mentre per gli abbonati 10 euro l’uno o 25 euro per il percorso completo.

Informazioni per il pubblico
Ufficio Teatro Astra
Stradella
Barche 5
Tel. 0444 323725

info@teatroastra.it
www.teatroastra.it

 

Galleria fotografica

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza