Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

19/06/2013

Degrado urbano, Variati scrive a Roma: “Via da qui i delinquenti che infettano la città"

Ora basta. Non se ne può più. Queste persone devono essere allontanate da Vicenza prima che anche qui si diffonda il degrado che già affligge molte città italiane. Oggi ho scritto al presidente del Consiglio dei Ministri e al ministro dell'Interno affinché ci diano la possibilità di allontanare per sempre dal nostro territorio chi, in modo ripetuto e conclamato, ha dimostrato di rappresentare un pericolo sociale e di disprezzare le regole del vivere civile nella nostra comunità. Nel frattempo invito il questore perché agisca senza indugio contro questi soggetti, interpretando la norma nel modo più efficace possibile. Noi non neghiamo un letto e il cibo a chi ha bisogno e rispetta le regole della civile convivenza, ma non vogliamo più avere a che fare con i delinquenti che infettano la nostra città”. All'ennesima relazione della polizia locale su casi emblematici di violazione delle regole giunta arrivata oggi sulla sua scrivania, il sindaco Achille Variati ha detto basta e dopo aver informato il prefetto, ha scritto a Roma perché i vertici del Governo, in attesa della tanto attesa riforma della normativa sulla sicurezza urbana, mettano concretamente le forze dell'ordine nelle condizioni di agire con efficacia sul territorio.

Due le vicende che hanno convinto il sindaco a lanciare questo appello a nome dei vicentini. La prima riguarda un liberiano di 23 anni, senza fissa dimora e con una lunga serie di precedenti penali, che ieri pomeriggio in Campo Marzo ha dato in escandescenze, minacciando con una bottiglia rotta usata come arma gli agenti e danneggiando le auto di vigili e polizia; l'altra è la questione dell'area ex Enel, rifugio abusivo notturno per gruppi di rumeni.

L'extracomunitario, ubriaco e drogato, verso le 18 di ieri se l'era presa con un uomo della vigilanza privata dei chioschi allestiti in Campo Marzo che aveva invitato un gruppetto di stranieri a non sporcare l'area con cibo e bevande. Ne era nata un'accesa discussione, a cui aveva preso parte, a difesa dello straniero, anche un vicentino di 40 anni, Marco S. E' stata rotta una bottiglia per essere usata come arma d'offesa, sono stati rovesciati i cestini dei rifiuti e sono volate alcune sedie del bar. Sul posto sono intervenute pattuglie di polizia locale, polizia di Stato e carabinieri che sono riuscite a bloccare i due esagitati non senza subire il danneggiamento delle auto di servizio. Data l'alterazione psicofisica, lo straniero è stato accompagnato in ospedale e poi trattenuto per tutta la notte nella cella di sicurezza del comando di polizia locale. Al mattino l'uomo è stato rilasciato per ordine del pubblico ministero. Per lui solo l'ennesima denuncia penale per resistenza e danneggiamenti.

Il magistrato ha applicato la legge vigente – è il commento del sindaco – Ma quali sono stati i costi per la comunità? Auto pubbliche danneggiate, personale di tre corpi di polizia dirottato da altri servizi, pronto soccorso, lavoro straordinario notturno per gli agenti che hanno preso l'uomo in consegna. E questa persona, con una lunga lista di precedenti dallo spaccio alla violenza, questo delinquente, questo soggetto chiaramente pericoloso, ora è di nuovo per strada. Poche ore dopo il rilascio è stata segnalato nuovamente in Campo Marzo, probabilmente pronto a creare nuovi problemi. Ho informato il prefetto, chiedendo che a suo carico venga avviata una procedura di espulsione senza possibilità di ritorno a Vicenza. Ha dimostrato più volte di disprezzare le regole della civile convivenza e per questo non merita di rimanere qui”.

Anche sulla vicenda dei rumeni dell'ex Enel il sindaco ha chiesto un intervento risolutivo: “I lavori di messa in sicurezza che ho imposto ai privati vanno avanti – ha ricordato Variati - e proseguiranno fino a fine mese. Oggi stesso, con l'eventuale intervento di Aim Ambiente, saranno portati via i materassi sistemati dagli abusivi nel cortile. Da parte mia, nel frattempo, ho incontrato la proprietà con la quale stiamo ragionando sul destino urbanistico dell'area per risolvere definitivamente i problemi. Ma deve essere chiaro che i rumeni che vi ritornano quasi ogni notte, e che cercheranno presto altri ripari, hanno ben poco a che fare con la povertà. Soltanto otto di loro hanno accumulato, negli ultimi quattro mesi, almeno 80 sanzioni per mendicità molesta, accattonaggio, insediamento abusivo, e sono risultati vicini a persone legate al mondo della prostituzione e più volte condannate per reati connessi. Sono cittadini comunitari, ma con questi presupposti non avranno mai la residenza a Vicenza per cui è necessario avere un’abitazione e un lavoro. Per questo, anche per loro, chiedo subito dei fogli di via. Senza casa, né lavoro, né assistenza sanitaria, rappresentano un grave pericolo sociale per la città”.

 

Documenti allegati

Galleria fotografica

Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel Gli interventi di messa in sicurezza procedono all'ex Enel

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza