Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

07/10/2013

Arriva “Zero rifiuti in mensa”, un progetto sperimentale per ridurre i rifiuti in plastica

Per gli utenti delle classi che aderiranno c'è un “lunch box” gratuito e 15 centesimi di sconto su ogni pasto

Si chiama “Zero rifiuti in mensa”. E' il nuovo progetto sperimentale che l'assessorato alla formazione del Comune di Vicenza propone a tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado dotate di mensa scolastica. L'obiettivo è ridurre i piatti e le posate di plastica buttati ogni giorno nella spazzatura della scuola.
“La questione è prima di tutto educativa – ha sintetizzato l'assessore alla formazione Umberto Nicolai nel presentare l'iniziativa – : mentre a casa le famiglie adottano da tempo la raccolta differenziata e a scuola viene insegnato il rispetto dell'ambiente, nelle mense scolastiche della città si producono ogni anno 14 tonnellate di rifiuti in plastica che, essendo sporchi di cibo, non vengono nemmeno riciclati, ma gettati direttamente nel secco”.
Il progetto, proposto a tutti i dirigenti scolastici le cui scuole vi potranno aderire in via sperimentale con una o più classi, consiste nell'abbandonare i piatti usa e getta (35 grammi di plastica a persona a pasto) in favore di un kit in materiale infrangibile e lavabile (lunch box) contenente piatti e posate, fornito gratuitamente dal Comune. In alternativa, le classi che aderiranno potranno scegliere di utilizzare piatti e posate portati da casa dai bambini in un contenitore ermetico fornito dalla famiglia.
Chi aderirà alla sperimentazione, inoltre, avrà uno sconto di 15 centesimi sul costo di ogni singolo pasto, come piccolo incentivo per rendere ancora più evidente la convenienza di un comportamento virtuoso.
“All'estero il sistema è già molto diffuso – ha aggiunto l'assessore – mentre da noi ci sono solo alcune esperienze che non riguardano intere città. Siamo quindi degli apripista e per questo non abbiamo voluto imporre niente dall'alto”.
“L'aspetto più importante del progetto – ha aggiunto il coordinatore dei dirigenti scolastici Giuseppe Malfermoni – è quello legato alla produzione di rifiuti che mal si concilia con l'attività di educazione all'alimentazione che si fa a scuola e in particolare in mensa. Decisamente meno importante è lo sconto di 15 centesimi che va controbilanciato con un possibile fastidio, per le famiglie, in termini di pulizia e di gestione del kit. Prima di aderire all'iniziativa sarà quindi necessario che in ogni scuola si coinvolgano le famiglie perché solo da una comprensione e condivisione delle motivazioni del progetto potrà scaturire un'adesione personale, indispensabile al successo dell'iniziativa”.
A questo scopo il Comune di Vicenza ha predisposto un breve spot, pubblicato tra le notizie in evidenza del sito, che sintetizza le motivazioni ambientali che stanno alla base della proposta.
Entro il mese di ottobre i dirigenti scolastici dovranno indicare al Comune quali classi aderiranno al progetto. Subito dopo scatterà la distribuzione, per chi lo vorrà, del lunch box regalato dal Comune. A giugno saranno analizzate le criticità emerse con la sperimentazione e si deciderà come procedere.

Galleria fotografica

L'assessore Nicolai presenta un esempio di lunch box L'assessore Nicolai presenta un esempio di lunch box L'assessore Nicolai presenta un esempio di lunch box

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza